Storage su cloud

menu icon

Storage su cloud

Un'introduzione agli aspetti importanti dello storage su cloud, compresi la modalità di funzionamento, i vantaggi e i diversi tipi di storage su cloud disponibili.

Cos'è lo storage su cloud?

Lo storage su cloud ti consente di salvare dati e file in un'ubicazione offsite a cui accedi tramite internet pubblico o una connessione di rete privata dedicata. I dati che trasferisci offsite per lo storage diventano responsabilità di un provider di servizi cloud terzo. Il provider ospita, protegge, gestisce e mantiene i server e l'infrastruttura associata e garantisce che tu abbia accesso ai dati ogni qualvolta tu ne abbia bisogno.

Lo storage su cloud offre un'alternativa scalabile ed efficiente in termini di costi all'archiviazione di file su unità disco fisso on-premises o reti di storage. Le unità disco fisso dei computer possono archiviare solo una quantità finita di dati. Quando gli utenti esauriscono lo storage, devono trasferire i file a un dispositivo di storage esterno. Tradizionalmente, le organizzazioni creavano e mantenevano delle SAN (storage area network) per archiviare i dati e i file. Tuttavia, mantenere le SAN è costoso, perché la crescita dei dati archiviati costringe le aziende a investire nell'aggiunta di server e infrastruttura per soddisfare l'aumento della domanda.

I servizi di storage su cloud offrono elasticità, il che significa che puoi incrementare la capacità quando i tuoi volumi di dati aumentano oppure ridurla, se necessario. Archiviando i dati su un cloud, la tua organizzazione risparmia, pagando per la tecnologia e la capacità di storage as a service, invece di investire nei costi di capitale di creazione e mantenimento di reti di storage interne. Paghi solo esattamente per la capacità che usi. Sebbene i tuoi costi potrebbero aumentare nel corso tempo per tenere conto di volumi di dati più elevati, non devi eseguire un provisioning eccessivo delle reti di storage in previsione di un aumento del volume di dati.

Come funziona?

Analogamente alle reti di storage on-premises, lo storage su cloud utilizza i server per salvare i dati; tuttavia, i dati vengono inviati ai server presso un'ubicazione offsite. La maggior parte dei server che utilizzi sono delle VM in hosting su un server fisico. Quando le tue esigenze di storage crescono, il provider crea dei nuovi server virtuali per soddisfare la domanda.

Per ulteriori informazioni sulle VM, consulta "Virtual Machines: A Complete Guide."

Di norma, ti connetti allo storage su cloud tramite internet o una connessione privata dedicata, utilizzando un portale web, un sito web o un'app su dispositivo mobile. Il server con cui ti connetti inoltra i dati a un pool di server che si trova in uno o più data center, a seconda della dimensione operativa del provider di servizi cloud.

Come parte del servizio, i provider di norma archiviano gli stessi dati su più macchine per la ridondanza. In questo modo, se un server viene reso inattivo per la manutenzione o subisce un'interruzione, puoi comunque accedere ai tuoi dati.

Lo storage su cloud è disponibile in cloud privati, pubblici e ibridi.

  • Storage su cloud pubblico: in questo modello ti connetti su internet a uno storage su cloud gestito da un provider di servizi cloud e utilizzato da altre aziende. I provider di solito rendono i servizi accessibili praticamente da qualsiasi dispositivo, compresi gli smartphone e i desktop, e ti consentono di eseguire ridimensionamenti incrementali e decrementali come necessario.
  • Storage su cloud privato: le configurazioni di storage su cloud privato di norma replicano il modello cloud ma risiedono nella tua rete, avvalendosi di un server fisico per creare delle istanze di server virtuali per aumentare la capacità. Puoi scegliere di assumere il pieno controllo di un cloud privato on-premises o di coinvolgere un provider di storage su cloud per creare un cloud privato dedicato a cui puoi accedere con una connessione privata. Le organizzazioni che potrebbero preferire lo storage su cloud includono le banche o le aziende di vendita al dettaglio, in considerazione della natura privata dei dati che elaborano e archiviano.
  • Storage su cloud ibrido: questo modello combina elementi di cloud privato e pubblico, consentendo alle organizzazioni di scegliere quali dati archiviare e in quale cloud. Ad esempio, i dati altamente regolamentati soggetti a severi requisiti di archiviazione e replica sono di solito più adatti ad un ambiente cloud privato mentre i dati meno sensibili (come le e-mail che non contengono segreti aziendali) possono essere archiviati nel cloud pubblico. Alcune organizzazioni utilizzano i cloud ibridi per fornire lo storage su cloud pubblico alle loro reti di storage interne.

Pro e contro

Come per qualsiasi altra tecnologia basata sul cloud, lo storage su cloud offre diversi vantaggi. Solleva però anche qualche preoccupazione per le aziende, in particolare in materia di sicurezza e controllo amministrativo.

Vantaggi

I vantaggi dello storage su cloud sono i seguenti:

  • Gestione offsite: il tuo provider di servizi cloud si assume la responsabilità della manutenzione e della protezione dei dati archiviati. Ciò consente al tuo staff di non doversi occupare delle attività associate allo storage, come l'approvvigionamento, l'installazione, l'amministrazione e la manutenzione. In questo modo, lo staff può concentrarsi su altre priorità.
  • Implementazione rapida: l'utilizzo di un servizio cloud accelera il processo di configurazione e aggiunta alle tue capacità di storage. Con lo storage su cloud, puoi eseguire il provisioning del servizio e iniziare a usarlo nel giro di qualche ora o di qualche giorno, a seconda di quanta capacità è coinvolta.
  • Efficiente in termini di costi: come accennato, paghi per la capacità che usi. Questo consente alla tua organizzazione di trattare i costi dello storage su cloud come una spesa operativa continuativa invece di una spesa in capitale con gli investimenti iniziali e le implicazioni fiscali associati.
  • Scalabilità: i vincoli di crescita sono una delle più gravi limitazioni dello storage on-premises. Con lo storage su cloud puoi eseguire un ridimensionamento incrementale in qualsiasi misura tu abbia bisogno. La capacità è praticamente illimitata.
  • Business continuity: l'archiviazione di dati offsite supporta la business continuity nel caso in cui un disastro naturale o un attacco terroristico rendessero impossibile l'accesso alla tua sede aziendale.

Svantaggi

Gli svantaggi dello storage su cloud sono i seguenti:

  • Sicurezza: le preoccupazioni in materia di sicurezza sono comuni con i servizi basati sul cloud. I provider di storage su cloud provano a proteggere la loro infrastrutture con tecnologie e prassi aggiornate ma, di tanto in tanto, si verificano delle violazioni, creando problemi agli utenti.
  • Controllo amministrativo: poter visualizzare i tuoi dati, accedervi e spostarli a piacimento è un'altra preoccupazione comune, con le risorse cloud. Delegare la manutenzione e la gestione a terzi offre vantaggi ma può anche limitare il tuo controllo sui tuoi dati.
  • Latenza: possono verificarsi dei ritardi nella trasmissione dei dati da e verso il cloud a causa della congestione del traffico, soprattutto quando utilizzi connessioni internet pubbliche condivise. Tuttavia, le aziende possono ridurre al minimo la latenza aumentando la larghezza di banda della connessione.
  • Conformità normativa: alcuni settori, come quelli dell'assistenza sanitaria e della finanza, devono rispettare rigide normative in materia di privacy e archiviazione dei dati, cosa che potrebbe impedire alle aziende di utilizzare lo storage su cloud per alcuni tipi di file, come le cartelle cliniche o i registri degli investimenti. Se puoi, scegli un provider di storage su cloud che supporti la conformità a qualsiasi normativa di settore che influenza il tuo business.

Esempi

Esistono tre tipi principali di storage su cloud: a blocchi, di file e di oggetti. Ognuno comporta una serie di vantaggi:

Storage a blocchi

Tradizionalmente adottato nelle SAN, lo storage a blocchi è comune anche negli ambienti di storage su cloud. In questo modello di storage, i dati sono organizzati in grandi volumi chiamati "blocchi". Ogni blocco rappresenta un'unità disco fisso separata. I fornitori di storage su cloud utilizzano i blocchi per dividere grandi quantità di dati tra più nodi di storage. Le risorse di storage a blocchi forniscono prestazioni migliori su una rete grazie alla bassa latenza IO (il tempo necessario per completare una connessione tra il sistema e il client) e sono particolarmente indicate per i database e le applicazioni di grandi dimensioni.

Utilizzato nel cloud, lo storage a blocchi può essere ridimensionato facilmente per supportare la crescita dei database e delle applicazioni della tua organizzazione. Lo storage a blocchi è utile se il tuo sito web acquisisce ampie quantità di dati sui visitatori che bisogna archiviare.

Block Storage: A Complete Guide” fornisce un'ampia gamma di informazioni sullo storage a blocchi.

Storage di file

Il metodo di storage di file salva i dati nella struttura gerarchica di file e cartelle con cui la maggior parte di noi ha dimestichezza. I dati conservano il loro formato, sia che risiedano nel sistema di storage o nel client in cui hanno origine, e la gerarchia rende più facile e intuitivo cercare e richiamare i file, quando necessari. La storage di file viene comunemente utilizzato per le piattaforme di sviluppo, le home directory e i repository per file video, audio e di altro tipo.

Nel video “Block Storage vs. File Storage,” Amy Blea mette a confronto queste due opzioni di storage su cloud:

Confronto tra storage a blocchi e storage di file (04:03)

Storage di oggetti

Lo storage di oggetti differisce dallo storage di file e da quello a blocchi in quanto gestisce i dati come oggetti. Ogni oggetto include i dati in un file, i suoi metadati associati e un identificativo. Gli oggetti archiviano i dati nel formato in cui arrivano e rende possibile personalizzare i metadati in modi che rendono più facile accedere e analizzare i dati. Invece di essere organizzati in gerarchie di file o cartelle, gli oggetti sono conservati in repository che offrono una scalabilità praticamente illimitata. Dal momento che non esiste una gerarchia di archiviazione e i metadati sono personalizzabili, lo storage di oggetti ti consente di ottimizzare le risorse di storage in un modo efficiente in termini di costi.

Consulta "IBM Cloud Object Storage: Built for business" per saperne di più sui vantaggi dello storage di oggetti:

IBM Cloud Object Storage: creato per il business (04:10)

Storage su cloud per il business

Una varietà di servizi di storage su cloud è disponibile praticamente per qualsiasi tipo di business, dalle imprese individuali alle aziende di grandi dimensioni.

Se gestisci un piccolo business, lo storage su cloud potrebbe avere senso, soprattutto se non hai le risorse o le competenze per gestire tu stesso lo storage. Lo storage su cloud può anche essere di aiuto nella pianificazione del budget rendendo i costi di storage prevedibili e ti consente di eseguire il ridimensionamento man mano che il business cresce.

Se lavori presso un'azienda più grande (ad esempio, un'azienda manifatturiera, una società di servizi finanziari o una catena di punti di vendita al dettaglio con decine di sedi), potresti aver bisogno di trasferire su base regolare centinaia di gigabyte di dati per lo storage. In questi casi, dovresti lavorare con un solido provider di storage su cloud in grado di gestire i tuoi volumi. In alcuni casi, potresti essere in grado di negoziare degli accordi personalizzati con i provider per ottenere il prezzo più vantaggioso.

Sicurezza

La sicurezza dello storage su cloud è una seria preoccupazione, soprattutto se la tua organizzazione gestisce dati sensibili come informazioni sulle carte di credito e cartelle cliniche. Desideri ottenere delle rassicurazioni sul fatto che i tuoi dati siano protetti da attacchi informatici con i metodi più aggiornati disponibili. Vorrai delle soluzioni di sicurezza strutturata in livelli che includono la protezione degli endpoint, il filtraggio di contenuti ed e-mail e l'analisi delle minacce, nonché delle best practice che includono aggiornamenti e patch su base regolare. Hai inoltre bisogno di politiche di accesso e autenticazione ben definite.

La maggior parte dei fornitori di storage su cloud offre delle misure di sicurezza minime che includono il controllo degli accessi, l'autenticazione degli utenti e la crittografia dei dati. Garantire che queste misure siano implementate è particolarmente importante quando i dati in questione coinvolgono file di business riservati, fascicoli del personale e proprietà intellettuale. I dati soggetti a conformità normativa possono richiedere un'ulteriore protezione; devi pertanto controllare che il provider da te scelto sia conforme a tutte le normative applicabili.

Ogni volta che vengono spostati, i dati sono vulnerabili a rischi di sicurezza. Tu condividi la responsabilità di proteggere i dati diretti verso uno storage su cloud. Le aziende possono ridurre al minimo i rischi crittografando i dati in transito e utilizzando delle connessioni private dedicate (invece di internet pubblico) per connettersi al provider di storage su cloud.

Backup

Il backup dei dati è importante quanto la sicurezza. Le aziende hanno bisogno di eseguire il backup dei loro dati in modo da poter accedere a copie dei file e delle applicazioni - e impedire interruzioni del business - se i dati vengono persi a causa di attacchi informatici, disastri naturali o errori umani.

I servizi di backup e ripristino dei dati basati sul cloud sono stati utilizzati ampiamente fin dai primi tempi delle soluzioni basate sul cloud. In modo molto simile allo storage su cloud stesso, accedi al servizio tramite internet pubblico o una connessione privata. I servizi di backup e ripristino cloud consentono alle organizzazioni di non doversi occupare delle attività coinvolte nella replica su base regolare dei dati di business di importanza critica per renderli immediatamente disponibili se mai tu ne avessi bisogno dopo che si è verificata una perdita di dati causata da disastri naturali, attacchi informatici o errori degli utenti non intenzionali.

Il backup cloud offre alle aziende gli stessi vantaggi dello storage - efficienza in termini di costi, scalabilità e facile accesso. Una delle funzioni più interessanti del backup cloud è l'automazione. Chiedere agli utenti di eseguire continuamente un backup dei loro dati produce risultati alterni poiché alcuni utenti continuano a rimandare tale operazione o se ne dimenticano. Questo crea una situazione in cui la perdita di dati è inevitabile. Con i backup automatizzati, puoi decidere la frequenza con la quale eseguire il backup dei tuoi dati, che può essere ogni giorno, ogni ora oppure ogni qualvolta nella tua rete vengono introdotti dei nuovi dati.

Eseguire il backup dei dati off-premises su un cloud offre un ulteriore vantaggio: la distanza. Un edificio colpito da un disastro naturale, un attacco terroristico o qualche altra calamità potrebbe perdere i suoi sistemi di backup on-premises, rendendo impossibile recuperare i dati persi. Un backup off-premises fornisce una garanzia contro un tale evento.

Server

I server di storage su cloud sono server virtuali, ossia dei server software-defined che emulano dei server fisici. Un server fisico può fungere da host per più server virtuali, rendendo più facile fornire soluzioni di storage basate su cloud a più clienti. L'utilizzo dei server virtuali incrementa l'efficienza perché i server fisici, altrimenti, di norma operano al di sotto della loro capacità, il che significa che parte della loro potenza di elaborazione va sprecata.

Questo approccio è ciò che consente ai fornitori di storage su cloud di offrire storage su cloud con pagamento a consumo e di addebitare solo la capacità di storage che l'utente consuma. Quando i tuoi server di storage su cloud stanno per raggiungere la loro capacità, il provider di servizi cloud attiva un altro server per aggiungere capacità o ti consente di avviare autonomamente una VM aggiuntiva.

Virtualization: A Complete Guide” offre una panoramica completa della virtualizzazione e dei server virtuali.

Open source

Se hai la competenza per creare dei tuoi server cloud virtuali, una delle opzioni disponibili per te è lo storage su cloud open source. Open source significa che il software utilizzato nel servizio è a disposizione di utenti e sviluppatori che possono studiarlo, analizzarlo, modificarlo e distribuirlo.

La storage su cloud open source è di norma associato a Linux e ad altre piattaforme open source che forniscono l'opzione di creare un proprio server di storage. I vantaggi di questo approccio includono il controllo sulle attività amministrative e sulla sicurezza.

L'efficienza in termini di costi è un altro vantaggio. I provider di storage basato sul cloud ti offrono una capacità praticamente illimitata ma ciò comporta un prezzo. Più capacità di storage utilizzi e più alto diventa il prezzo. Con l'open source, puoi continuare a ridimensionare la capacità, purché tu abbia la competenza ingegneristica e di codifica per sviluppare e mantenere uno storage su cloud.

Diversi fornitori di storage su cloud open source offrono svariati livelli di funzionalità, quindi devi confrontare le funzioni prima di decidere quale servizio utilizzare. Alcune delle funzioni disponibili dai servizi di storage su cloud open source includono quanto segue:

  • Sincronizzazione dei file tra dispositivi in più ubicazioni
  • 2FA (Two-factor authentication - autenticazione a due fattori)
  • Strumenti di verifica
  • Crittografia del trasferimento dati
  • Condivisione protetta da password

Determinazione dei prezzi

Come accennato, lo storage su cloud aiuta le aziende a ridurre i costi eliminando l'infrastruttura di storage interna. I modelli di determinazione dei prezzi dello storage su cloud, però, variano. Alcuni provider di storage su cloud addebitano mensilmente il costo per gigabyte, mentre altri applicano delle tariffe basate sulla capacità archiviata. Le tariffe variano notevolmente; potresti pagare 1,99 USD o 10 USD per 100 GB di storage al mese, in base al provider che scegli. Le tariffe aggiuntive per il trasferimento dei dati dalla tua rete alle tariffe basate sullo storage su cloud sono di norma incluse nel prezzo del servizio complessivo.

I provider possono addebitare delle tariffe aggiuntive in aggiunta al costo di base di storage e trasferimento dati. Ad esempio, potresti sostenere un costo supplementare ogni volta che accedi ai dati nel cloud per apportare modifiche o eseguire eliminazioni oppure per spostare i dati da un posto all'altro. Più elevato è il numero di queste azioni che esegui su base mensile e maggiore sarà il costo. Anche se il provider include un qualche livello di base di attività nel prezzo complessivo, sosterrai degli addebiti supplementari se superi il limite consentito.

Nei loro addebiti, i provider possono anche tenere conto del numero di utenti che accede ai dati, della frequenza con cui gli utenti accedono ai dati e della distanza che i dati devono percorrere. Possono prevedere degli addebiti che variano in base ai tipi di dati archiviati e e al fatto che i dati richiedano eventualmente dei livelli aggiuntivi di sicurezza per scopi di privacy e conformità normativa.

Esempi

I servizi di storage su cloud sono disponibili da decine di provider per soddisfare tutte le esigenze, da quelle dei singoli utenti alle organizzazioni multinazionali con migliaia di sedi. Puoi ad esempio archiviare e-mail e password nel cloud, nonché file come i fogli di calcolo e i documenti Word per la condivisione e la collaborazione con altri utenti. Questa capacità consente agli utenti di lavorare più facilmente insieme su un progetto, il che spiega perché il trasferimento e la condivisione di file siano tra gli utilizzi più comuni dei servizi di storage su cloud.

Alcuni servizi forniscono la gestione e la sincronizzazione dei file, garantendo che le versioni degli stessi file in più ubicazioni vengano aggiornate ogni qualvolta qualcuno vi apporti delle modifiche. Puoi anche ottenere la capacità di gestione dei file tramite i servizi di storage su cloud. Puoi servirtene per organizzare come meglio credi documenti, fogli di calcolo e altri file e per renderli accessibili ad altri utenti. I servizi di storage su cloud possono anche gestire file multimediali, come video e audio, nonché grossi volumi di record di database che occuperebbero altrimenti troppo spazio nella tua rete.

Qualunque siano le tue esigenze di storage, non dovresti avere problemi a trovare il servizio di storage su cloud che ti offre la capacità e la funzionalità di cui hai bisogno.

Storage su cloud e IBM

IBM Cloud Storage offre una suite completa di servizi di storage su cloud, comprese soluzioni preconfigurate, componenti per creare una tua soluzione di storage e storage autonomo e secondario.

I vantaggi delle soluzioni IBM Cloud includono:

  • Portata globale
  • Scalabilità
  • Flessibilità
  • Semplicità

Puoi inoltre avvalerti del sistema di backup e ripristino dei dati automatizzato di IBM, che viene gestito tramite il programma di utilità del browser IBM Cloud Backup WebCC. Il sistema ti consente di eseguire in modo sicuro il backup dei dati in uno o più data center cloud IBM in tutto il mondo.

Si prevede che il software di storage supererà l'hardware di storage entro il 2020, data entro la quale dovrà gestire 40 zettabyte (40 sestilioni di byte) di dati. Consulta il report di IBM “Hybrid storage for the hybrid cloud.”

Sviluppa competenze in materia di storage tramite i corsi all'interno dei piani di studio Cloud Architect Professional e Cloud SRE Professional.

Inizia con un Account IBM Cloud oggi stesso.