Cosa sono le emissioni Scope 3? 
Esplora IBM Envizi
Vista aerea di una nave cargo in transito
Cosa sono le emissioni di Scope 3?

Le emissioni Scope 3 sono una categoria di emissioni di gas a effetto serra (GHG) generate da operazioni di business da fonti che non sono direttamente possedute o controllate da un'organizzazione, come la catena di fornitura, il trasporto, l'utilizzo o lo smaltimento dei prodotti.Chiamate anche emissioni della catena del valore, sono le più difficili da misurare e ridurre.

In particolare, le Scope 3 richiedono alle organizzazioni di cercare casi di emissioni di carbonio che non rientrano nella loro impronta di carbonio diretta e di quantificarli attraverso la catena del valore non soggetta al loro controllo diretto.Ciò include le emissioni incorporate nelle risorse o nelle materie prime consumate dall’organizzazione (carta utilizzata, rifiuti prodotti, caffè consumato) e le emissioni dei fornitori.

Uno studio del Carbon Disclosure Project1 del 2022 ha rilevato che, per le aziende che rendicontano in base al CDP, le emissioni della supply chain sono il principale contributore alle emissioni di gas serra, poiché rappresentano in media 11,4 volte più emissioni rispetto alle emissioni operative.

La rendicontazione e la riduzione delle emissioni Scope 3 è di più immediata rilevanza per le organizzazioni che rendicontano in base al CDP o che si sono impegnate a rendicontare in base alla Global Reporting Initiative (GRI) o al framework della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD). È importante anche per le organizzazioni che si sono impegnate nell'iniziativa Science Based Targets (SBTi), una partnership tra CDP, United Nationals Global Compact, World Resources Institute e World Wide Fund for Nature.

A causa della complessità e del volume di dati richiesti, il calcolo e la rendicontazione Scope 3 devono essere affrontati in modo sistematico per garantire che le aziende rispettino gli standard di divulgazione dei principali framework di reporting ESG. Divulgare con successo le emissioni Scope 3 può anche aiutare le aziende a soddisfare le aspettative dei propri stakeholder, poiché investitori, dipendenti e comunità sono sempre più interessati al monitoraggio delle emissioni e all'impegno per la mitigazione dell'impronta di carbonio delle organizzazioni.

Guida alla reportistica delle emissioni di Ambito 3

Trova indicazioni su come affrontare i calcoli Scope 3 e ridurre al minimo la complessità di questo tipo di rendicontazione dei gas serra.

Contenuti correlati

Iscriviti alla newsletter IBM

Emissioni Scope 1, 2 e 3 a confronto

Le emissioni GHG sono categorizzate in tre gruppi o "ambiti" dal Greenhouse Gas Protocol2 (GHGP o Protocollo GHG), un'iniziativa congiunta del World Resources Institute e del World Business Council for Sustainable Development. Il Protocollo GHG è lo strumento di contabilità del carbonio più utilizzato. I suoi Scope 1, 2 e 3 sono un modo per categorizzare i diversi tipi di emissioni di carbonio che un'azienda genera nelle proprie operazioni e nella catena del valore più ampia. Questi ambiti interessano i sei gas serra inseriti nel protocollo di Kyoto: diossido di carbonio (CO2), metano (CH4), ossido di carbonio (N2O), idrofluorocarburi (HFC), perfluorocarburi (PFC) ed esafluoruro di zolfo (SF6).3

  • Lo Scope 1 include tutte le emissioni dirette di un'organizzazione, come i veicoli aziendali, le emissioni derivanti dai processi di produzione e la combustione di combustibili in loco, come la combustione di gas per produrre calore.
     

  • Lo Scope 2 comprende le emissioni indirette derivanti dal consumo di elettricità, calore o vapore acquistati.

  • Lo Scope 3 include tutte le altre emissioni indirette che si verificano nella catena del valore di un'azienda e che includono casi di emissioni di carbonio al di fuori dell'impronta fisica diretta dell'azienda. Le emissioni Scope 3 di un'organizzazione sono spesso le emissioni Scope 1 e 2 di altre aziende nella sua catena del valore.

Le emissioni Scope 1 e 2 sono spesso più facili da calcolare, poiché i dati relativi alle attività pertinenti sono facilmente accessibili all'azienda che effettua la rendicontazione. Queste emissioni sono anche più semplici da controllare passando dalle fonti di energia acquistate alle energie rinnovabili o ai veicoli elettrici. Per questi motivi, il controllo degli Scope 1 e 2 tende a essere il punto focale del percorso di un'organizzazione verso la decarbonizzazione e il raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni GHG.  

A confronto, le emissioni Scope 3 sono più difficili da calcolare e controllare perché sono generate da terze parti (ad esempio, un membro della supply chain) per le quali l'azienda che redige il report ha visibilità o controllo limitati. Pertanto, i dati necessari per un calcolo accurato delle emissioni non sono di facile accesso.

Categorie di emissioni Scope 3

Le emissioni Scope 3 sono suddivise in 15 categorie, a loro volta organizzate in due tipologie: emissioni a monte o a valle nella catena del valore.Questa categorizzazione mira a fornire maggiori linee guida e struttura nella segnalazione delle numerose emissioni che rientrano in questo ambito.

Le emissioni Upstream Scope 3 sono emissioni relative a:

  • Beni e servizi acquistati
  • Beni strumentali
  • Attività relative al carburante e all'energia (non incluse nei calcoli delle emissioni Scope 1 o Scope 2)
  • Trasporto e distribuzione a monte
  • Rifiuti generati dalle operazioni
  • Viaggi d'affari
  • Pendolarismo dei dipendenti
  • Asset in leasing upstream

Le emissioni Downstream Scope 3 sono emissioni relative a

  • Trasporto e distribuzione a valle
  • Elaborazione dei prodotti venduti
  • Utilizzo dei prodotti venduti
  • Trattamento relativo alla fine del ciclo di vita dei prodotti venduti
  • Asset in leasing a valle
  • Franchising
  • Investimenti

Per aderire pienamente agli standard GHGP, le organizzazioni devono rendicontare le emissioni totali di tutte le categorie pertinenti sopra elencate. È anche importante notare che le categorie pertinenti possono variare notevolmente, sia tra i settori che all'interno di essi.

Ad esempio, le aziende automobilistiche che producono automobili alimentate a combustibili fossili vedrebbero una parte significativa delle loro emissioni Scope 3 provenire dalla categoria 11 a valle, l'uso di prodotti venduti, mentre le aziende di beni di consumo in rapida evoluzione (FMCG) vedrebbero la maggior parte delle loro emissioni provenire dalla categoria 1 a monte, prodotti e servizi acquistati.

Nell'ambito del settore immobiliare commerciale, un'agenzia immobiliare che costruisce nuovi edifici avrà un mix di categorie Scope 3 molto diverso rispetto a un fondo di investimento immobiliare che investe solo in costruzioni esistenti.

Segnalazione delle emissioni Scope 3
Indicazioni GHGP

Misurare le emissioni Scope 3 lungo l’intera catena del valore può essere complesso, soprattutto per le organizzazioni che hanno appena iniziato. Per favorire questo processo, il GHGP ha pubblicato il Corporate Value Chain (Scope 3) Accounting and Reporting Standard4, che include una guida per aiutare le aziende a comprendere la portata e l'impatto delle emissioni della loro catena del valore sui cambiamenti climatici, al fine di concentrare i loro sforzi di decarbonizzazione.

Le organizzazioni possono sfruttare questa guida GHGP per: (1) preparare report accurati sull'inventario Scope 3 adottando approcci e principi standard, (2) sviluppare strategie efficaci per la gestione e la riduzione delle emissioni Scope 3 e (3) mantenere una rendicontazione pubblica coerente e trasparente sulle emissioni della propria catena del valore aziendale.

Contabilità e rendicontazione Scope 3
Scelta delle categorie di emissioni e dei tipi di dati

Una delle sfide principali è quella di stabilire i confini per i dati Scope 3: determina le categorie di emissioni da segnalare, i fornitori e i tipi di dati all'interno di ciascuna categoria. Una nota tecnica rilasciata da CDP5 contiene indicazioni sulle categorie relative a settori specifici. Ad esempio, le materie prime agricole devono rendicontare le emissioni derivanti da beni e servizi acquistati, dalla lavorazione dei prodotti venduti e dall'uso dei prodotti venduti, mentre i servizi di trasporto devono rendicontare le emissioni derivanti da attività legate al carburante e all'energia e dal trasporto e distribuzione a monte, nonché dai beni e servizi acquistati.

Nonostante queste linee guida, le aziende potrebbero trovarsi nella posizione migliore per lavorare con consulenti o personale interno esperto per determinare i confini della rendicontazione Scope 3.

Selezione delle metodologie di calcolo

Quando calcolano le emissioni, le organizzazioni cercano di fornire un inventario delle emissioni il più accurato possibile. Nel caso delle emissioni Scope 1 e 2, i calcoli in genere comportano l'applicazione dei dati di origine principale, come l'uso di energia, a un fattore di emissione specifico per la località. Questo approccio si basa sul fatto che le organizzazioni abbiano accesso ai dati di origine principale e ai fattori di emissione granulari. Questo livello di granularità dei dati spesso non è disponibile per i calcoli Scope 3. Per affrontare questa sfida, il protocollo GHG descrive 13 metodi di calcolo e definisce alberi decisionali per aiutare gli utenti a selezionare le metodologie di calcolo per ciascuna categoria Scope 3.

Creare una base di dati

I dati richiesti per la rendicontazione delle emissioni Scope 3 sono determinati dalle categorie di emissioni Scope 3 e dal metodo di calcolo delle emissioni selezionato. Questi dati possono essere notevolmente più numerosi di quelli richiesti per le emissioni Scope 1 e 2. Spesso includono dati non strutturati conservati in sistemi di terze parti o isolati.

I tipi di dati possono interessare le somme spese per prodotti o per i tipi di prodotti e servizi (dati di spesa), i dati relativi a Scope 1 e 2 dei fornitori, i volumi dei beni acquistati e i tipi di servizi ricevuti. Oltre a questi dati sulle attività, le organizzazioni devono anche reperire e acquisire i fattori di emissione. Nei casi in cui non siano disponibili dati sufficienti, la Guida al calcolo dello Scope 3 del Protocollo GHG6 raccomanda di utilizzare dati proxy.

Rendicontazione e divulgazione delle emissioni

Diversi framework e standard di segnalazione ESG consentono, o richiedono, la definizione di obiettivi di emissione Scope 3 e la divulgazione delle prestazioni. I principali framework di segnalazione come CDP, GRI, ENERGY STAR e GRESB offrono diverse risorse, inclusi materiali e strumenti didattici, per aiutare le aziende a divulgare e inviare i dati sulle emissioni di GHGH.

Le aziende possono anche decidere di utilizzare al meglio le soluzioni software-as-a-service (SaaS) che organizzano i dati sulle emissioni di gas serra. Quelle che offrono modelli precostituiti allineati con i principali framework di rendicontazione possono contribuire a rendere la rendicontazione più semplice ed efficiente. Le soluzioni dotate di strumenti di analytics possono aiutare a fornire insight sulle opportunità di riduzione delle emissioni, favorendo il miglioramento delle prestazioni.

Coinvolgere i fornitori per migliorare le prestazioni


"Sebbene le emissioni Scope 3 siano al di fuori del controllo diretto di un'organizzazione, l'organizzazione potrebbe essere in grado di incidere sulle attività che determinano le emissioni. L'organizzazione potrebbe essere in grado di influenzare i propri fornitori o scegliere con quali fornitori collaborare in base alle loro pratiche".

— Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente (EPA)

Il miglioramento delle prestazioni di sostenibilità nella catena del valore va ben oltre il monitoraggio e la segnalazione delle emissioni Scope 3. Oltre alle prestazioni in termini di emissioni, le organizzazioni sono sempre più impegnate a monitorare e migliorare le prestazioni di un'ampia serie di altre metriche ESG in tutta la loro catena del valore, in particolare all'interno della supply chain.

A questo proposito, le organizzazioni spesso iniziano a utilizzare l'inventario delle emissioni Scope 3 di alto livello per individuare i punti critici delle emissioni del ciclo di vita dei loro prodotti, ovvero tutte le emissioni connesse alla produzione e all'utilizzo di un prodotto specifico per tutto il ciclo di vita, secondo il Protocollo GHG. Tuttavia, per favorire la riduzione delle emissioni in tali aree sensibili, le organizzazioni necessitano di dati granulari e fruibili, che vadano oltre i dati e i metodi di calcolo basati sulle spese, passando a input di dati specifici per attività o fornitori e metodi di calcolo più accurati.

Un rapporto7 del World Economic Forum e del Boston Consulting Group delinea il seguente framework che le organizzazioni possono utilizzare per affrontare le emissioni nelle loro supply chain:

  • Creare trasparenza: creare valori di riferimento per le emissioni della catena del valore e scambiare dati con i fornitori; fissare obiettivi ambiziosi per Scope 1 e 2 e riferire pubblicamente i progressi.

  • Ottimizzare per la CO2: riprogettare i prodotti per la sostenibilità; progettare una catena del valore/strategia di approvvigionamento per la sostenibilità.

  • Coinvolgere i fornitori: integrare le metriche relative alle emissioni negli standard di approvvigionamento e monitorare le prestazioni; collaborare con i fornitori per gestire le loro emissioni.

  • Fare pressione sugli ecosistemi: intraprendere iniziative di settore per le best practice, la certificazione e il sostegno; scalare i "gruppi di acquisto" per amplificare gli impegni lato domanda.

    "

  • Abilitare l'organizzazione: introdurre una governance a basse emissioni di carbonio per allineare gli incentivi interni e potenziare l'organizzazione.

Una volta ottenuti dati più granulari sulle prestazioni, le aziende possono utilizzarli per fornire informazioni sulle attività di riduzione delle emissioni a livello di fornitore. L'adozione di tali misure può aiutarli a prevedere, pianificare e monitorare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di riduzione dell'impatto ambientale e i progressi verso il raggiungimento di obiettivi come le emissioni net zero.

Soluzioni correlate
IBM Envizi ESG Suite

Accelera la sostenibilità gestendo tutti gli indicatori ambientali, sociali e di governance (ESG) in un'unica piattaforma.

Scopri IBM Envizi ESG Suite

Soluzioni per la sostenibilità di IBM

Fai scelte informate per la tua azienda.Crea un piano attuabile che sfrutti al meglio i tuoi dati.Usa la sostenibilità come catalizzatore per una trasformazione aziendale redditizia.

Esplora le soluzioni a favore della sostenibilità

IBM Consulting Sustainability Services

Sfrutta la giusta combinazione di persone, processi e tecnologie per trasformare l'ambizione di sostenibilità in azione e diventare un'azienda più responsabile e redditizia.

Esplora i servizi di consulenza per la sostenibilità
Risorse Guida alla reportistica delle emissioni di Ambito 3

Con oltre un decennio di esperienza nell'aiutare i leader della sostenibilità a semplificare la segnalazione ESG rispetto a tutti gli ambiti, IBM Envizi consiglia questo approccio approvato da GHGP per semplificare la contabilità e la rendicontazione dell'Ambito 3.

Cosa significa net zero?

Net zero indica il punto in cui le emissioni globali nette di gas serra causate dall’uomo, inclusi CO2 e CH4, sono state ridotte il più vicino possibile allo zero, con eventuali emissioni residue rimosse permanentemente dall’atmosfera.

Cos'è la decarbonizzazione?

Il termine decarbonizzazione indica la rimozione o la riduzione dei gas serra nell'atmosfera e la maggior parte delle organizzazioni sta adottando misure di decarbonizzazione per passare a un'economia a basse emissioni di carbonio.

Fasi successive

Il potente motore delle emissioni Scope 3 di Envizi calcola automaticamente le emissioni totali utilizzando i fattori di emissione più appropriati e le metodologie di valutazione supportate dal protocollo GHG.

Esplora il modulo Inizia la prova gratuita di 14 giorni
Note a piè di pagina

1 "Scoping Out: Tracking Nature Across the Supply Chain" (link esterno a ibm.com). CDP, marzo 2023.

2 Greenhouse Gas Protocol (link esterno a ibm.com).

3 "Kyoto Protocol – Targets for the first commitment period" (link esterno a ibm.com). Cambiamento climatico delle Nazioni Unite.

4 "Standard Corporate Value Chain (Scope 3)” (link esterno a ibm.com). Greenhouse Gas Protocol.

5 "CDP Technical Note: Relevance of Scope 3 Categories by Sector" (il link esterno a ibm.com). CDP

6 "Technical Guidance for Calculating Scope 3 Emissions." (link esterno a ibm.com). Greenhouse Gas Protocol.

7 "Net-Zero Challenge: The supply chain opportunity" (link esterno a ibm.com). World Economic Forum in collaborazione con Boston Consulting Group, gennaio 2021.