Che cos'è l'hacking etico?
Iscriviti a una newsletter IBM Esplora IBM Security X-Force
Una persona che lavora al computer in una stanza buia
Che cos'è l'hacking etico?

L'hacking etico è l'uso di tecniche di hacking da parte di soggetti legittimi nel tentativo di scoprire, comprendere e correggere le vulnerabilità della sicurezza in una rete o in un sistema informatico. Gli hacker etici hanno le stesse competenze e utilizzano gli stessi strumenti e tattiche degli hacker malevoli, ma il loro obiettivo è sempre migliorare la sicurezza della rete senza danneggiare la rete o i suoi utenti.

Per molti versi l’hacking etico è come una prova generale degli attacchi informatici nel mondo reale. Le organizzazioni assumono hacker etici per lanciare attacchi simulati sulle loro reti di computer. Durante questi attacchi gli hacker etici dimostrano come i criminali informatici reali potrebbero introdursi in una rete e cosa potrebbero o probabilmente fare una volta entrati. Gli analisti della sicurezza delle organizzazioni possono utilizzare queste informazioni per eliminare le vulnerabilità, rafforzare i sistemi di sicurezza e proteggere i dati sensibili.

I termini "hacking etico" e "penetration testing" vengono talvolta utilizzati in modo intercambiabile. Tuttavia, i test di penetrazione (discussi di seguito) sono solo uno dei metodi utilizzati dagli hacker etici. Gli hacker etici possono anche condurre valutazioni delle vulnerabilità, analisi del malware e altri servizi di sicurezza delle informazioni.

Report Cost of a Data Breach 2023
Codice etico degli hacker etici

Gli hacker etici seguono un rigido codice etico per garantire che le loro azioni aiutino anziché danneggiare le aziende. Molte organizzazioni che formano o certificano hacker etici, come l'International Council of E-Commerce Consultants (EC Council), pubblicano il proprio codice etico scritto. Sebbene l'etica indicata possa variare da hacker a hacker e da organizzazione a organizzazione, le linee guida generali sono:

  • Gli hacker etici ottengono il permesso dalle aziende che attaccano: gli hacker etici lavorano o collaborano con le organizzazioni che attaccano. Collaborano con le aziende per definire l’ambito delle loro attività, incluso quando può avvenire l’hacking, quali sistemi e risorse gli hacker possono testare e quali metodi possono utilizzare.
  • Gli hacker etici non provocano nessun danno: gli hacker etici non arrecano alcun danno effettivo ai sistemi che violano, né rubano i dati sensibili che trovano. Quando i "white hat" violano una rete, lo fanno solo per dimostrare cosa potrebbero fare i veri criminali informatici. 

  • Gli hacker etici mantengono riservati i loro risultati: gli hacker etici condividono le informazioni raccolte su vulnerabilità e sistemi di sicurezza con l'azienda e solo con l'azienda. Aiutano inoltre l'azienda a utilizzare questi risultati per migliorare le difese della rete.

  • Gli hacker etici lavorano entro i confini della legge: gli hacker etici utilizzano solo metodi legali per valutare la sicurezza delle informazioni. Non si associano a "black hat" e non partecipano ad hacking dannosi.

Hacker etici e altri tipi di hacker

Rispetto a questo codice etico, esistono altri due tipi di hacker.

Hacker malintenzionati veri e propri
Talvolta chiamati "hacker black hat", gli hacker malintenzionati commettono crimini informatici a scopo di lucro personale, di terrorismo informatico o per altre cause. Attaccano i sistemi informatici per rubare informazioni sensibili, rubare fondi o interrompere le operazioni.

Hacker etici non etici
Talvolta chiamati "hacker gray hat" (o erroneamente scritto "hacker grey hat"), questi hacker utilizzano metodi non etici o addirittura lavorano al di fuori della legge per raggiungere fini etici. Gli esempi includono l'attacco a una rete o a un sistema informativo senza l'autorizzazione per testare un exploit o lo sfruttamento pubblico di una vulnerabilità del software che i fornitori lavoreranno per risolvere. Sebbene questi hacker abbiano buone intenzioni, le loro azioni possono anche indirizzare gli aggressori malintenzionati verso nuovi vettori di attacco.

Competenze e certificati di hacking etico

L'hacking etico è un percorso di carriera legittimo. La maggior parte degli hacker etici ha una laurea in informatica, sicurezza informatica o un campo correlato. Tendono a conoscere linguaggi di programmazione e scripting comuni come Python e SQL. Sono esperti (e continuano a sviluppare le proprie competenze) negli stessi strumenti e metodologie di hacking utilizzati da hacker malintenzionati, inclusi strumenti di scansione di rete come Nmap, piattaforme di test di penetrazione come Metasploit e sistemi operativi specializzati progettati per l'hacking, come Kali Linux.

Come altri professionisti di cybersecurity , gli hacker etici in genere ottengono credenziali per dimostrare le proprie capacità e il proprio impegno verso l’etica. Molti seguono corsi di hacking etico o si iscrivono a programmi di certificazione specifici del settore. Alcune delle certificazioni di hacking etico più comuni includono:

  • Certified Ethical Hacker (CEH): offerta da EC-Council, un organismo internazionale di certificazione della sicurezza informatica, CEH è una delle certificazioni di hacking etico più ampiamente riconosciute.

  • CompTIA PenTest+: questa certificazione si concentra sui test di penetrazione e sulla valutazione delle vulnerabilità.

  • SANS GIAC Penetration Tester (GPEN): come PenTest+, la certificazione GPEN dell'Istituto SANS convalida le competenze di pen testing di un hacker etico.

L'hacking etico in pratica

Gli hacker etici offrono vari servizi

Test di penetrazione

I test di penetrazione, o "pen test", sono violazioni della sicurezza simulate. I pen tester imitano gli hacker malintenzionati che ottengono l'accesso non autorizzato ai sistemi aziendali. Naturalmente, i pen tester non causano alcun danno reale. Usano i risultati dei loro test per difendere l'azienda dai veri criminali informatici.

I pen test si svolgono in tre fasi:

1. Ricognizione

Durante la fase di ricognizione, i pen tester raccolgono informazioni su computer, dispositivi mobili, applicazioni web, server web e altre risorse sulla rete dell'azienda. Questa fase viene talvolta chiamata "footprinting", perché i pen tester mappano l'intera impronta della rete. 

I pen tester utilizzano metodi manuali e automatizzati per eseguire la ricognizione. Possono esaminare i profili dei social media dei dipendenti e le pagine GitHub alla ricerca di suggerimenti. Possono utilizzare strumenti come Nmap per la scansione di porte aperte e strumenti come Wireshark per ispezionare il traffico di rete. Se consentito dall'azienda, possono utilizzare tattiche di ingegneria sociale per indurre i dipendenti a condividere informazioni sensibili.

2. Pianificazione dell'attacco

Una volta che i pen tester comprendono i contorni della rete e le vulnerabilità che possono sfruttare, violano il sistema. I pen tester possono provare una varietà di attacchi a seconda dell'ambito del test di penetrazione. Alcuni degli attacchi più comunemente testati includono:   

- Iniezioni SQL: i pen tester cercano di far sì che una pagina web o un'applicazione riveli dati sensibili inserendo codice dannoso nei campi di input.

– Cross-site scripting: i pen tester provano a inserire codice dannoso nel sito web di un'azienda.

– Attacchi denial-of-service : i pen tester tentano di mettere offline server, app e altre risorse di rete inondandoli di traffico.

- Ingegneria sociale: i pen tester utilizzano il phishing, l'adescamento, il pretesto o altre tattiche per indurre i dipendenti a compromettere la sicurezza della rete. 

Durante l'attacco, i pen tester esplorano il modo in cui gli hacker malintenzionati possono sfruttare le vulnerabilità esistenti e come possono muoversi attraverso la rete una volta entrati. Scoprono quali tipi di dati e risorse possono accedere gli hacker. Verificano inoltre se le misure di sicurezza esistenti possono rilevare o impedire le loro attività.

Alla fine dell'attacco, i pen tester coprono le loro tracce. Questo serve a due scopi. Innanzitutto, dimostra come i criminali informatici possono nascondersi in una rete. In secondo luogo, impedisce agli hacker malintenzionati di seguire segretamente gli hacker etici nel sistema.

3. Reporting

I pen tester documentano tutte le loro attività durante l'hacking. Quindi, presentano un rapporto al team di sicurezza delle informazioni che illustra le vulnerabilità sfruttate, le risorse e i dati a cui hanno avuto accesso e il modo in cui hanno eluso i sistemi di sicurezza. Gli hacker etici forniscono raccomandazioni anche per stabilire le priorità e risolvere questi problemi. 

Valutazione delle vulnerabilità

La valutazione delle vulnerabilità è come il pen test, ma non si spinge fino a sfruttare le vulnerabilità. Invece, gli hacker etici utilizzano metodi manuali e automatizzati per trovare, categorizzare e classificare le vulnerabilità in un sistema. Poi condividono i loro risultati con l'azienda. 

Analisi malware

Alcuni hacker etici sono specializzati nell'analisi dei ceppi di ransomware e malware. Studiano le nuove versioni di malware per capire come funzionano e condividono le loro conclusioni con le aziende e con la comunità della sicurezza informatica in generale. 

Gestione del rischio

Gli hacker etici possono anche fornire assistenza nella gestione del rischio strategico di alto livello. Possono identificare le minacce nuove ed emergenti, analizzare l'impatto di queste minacce sull'approccio alla sicurezza dell'azienda e aiutare l'azienda a sviluppare contromisure.  

Vantaggi dell'hacking etico

Sebbene esistano molti modi per valutare la sicurezza informatica, l'hacking etico può aiutare le aziende a comprendere le vulnerabilità della rete dal punto di vista di un aggressore. Violando le reti con l'autorizzazione a farlo, gli hacker etici possono mostrare alle aziende come gli hacker malintenzionati sfruttano le vulnerabilità nei sistemi operativi, nelle app, nelle reti wireless e in altre risorse. Queste informazioni possono aiutare l'azienda a scoprire e chiudere le vulnerabilità più critiche.

La prospettiva di un hacker etico può anche far emergere aspetti che gli analisti della sicurezza interna potrebbero non cogliere. Ad esempio, gli hacker etici si confrontano faccia a faccia con firewall, algoritmi di crittografia, sistemi di rilevamento delle intrusioni (IDS), sistemi di rilevamento estesi (XDR) e altre contromisure. Di conseguenza, sanno esattamente come funzionano queste difese nella pratica – e dove falliscono – senza che l’azienda subisca una vera e propria violazione dei dati

Prodotti per l'hacking etico
Test di penetrazione

IBM X-Force Red fornisce test di penetrazione per applicazioni, reti, hardware e personale per individuare e correggere le vulnerabilità che espongono i tuoi asset più importanti agli attacchi.

Esplora i servizi di penetration test

Servizi per la sicurezza offensivi

I servizi di sicurezza offensiva includono test di penetrazione, gestione delle vulnerabilità e simulazione degli avversari per aiutarti a identificare, assegnare priorità e correggere i difetti di sicurezza riguardanti l'intero ecosistema digitale e fisico.

Esplora i servizi di sicurezza offensivi
IBM Security Randori Recon

Gestisci l'espansione della tua impronta digitale e raggiungi l'obiettivo con un minor numero di falsi positivi per migliorare rapidamente la cyber resilience della tua organizzazione.

Esplora IBM Security Randori Recon

Risorse di hacking etico IBM Security X-Force Threat Intelligence Index 2023

L'IBM Security® X-Force® Threat Intelligence Index 2023 offre ai CISO, ai team di sicurezza e ai leader aziendali insight fruibili, utili per capire come vengono sferrati gli attacchi e in che modo loro possono proteggere proattivamente le organizzazioni.

Report Cost of a Data Breach 2023

Esplora i risultati completi del Report Cost of a Data Breach 2023. Questo report fornisce preziosi insight sulle minacce che devi affrontare, oltre a consigli pratici per aggiornare la tua sicurezza informatica e ridurre al minimo le perdite.

Security Operations Center (SOC)

Un centro operativo per la sicurezza migliora le funzionalità di rilevamento, risposta e prevenzione delle minacce di un'organizzazione unificando e coordinando tutte le tecnologie e le operazioni di cybersecurity.

Difese contro gli attacchi di hacking basati sul deep learning

I ricercatori IBM hanno scoperto nuove minacce e sviluppato difese attuabili per un diverso tipo di modelli AI chiamati deep generative model (DGM). I DGM sono una tecnologia AI emergente in grado di sintetizzare dati da varietà complesse e ad alta dimensionalità.

Quali sono le soluzioni per la sicurezza della rete?

La sicurezza di rete è il campo della sicurezza informatica incentrato sulla protezione delle reti di computer da minacce informatiche. La sicurezza della rete protegge l’integrità dell’infrastruttura di rete, delle risorse e del traffico per contrastare questi attacchi e ridurre al minimo l’impatto finanziario e operativo.

Che cos'è la gestione della superficie di attacco?

La gestione della superficie di attacco (ASM - Attack Surface Management) è la scoperta, l'analisi, la correzione e il monitoraggio continui delle vulnerabilità di cybersecurity e dei potenziali vettori di attacco che costituiscono la superficie di attacco di un'organizzazione.

Fasi successive

Le minacce alla sicurezza informatica stanno diventando sempre più avanzate e persistenti e richiedono un maggiore impegno da parte degli analisti di sicurezza nel vagliare innumerevoli avvisi e incidenti. X-Force può aiutare a portare tranquillità al vostro team di sicurezza, in modo che possiate resistere agli attacchi informatici e continuare le operazioni aziendali.

Esplora IBM Security X-Force