Costruire una sharing economy per la ricarica dei veicoli elettrici
Eljun utilizza IBM Cloud Code Engine per collegare i proprietari di veicoli elettrici ai proprietari delle stazioni di ricarica
Ricarica di auto elettriche

La Svezia è sull’orlo della rivoluzione delle auto elettriche. La capitale del Paese, Stoccolma, ha recentemente annunciato di volersi liberare delle auto a combustibili fossili entro il 2030 e Volvo, la più nota casa automobilistica del Paese, si è impegnata a diventare completamente elettrica entro lo stesso termine.

Senza dubbio, queste iniziative avranno un impatto profondo sul clima. Ma Tore Stenbock, Chief Technology Officer (CTO) di Eljun, ha in mente considerazioni molto più pratiche: "L’infrastruttura di supporto per i veicoli elettrici non sta crescendo rapidamente quanto l’industria stessa dei veicoli elettrici. Dovrebbe esserci almeno una stazione di ricarica ogni 10 veicoli elettrici registrati, affinché il flusso sia normale senza dover ridurre la convenienza e il comfort".

E continua: "Al momento, la Svezia dispone di circa 0,05 stazioni di ricarica per auto, numero che oltretutto sta diminuendo. Il valore minimo salutare non deve essere inferiore a 0,1, secondo la Commissione Europea. E la crescita esponenziale del mercato dei veicoli elettrici non è ancora cominciata. Prima o poi si arriverà al punto di rottura, a meno che non facciamo qualcosa per risolvere la situazione."

Con l'aiuto del team Startup with IBM Accelerator in Svezia e della soluzione IBM Cloud Code Engine, Stenbock e il team di Eljun sperano di fare proprio questo.

N. di stazioni


La Svezia dispone attualmente di 14.000 stazioni di ricarica per i veicoli elettrici

espansione


Entro il 2030, la Svezia prevede di installare 300.000 stazioni di ricarica per i veicoli elettrici

Abbiamo scelto IBM Cloud perché IBM ha adottato una serie di strumenti open source. Ciò non solo ci ha permesso di non vincolarci a una particolare soluzione interna, ma ha anche reso molto semplice il porting di tutti i nostri cluster Kubernetes su IBM. Tore Stenbock Chief Technology Officer Eljun
Un approccio open source

Eljun è venuto a conoscenza per la prima volta del programma svedese Startup with IBM Accelerator nell'aprile 2020. Fino a quel momento, l'azienda si era concentrata sullo sviluppo di funzionalità e sulla dimostrazione della propria soluzione a potenziali partner e investitori. La visione di Eljun è quella di costruire una rete che colleghi i proprietari di veicoli elettrici ai proprietari di stazioni di ricarica elettriche in modo reciprocamente vantaggioso. I proprietari dei veicoli possono utilizzare la soluzione per individuare comode stazioni di ricarica, mentre i proprietari delle stazioni di ricarica possono utilizzarla per guadagnare nelle ore in cui le stazioni non sarebbero altrimenti utilizzate.

Eljun ha sviluppato le caratteristiche chiave della soluzione utilizzando i cluster Kubernetes, quindi quando è arrivato il momento di passare a un ambiente cloud, ha cercato un provider che adottasse la tecnologia open-source. "Abbiamo scelto IBM Cloud perché IBM ha adottato una serie di strumenti open source", spiega Stenbock. "Ciò non solo ci ha permesso di non vincolarci a una particolare soluzione interna, ma ha anche reso molto semplice il porting di tutti i nostri cluster Kubernetes su IBM."

Dopo aver spostato la soluzione sul cloud IBM, Eljun ha iniziato a esaminare diverse piattaforme di servizi gestiti. Le esigenze di gestione dei servizi di Eljun sono esclusive, perché le informazioni fluiscono in modo ad hoc. "La maggior parte della nostra elaborazione avviene quando qualcuno cerca una stazione di ricarica o quando la ricarica inizia o termina", afferma Stenbock. "Avevamo bisogno di qualcosa che fosse flessibile in termini di utilizzo delle risorse”.

Stenbock ha capito presto che ciò significava che la soluzione di Eljun era la più adatta a un ambiente serverless. Quando il suo contatto presso Startup with IBM Accelerator gli ha suggerito IBM Cloud Code Engine, Stenbock non ci ha messo molto a prendere una decisione. "Abbiamo visto un caso d'uso a un evento IBM Think e abbiamo subito deciso di migrare a IBM Cloud Code Engine, perché tecnicamente si tratta di cluster Kubernetes in esecuzione in back end. Per noi è stata una mossa naturale che ha richiesto solo alcune modifiche all’applicazione."

Oggi Eljun gestisce più di 10 microservizi diversi sulla piattaforma IBM. "Avere IBM Cloud Code Engine che gestisce tutte le operazioni di espansione verso l'alto, verso il basso, verso l'interno e verso l'esterno significa che posso semplicemente progettare l'architettura e lasciare che si gestisca da sola", afferma Stenbock.

Oggi, quell'architettura è composta da tre portali distinti. La prima è un'app mobile per l'utente che consente di individuare e prenotare in anticipo le stazioni di ricarica. Il secondo è un portale per sviluppatori che fornisce un luogo protetto da password in cui i partner possono esaminare progetti, ottenere chiavi API, token di accesso, aggiungere stazioni di ricarica e altro ancora. Infine, il portale operativo funge da hub per le attività di gestione interne di Eljun, come creare club e connettere gli utenti.

Abbiamo visto un caso d'uso a un evento IBM Think e abbiamo subito deciso di migrare a IBM Cloud Code Engine, perché tecnicamente si tratta di cluster Kubernetes in esecuzione in back end. Per noi è stata una mossa naturale che ha richiesto solo alcune modifiche all’applicazione. Tore Stenbock Chief Technology Officer Eljun
Un futuro più pulito e connesso

Mentre Eljun guarda verso un futuro più sostenibile in Svezia e oltre, Stenbock annovera IBM Code Engine tra i fattori che stanno spingendo la sua organizzazione verso il successo. "Prima di tutto", afferma, "tutto ciò che spendiamo per IBM Cloud Code Engine offre valore ai nostri clienti, il che ovviamente fa contento il nostro responsabile finanziario."

"Oltre a ciò, IBM Cloud Code Engine mi ha aiutato a testare le cose molto rapidamente: non devo avviare un nuovo cluster Kubernetes da zero per testare le cose. Abbiamo solo un ambiente Code Engine e quando dobbiamo testare qualcosa, possiamo semplicemente attingere alle risorse necessarie. Si tratta di uno sviluppo attivo davvero ottimizzato", prosegue.

Eljun è anche un utente beta della tecnologia IBM Event Streams. La piattaforma Eljun gestisce molti tipi diversi di eventi: alcune cose devono essere gestite immediatamente, mentre altre, come gli aggiornamenti dell'infrastruttura, possono essere gestite in modo asincrono. Di conseguenza, il modo in cui Eljun gestisce lo streaming degli eventi si è evoluto parecchio nel corso degli anni. Oggi, l'azienda è standardizzata su Kafka. "Il fatto che IBM Event Streams sia Kafka e anche facilmente collegabile a IBM Cloud Code Engine rende tutto più semplice", afferma Stenbock.

Alla fine, Eljun spera di aggiungere anche la tecnologia IBM Watson alla sua offerta, utilizzando l'analisi predittiva per svolgere azioni come fornire suggerimenti basati sul meteo o prevedere quando una stazione di rifornimento ha bisogno di manutenzione. "Vogliamo che i nostri clienti abbiano la certezza di sapere che questa soluzione funziona. Ne fanno parte, contribuiscono alla comunità, guadagnano passivamente con le loro stazioni di ricarica e non devono preoccuparsi di nulla. Funziona e basta."

E conclude: "Passeremo da circa 14.000 stazioni di ricarica disponibili al pubblico in Svezia a circa 300.000 entro pochissimi anni. Se ogni stazione di ricarica privata potesse connettersi a una sorta di sharing economy risolveremmo il problema delle infrastrutture. È molto più semplice di quanto la gente creda."

Logo Eljun
Informazioni su Eljun

Fondata nel 2020 e con sede a Stoccolma, Svezia, Eljun(link esterno a ibm.com) ritiene che la chiave per un cambiamento progressivo e sostenibile sia agire insieme. Per farlo, l'azienda sta sviluppando una soluzione in grado di collegare i proprietari di veicoli elettrici con quelli delle stazioni di ricarica. Per i proprietari dei veicoli, la soluzione faciliterà la ricerca delle stazioni di ricarica. Per i proprietari delle stazioni, offrirà l’opportunità di realizzare entrate passive.

Fasi successive
Diventare green diventa più facile Rebase Energy Nessuna connessione persa BOGESTRA Umanizzare le comunicazioni digitali 2Mee
Legale

© Copyright IBM Corporation 2021. IBM Corporation, IBM Cloud, New Orchard Road, Armonk, NY 10504

Prodotto negli Stati Uniti d'America, dicembre 2021.

IBM, il logo IBM, ibm.com e IBM Cloud sono marchi di International Business Machines Corp., registrati in diverse giurisdizioni del mondo. Altri nomi di prodotti e servizi potrebbero essere marchi registrati di IBM o di altre società. Un elenco aggiornato dei marchi registrati IBM è disponibile sul web alla pagina “Copyright and trademark information" all'indirizzo https://www.ibm.com/it-it/legal/copytrade.

Le informazioni contenute nel presente documento sono aggiornate alla data della prima pubblicazione e possono essere modificate da IBM senza preavviso. Non tutte le offerte sono disponibili in ogni Paese in cui opera IBM.

Gli esempi citati relativi a dati di prestazione e clienti sono presentati unicamente a scopo illustrativo. Gli attuali risultati in termini di performance possono variare a seconda delle specifiche configurazioni e delle condizioni operative. LE INFORMAZIONI RIPORTATE NEL PRESENTE DOCUMENTO SONO DA CONSIDERARSI “NELLO STATO IN CUI SI TROVANO”, SENZA GARANZIE, ESPLICITE O IMPLICITE, IVI INCLUSE GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ, DI IDONEITÀ A UN PARTICOLARE SCOPO E GARANZIE O CONDIZIONI DI NON VIOLAZIONE. I prodotti IBM sono coperti da garanzia in accordo con termini e condizioni dei contratti sulla base dei quali vengono forniti.

È responsabilità del cliente assicurare la conformità a normative e regolamenti applicabili. IBM non fornisce consulenza legale né dichiara o garantisce che i propri servizi o prodotti assicurino al cliente la conformità con qualsivoglia legge o regolamento.