Cosa sono i codici di condotta dei fornitori?
Promuovi la conformità con IBM Sterling Abbonati agli aggiornamenti sulla sostenibilità
Il disegno del volto di una persona è circondato da disegni di piante, del sole e di una nave da carico

Pubblicato: 8 gennaio 2024
Collaboratori: Alice Gomstyn, Alexandra Jonker

Cosa sono i codici di condotta dei fornitori?

I codici di condotta dei fornitori sono gli standard documentati delle aziende per i membri dei loro ecosistemi di supply chain. Un codice di condotta dei fornitori aiuta un'azienda a garantire che fornitori, subappaltatori e filiali condividano i propri valori in relazione agli standard di lavoro, alla salute e alla sicurezza, agli impatti ambientali e all'etica aziendale.

L'avvento e l'implementazione dei codici di condotta dei fornitori fanno parte di una maggiore enfasi sulla sostenibilità e sulla responsabilità sociale aziendale (CSR). Le aziende, in particolare le società a partecipazione pubblica, sono spesso tenute a prendere decisioni basate sia sulla redditività che sull'effetto delle loro azioni sulle comunità e sul pianeta. In un mercato globale interconnesso, il rispetto di standard elevati nella supply chain con codici di condotta dei fornitori aiuta le aziende ad adempiere alle proprie responsabilità sociali.

7 tendenze di sostenibilità su cui intervenire

Dai un'occhiata alle tendenze che stanno caratterizzando il mondo del business sostenibile e agli insight che possono contribuire a guidare la trasformazione.

Contenuti correlati

Registrati per il playbook sulla gestione degli asset più intelligente

In che modo i codici di condotta dei fornitori sono diventati pratiche commerciali standard?

L'approccio alle operazioni aziendali basato sui valori risale a decenni fa; nel 1953, Howard R. Bowen, nel libro "Social Responsibilities of the Businessman", definì le responsabilità sociali dei dirigenti come "l'obbligo degli uomini d'affari di perseguire quelle politiche, di prendere quelle decisioni o di seguire quelle linee d'azione che sono auspicabili in termini di obiettivi e valori della nostra società."1

Con la globalization, sono cresciute le aspettative per l'applicazione di tali decisioni e azioni basate sui valori nelle supply chain globali e nelle relazioni commerciali. Man mano che le multinazionali si rifornivano presso strutture di produzione in tutto il mondo, sono emerse preoccupazioni sul benessere dei lavoratori e sul lavoro minorile nei Paesi a basso costo di manodopera. Negli anni Novanta, "le società multinazionali iniziarono a riconoscere la responsabilità delle condizioni di lavoro presso gli stabilimenti dei fornitori nei paesi in via di sviluppo, e i codici di condotta sono emersi come il modo dominante per operare in questo senso di responsabilità estesa".2

Oggi, molti codici di condotta dei fornitori non riguardano solo questioni di lavoro, ma anche gli standard ambientali e anticorruzione. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite sulle catene di fornitura sostenibili, "lavorando insieme, gli acquirenti e i fornitori delle supply chain e delle reti globali possono far progredire i diritti umani, compresi i diritti del lavoro, la resilienza climatica, la protezione dell'ambiente, la crescita economica inclusiva e le pratiche commerciali etiche."3

L'ONU ha avuto una grande influenza sui codici di condotta dei fornitori delle aziende: nel creare i loro codici, diverse multinazionali hanno citato accordi e dichiarazioni delle Nazioni Unite come il Global Compact, la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e la Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione. Oltre agli accordi delle Nazioni Unite, i codici di condotta dei fornitori spesso incorporano gli standard della Dichiarazione dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) sui principi e i diritti fondamentali sul lavoro.

Prodotti correlati

IBM Sterling Transparent Supply

IBM Trust Your Supplier

IBM Food Trust

In cosa consistono i codici di condotta dei fornitori?

Gli standard relativi a tre aree, ovvero lavoro, salute e sicurezza e ambiente, occupano un posto di primo piano nei codici di condotta dei fornitori. La Responsible Business Alliance (RBA), la più grande coalizione industriale al mondo dedicata alla condotta aziendale responsabile nelle catene di supply chain globali, descrive in dettaglio gli standard relativi a queste tre aree come segue:

Manodopera

Gli standard di lavoro includono il requisito della libera scelta dell'impiego, ovvero che i fornitori non possono utilizzare il lavoro forzato, come la schiavitù moderna e i lavoratori assunti attraverso la tratta di esseri umani. È inoltre vietato l'utilizzo di lavoro minorile in qualsiasi fase della produzione. Gli orari di lavoro e i salari devono essere conformi alle leggi locali, comprese quelle sul lavoro. Violenza, bullismo e abuso verbale sono vietati.

Gli standard di lavoro sottolineano anche la non discriminazione/non molestia. Nelle pratiche di assunzione e occupazione, le aziende non sono autorizzate a impegnarsi in discriminazione o molestie in base a razza, colore, età, sesso, orientamento sessuale, identità di genere, etnia o origine nazionale, disabilità, gravidanza, religione, affiliazione politica, appartenenza sindacale, stato di veterano coperto da indennizzo, informazioni genetiche protette o stato civile.

Le aziende non possono violare la libertà di associazione e gli sforzi di contrattazione collettiva: devono rispettare i diritti dei lavoratori di formare e aderire a sindacati. I lavoratori non possono subire ritorsioni nell’ambiente di lavoro per le loro scelte.

Salute e sicurezza

Gli standard di salute e sicurezza comprendono linee guida sulla sicurezza sul lavoro, sulla preparazione alle emergenze, sulla gestione degli infortuni e delle malattie professionali, sull'igiene industriale, sul lavoro fisicamente impegnativo e sulla tutela dei lavoratori quando i macchinari presentano un pericolo.

Le organizzazioni devono anche fornire ai lavoratori l'accesso a servizi igienici puliti, acqua potabile e strutture per mangiare. Quando un'azienda fornisce dormitori per lavoratori, questi devono essere mantenuti puliti e sicuri con sistemazioni in loco come acqua calda e illuminazione adeguata.

Le imprese devono inoltre fornire ai lavoratori un'adeguata informazione e formazione in materia di salute e sicurezza sul posto di lavoro.

Ambiente

Gli standard ambientali richiedono alle aziende di "identificare gli impatti ambientali e ridurre al minimo gli effetti negativi sulla comunità, sull'ambiente e sulle risorse naturali all'interno delle operazioni di produzione, proteggendo al tempo stesso la salute e la sicurezza del pubblico", secondo l'RBA.4

Gli standard coprono le approvazioni per le autorizzazioni ambientali, la prevenzione dell'inquinamento e la riduzione delle risorse, la movimentazione di sostanze pericolose, lo smaltimento dei rifiuti solidi e il riciclaggio, la gestione dell'acqua, la gestione delle emissioni d'aria e il monitoraggio e la riduzione delle emissioni di gas serra.

I codici di condotta dei fornitori possono includere anche sezioni sull'etica e sui sistemi di gestione.

Etica

Gli standard etici promuovono i più alti standard di integrità aziendale come la tolleranza zero per concussione, corruzione, estorsione e appropriazione indebita, nonché il rispetto delle leggi anti-corruzione come il Foreign Corrupt Practices Act negli Stati Uniti e il Bribery Act del 2010 nel Regno Unito . Inoltre, sottolineano la trasparenza nei rapporti commerciali, la tutela dei diritti di proprietà intellettuale, le pratiche commerciali corrette, gli standard di concorrenza leale privi di conflitti di interesse, l'approvvigionamento responsabile dei minerali, compresa la due diligence sulla catena di custodia di tali minerali, la tutela degli informatori e la protezione delle informazioni personali di tutti coloro con cui un'azienda intrattiene rapporti commerciali.

Sistemi di gestione

Le aziende possono monitorare i rapporti con i fornitori e la conformità ai codici di condotta dei fornitori, nonché la conformità alle leggi applicabili, attraverso sistemi di gestione. Gli elementi di tali sistemi possono includere la formazione sull'attuazione delle procedure allineate al codice, la gestione dei rischi, gli audit e le valutazioni per verificare la non conformità e un processo di azione correttiva per affrontare le carenze. Tali sistemi possono facilitare il miglioramento continuo da parte delle aziende mentre lavorano per raggiungere obiettivi ambientali, sociali, di salute e sicurezza.

Soluzioni correlate
IBM OpenPages

Semplifica il modo di gestire il rischio e la conformità normativa con una piattaforma GRC unificata.

Esplora IBM OpenPages

IBM Process Mining

Aumenta l'efficienza con l'intelligenza dei processi basata sull'AI.

Esplora IBM Process Mining

IBM Cloud Pak for Data

Prevedi i risultati più velocemente su una piattaforma costruita con un'architettura Data Fabric. 

Scopri IBM Cloud Pak for Data
Risorse IBM Supply Chain Community

Scopri le best practice per l'integrazione B2B, il trasferimento dei file gestito, la gestione degli ordini e le soluzioni blockchain da una community di utenti ed esperti.

Cos'è il GRC?

Un framework di governance, rischio e conformità aiuta un'organizzazione ad allineare l'IT agli obiettivi aziendali e alle esigenze di conformità normativa.

Cos'è la Corporate Sustainability Reporting Directive?

La legislazione dell’Unione Europea impone alle imprese dell’UE di riferire sull’impatto ambientale e sociale delle loro attività commerciali e sull’impatto aziendale dei loro sforzi ESG.

Che cos'è l'order management?

L'order management è il monitoraggio degli ordini dall'inizio all'evasione e la gestione delle persone, dei processi e dei dati collegati all'ordine durante il suo ciclo di vita.

Cosa sono le emissioni di gas serra?

Il rilascio di alcuni gas nell'atmosfera terrestre può creare un "effetto serra", a causa del quale il calore si blocca nell'atmosfera e le temperature globali aumentano.

Cosa sono le emissioni di Scope 3?

Le emissioni Scope 3 sono una categoria di emissioni di gas a effetto serra derivanti da operazioni aziendali da fonti che non sono direttamente possedute o controllate da un'organizzazione.

Fasi successive

IBM Sterling Supply Chain Intelligence Suite è una soluzione di ottimizzazione e automazione basata su AI. Progettata per le organizzazioni che trovano difficoltà nel rimediare alle perturbazioni nella supply chain attraverso la trasformazione tradizionale, la suite facilita la resilienza e la sostenibilità della rete di approvvigionamento, aumenta l'agilità e velocizza il time-to-value mediante insight attivabili, workflow più smart e automazione intelligente.

Esplora Supply Chain Intelligence Suite Provalo gratis per 30 giorni
Note a piè di pagina

A literature review of the history and evolution of corporate social responsibility”(link esterno a ibm.com), International Journal of Corporate Social Responsibility, 22 gennaio 2019.

2A systematic review of the literature on supplier code of conduct”(link esterno a ibm.com), International Journal of Contemporary Management, 2018.

Supply Chain Sustainability: A Practical Guide for Continuous Improvement”(link esterno a ibm.com), United Nations Global Compact Office and BSR, 2015.

4Responsible Business Alliance Code of Conduct”(link esterno a ibm.com), Responsible Business Alliance, 2021.