Che cosa sono i framework ESG? 
I framework ESG vengono utilizzati dalle organizzazioni allo scopo di segnalare pubblicamente i parametri ambientali, sociali e di governance (ESG) dettagliati del business
Esplora IBM Envizi
Tre aerei a reazione parcheggiati
Che cosa sono i framework ESG?

I framework di segnalazione ESG vengono utilizzati dalle aziende per la divulgazione di dati riguardanti le operazioni aziendali, le opportunità e i rischi relativi agli aspetti ambientali, sociali e di governance (ESG) del business.

I framework di segnalazione ESG sono creati da diverse organizzazioni, tra cui ONG, borse valori, gruppi di business, organizzazioni no-profit, serbatoi di idee e governi. Sebbene esistano centinaia di framework ESG, solo una dozzina circa sono considerati importanti.

Ciascun framework stabilisce in genere i parametri e gli elementi qualitativi che un'azienda deve divulgare, nonché il formato e la frequenza di segnalazione. Alcuni framework sono volontari, mentre altri sono imposti dalla pubblica amministrazione.

Guida ai framework di ESG reporting

Quali sono i framework ESG per la segnalazione e come sceglierli.

Perché la segnalazione ESG è importante

Il ritmo con cui vengono segnalati i parametri ESG è incredibile. In gran parte in risposta al crescente interesse degli investitori e della comunità, un sempre maggior numero di organizzazioni punta al miglioramento delle prestazioni di sostenibilità, fissando obiettivi ESG e segnalando le proprie prestazioni.

Di conseguenza, l'ESG è passato dai margini al mainstream e ora più che mai ci si aspetta che le organizzazioni segnalino le proprie prestazioni ESG. La mancata presa in considerazione dei rischi ESG potrebbe avere molti impatti negativi per le imprese, dall'intervento degli azionisti nelle riunioni generali annuali al disinvestimento da parte degli asset manager.

La crescente importanza dei criteri ESG spinge le organizzazioni a segnalare il proprio impatto ESG con una serie sempre più diversificata di framework diversi.

Selezione dei framework di ESG reporting

Il panorama della segnalazione ESG è caratterizzato da un gran numero e di una varietà di framework di segnalazione. L'applicazione di obiettivi diversi per valutare e classificare i diversi framework può aiutare a comprendere le opzioni e selezionare i framework di segnalazione ESG appropriati per la propria organizzazione.

Obiettivo 1: Potenziale di impatto

Per decidere quale framework di segnalazione utilizzare occorre innanzitutto valutare dove un'organizzazione può fare la massima differenza in base alle valutazioni di materialità.

Materialità nel contesto ESG

Il concetto di materialità porta le organizzazioni a concentrarsi sulle problematiche ESG pertinenti per loro e avrà un impatto misurabile sul loro business.

Per determinare la materialità, un'organizzazione deve prima individuare i rischi e quindi valutare le conseguenze di tali vulnerabilità. Utilizzando un approccio basato sulla “matrice dei rischi”, le organizzazioni possono determinare a quali rischi legati ai fattori ESG assegnare priorità in base al proprio profilo di rischio e quali di tali conseguenze inciderebbero negativamente in modo significativo sull’organizzazione.

Ad esempio, nella valutazione della materialità, un'azienda di e-commerce a grande capitalizzazione può scegliere di concentrarsi sui materiali di imballaggio e sui rifiuti (ambientali), sugli standard lavorativi della catena di fornitura (sociali) e sull'etica aziendale (governance), perché ha stabilito che questi hanno i maggiori profili di rischio per quanto riguarda l’impatto ambientale, la fiducia complessiva degli azionisti e dei consumatori e i requisiti normativi. In questo caso, l’azienda deve cercare framework di segnalazione ESG che interessino tutte e tre le categorie ESG.

– Valutazione della doppia materialità. La doppia materialità invita le organizzazioni a valutare la materialità da due punti di vista: la materialità finanziaria e la materialità per il mercato, l'ambiente e le persone. La doppia materialità riconosce che un'organizzazione è responsabile della gestione dei propri rischi finanziari al suo interno. Esamina anche gli impatti più estremi delle sue decisioni e operazioni sulle persone e sull'ambiente. Applicando il concetto di doppia materialità, le organizzazioni possono individuare gli impatti finanziari e non finanziari delle proprie operazioni per contribuire a plasmare una strategia ESG più olistica.

Impatto e influenza

L’altro lato della medaglia della materialità è l’impatto e l’influenza. Le organizzazioni che stanno valutando il proprio approccio alla segnalazione ESG possono anche trovare utile valutare i fattori ambientali e sociali che possono incidere più direttamente e rapidamente.

Utilizzando una priorità di azione o una matrice di assegnazione delle priorità dell'impegno di impatto, le organizzazioni possono individuare rapidamente dove concentrare l'impegno iniziale e quindi utilizzare questi insight per determinare quale framework ESG può aiutare a realizzare obiettivi a portata di mano.

Ad esempio, le organizzazioni dei settori dei beni di consumo e della vendita al dettaglio, in rapida evoluzione, possono avere un impatto nella propria catena di fornitura. In questi settori, le scelte di approvvigionamento di un’organizzazione possono incidere notevolmente sulle prestazioni ESG delle aziende nella catena di fornitura, amplificandone così l’impatto ESG.

Obiettivo 2: Aspettative degli stakeholder

Quando si esplorano i framework, si considerano le aspettative degli stakeholder specifiche per i framework ESG preferiti e il modo in cui i diversi stakeholder utilizzeranno le informazioni contenute nelle divulgazioni.

Cosa cercano gli stakeholder esterni?

Le organizzazioni possono anche valutare cosa cercano gli stakeholder e quali framework ESG si attendono di utilizzare. Ad esempio, gli investitori, i consigli di amministrazione, gli assicuratori e i creditori possono preferire il report dell'organizzazione al Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD) o al Sustainability Accounting Standards Board (SASB). I dipendenti e i consumatori possono attendersi divulgazioni basate sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG) (collegamento esterno a ibm.com). Mentre i governi o le autorità di regolamentazione possono preferire lo Streamlined Energy and Carbon Reporting (SECR) o il National Greenhouse and Energy Reporting (NGER), a seconda del luogo.

In che modo gli stakeholder interni utilizzeranno le informazioni?

Gli stakeholder utilizzeranno le divulgazioni ESG per diversi motivi, di cui le organizzazioni dovrebbero tenere conto nello sviluppo della propria strategia di rendicontazione ESG. I team che si occupano di rischio, conformità e risorse umane saranno investiti nei dati per prendere decisioni strategiche in materia di equità e inclusione, mentre l'energia e le utenze dovrebbero esaminare da vicino i consumi e le spese dell'organizzazione. I team di procurement, d’altro canto, utilizzerebbero i dati raccolti per valutare le operazioni della catena di approvvigionamento e il profilo di rischio dei fornitori.

Obiettivo 3: Geografia

Alcuni framework di segnalazione ESG sono pertinenti solo in aree geografiche specifiche. In alcuni casi, ciò avviene perché la segnalazione è obbligatoria per legge. In altri, può essere perché il framework è specifico per le condizioni locali.

Alcuni esempi sono la European Union Corporate Sustainability Reporting Directive  (EU CSRD) ENERGY STAR® (link esterno a ibm.com) (Nord America e alcuni altri paesi), SECR (Regno Unito) e NGER (link esterno a ibm.com) (Australia).

Obiettivo 4: Preferenza di settore

Le organizzazioni appartenenti a un particolare settore troveranno un allineamento naturale tra il proprio settore e alcuni framework di rendicontazione ESG, come il Global Real Estate Sustainability Benchmark (GRESB). Viene utilizzato per valutare le prestazioni di sostenibilità dei portfolio immobiliari e infrastrutturali.

Le organizzazioni interessate a valutare quali framework utilizzano i loro colleghi possono trovare queste informazioni esaminando i siti web di framework di rendicontazione, che spesso includono un filtro settoriale e un elenco di gestori. Avvalendosi di queste informazioni, le organizzazioni possono accertare la rilevanza del quadro ESG per il proprio settore. Allo stesso modo, le organizzazioni possono consultare i siti web dei loro omologhi del settore per verificare come i report di sostenibilità pubblicati e i report annuali sono stati rendicontati rispetto ai framework pertinenti.

Obiettivo 5: copertura del framework

Ciascuno dei principali framework di rendicontazione ESG si concentra in misura diversa sulle principali metriche delle prestazioni ESG, tra cui ambiente, sociale, governance, carbonio, energia, rifiuti e acqua.

Capire quale framework si concentra su quale indicatore può aiutare a scegliere un framework e dare indicazioni su dove le organizzazioni possono essere in grado di rendicontare rispetto a più framework utilizzando i dati esistenti.

Adottare un sistema di rendicontazione ESG dedicato

Man mano che la comunità degli investitori focalizza la propria attenzione sugli indicatori ESG, il livello di controllo applicato a questi dati si intensifica. Dopotutto, la merce più preziosa nei mercati dei capitali sono i dati affidabili e verificabili.

A differenza dei tipici dati finanziari con cui gli investitori hanno familiarità, i dati ESG generalmente non sono stati mantenuti agli stessi standard di accuratezza. Viene spesso utilizzato in sistemi disparati, mentre alcune organizzazioni tentano di gestire la contabilità annuale dei gas serra (GHG) utilizzando fogli di calcolo rischiosi. Questi approcci non sono un mezzo efficiente per gestire i dati ESG di fronte alle pressioni degli stakeholder e delle normative, soprattutto per le organizzazioni globali complesse che fanno riferimento a più contesti.

Le organizzazioni dispongono di sistemi IT dedicati per supportare processi e sicurezza, sistemi contabili per archiviare in modo sicuro i dati finanziari e i sistemi HR per acquisire e gestire i dati del personale. La reportistica ESG non dovrebbe essere diversa. Le organizzazioni possono trarre vantaggio dall'avere una piattaforma software specializzata per acquisire i dati sulle attività e calcolare i dati sulle emissioni, sulle iniziative di sostenibilità e sui dati della catena di approvvigionamento per rafforzare la reportistica ESG.

Questo aspetto è più importante che per la "E" di ESG, che è la più difficile da rendicontare e tracciare, e la più essenziale per le organizzazioni che cercano di ridurre le proprie emissioni di carbonio. Queste metriche includono generalmente fattori ambientali come acqua, rifiuti, inquinanti ed energia, oltre alle metriche necessarie per supportare la contabilizzazione delle emissioni di gas serra negli ambiti 1, 2 e 3.

Indipendentemente dal quadro normativo scelto, l’accuratezza, l’automazione e la verificabilità sono al centro di solide pratiche di rendicontazione ESG. Le organizzazioni che adottano queste pratiche attraverso una soluzione di rendicontazione ESG specializzata sono meglio preparate per la fascia di cambiamenti che il panorama ESG deve affrontare.

Il software ESG reporting può aiutarti con l'organizzazione, automatizzando l'acquisizione dei dati direttamente dalla fonte e mantenendo un motore a fattori di emissione per tabelle di dati sui fattori di emissione di carbonio riconosciuti a livello nazionale, come US EPA Climate Leaders Program, e-GRID USA, Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), IEA National Electricity Factors, Australian National Greenhouse Accounts, DEFRA (UK) e NZ Ministry for the Environment.

Framework di benchmark

I framework di benchmark per ESG Reporting richiedono le risposte a tutte le domande del framework e in genere prevedono un elemento di punteggio.

Carbon disclosure project (CDP)

Il CDP è un framework che consente alle aziende di fornire informazioni ambientali ai propri stakeholder (investitori, dipendenti e clienti) che coprono la governance e la politica ambientale, la gestione dei rischi e delle opportunità, gli obiettivi ambientali, la strategia e l'analisi degli scenari.

Come funziona CDP

CDP prevede tre questionari sugli argomenti del cambiamento climatico, dell'acqua e delle foreste, ognuno dei quali viene valutato utilizzando metodologie diverse. Ogni questionario include domande generali oltre a domande specifiche per settore rivolte a settori ad alto impatto. Il punteggio dei questionari di CDP è condotto da partner di punteggio accreditati formati da CDP.

Benchmark della sostenibilità immobiliare globale (GRESB)

GRESB è uno strumento globale utilizzato prevalentemente dagli investitori per valutare la sostenibilità dei portfolio di beni immobili e infrastrutturali e delle risorse in tutto il mondo.

Come funziona GRESB

Le valutazioni GRESB forniscono agli investitori e ai gestori patrimoniali informazioni importanti sulla performance di sostenibilità degli asset reali di un'azienda. Queste informazioni sulla performance sono allineate ai framework internazionali di rendicontazione, come il GRI e i Principles for Responsible Investment (PRI). I partecipanti alla valutazione ricevono una business intelligence comparativa sulla loro posizione rispetto ai colleghi, una roadmap con le azioni da intraprendere per migliorare le proprie prestazioni ESG e una piattaforma di comunicazione per interagire con gli investitori. Gli investitori utilizzano i dati ESG e gli strumenti analitici GRESB per migliorare la performance di sostenibilità dei propri portfolio d'investimento, interagire con i gestori e prepararsi a obblighi ESG sempre più rigorosi.

Framework volontari

I framework di reporting volontario ESG consentono ai giornalisti di selezionare le questioni che desiderano segnalare, a seconda di fattori come il settore in cui operano e la loro materialità. Il punteggio in genere non è incluso in questi framework.

Global Reporting Initiative (GRI)

Il GRI è un framework di orientamento applicabile a livello globale che fornisce standard che descrivono in dettaglio gli approcci alla materialità, alla rendicontazione gestionale e alla divulgazione per una gamma completa di problematiche di sostenibilità. Gli standard GRI guidano molte organizzazioni nella produzione dei propri rendiconti sulla sostenibilità.

Come funziona GRI

Gli standard GRI modulari e interconnessi sono concepiti principalmente per essere utilizzati come impostazione per la preparazione di un report sulla sostenibilità incentrato su temi sostanziali. I tre standard universali sono utilizzati da tutte le organizzazioni che fanno riferimento al framework GRI. Un'organizzazione può anche scegliere tra gli standard specifici per argomento per riferire sui suoi temi sostanziali, economici, ambientali o sociali.

Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD)

La TCFD è stata progettata esplicitamente per affrontare i rischi climatici per l'azienda, rientrando a pieno titolo nella "E" della rendicontazione ESG. La TCFD aiuta le organizzazioni di tutto il mondo ad articolare il modo in cui le performance ESG hanno la maggiore probabilità di avere un impatto significativo sui futuri risultati finanziari e sulla creazione di valore.

La TCFD è stata creata nel dicembre 2015 dopo che i ministri delle Finanze del G20 hanno chiesto al Financial Stability Board (FSB) di valutare la connessione tra le problematiche legate al clima e il settore finanziario. L'FSB è un organismo internazionale che formula raccomandazioni per il sistema finanziario globale, quindi questa pressione verso i finanziamenti legati al clima è stata significativa.

Come funziona la TCFD

Suddivisa in quattro pilastri, la TCFD affronta i requisiti di divulgazione relativi a:

1. Governance: in che modo la struttura di governance dell'organizzazione affronta i rischi e le opportunità legati al clima?

2. Strategia: quali sono gli impatti sostanziali tangibili dei rischi e delle opportunità legati al clima sull'intero business, compresa la strategia e la pianificazione finanziaria?

3. Gestione del rischio: in che modo l'organizzazione definisce, valuta e gestisce i rischi legati al clima?

4. Metriche e obiettivi: quali sono le misurazioni utilizzate per valutare i rischi e le opportunità sostanziali legati al clima?

Value Reporting Foundation (VRF) - Sustainability Accounting Standards Board (SASB) e International Integrated Reporting Council (IIRC)

Nel giugno 2021, SASB e IIRC hanno annunciato la loro fusione per formare il VRF (link esterno a ibm.com), un framework di indicazioni ESG che stabilisce gli standard per la divulgazione di informazioni di sostenibilità finanziariamente rilevanti da parte delle aziende ai propri investitori.1 Le risorse che forniscono includono gli Integrated Thinking Principles, l'Integrated Reporting Framework e gli standard SASB.

In totale, gli standard SASB monitorano i problemi ESG e le prestazioni in 77 standard di settore. Il framework VRF è costruito per supportare le aziende nella condivisione dei loro impatti ESG verso l'esterno nel linguaggio utilizzato da investitori, titolari del debito e stakeholder finanziari interni.

Funzionamento degli standard SASB

Degli altri framework di rendicontazione ESG, il GRI è più simile al SASB, ma fornisce informazioni più ampie per la rendicontazione agli stakeholder che non provengono solo dai portfolio finanziari.

Società di asset management come BlackRock, Goldman Sachs e Morgan Stanley, giganti della produzione come GM e Nike e persino settori specializzati con società come Merck e JetBlue utilizzano gli standard SASB per divulgare metriche ESG. SASB fornisce anche risorse per spiegare come gli investitori di più classi di attività utilizzano gli standard. Questi strumenti consentono alle organizzazioni di essere specifiche e di presentare report con un sistema che permette trasparenza e pertinenza agli investitori.

Framework normativi

I quadri normativi di rendicontazione ESG sono simili ai framework di benchmark in quanto tutte le risposte sono obbligatorie, ma non sempre vengono valutate. Questi framework e requisiti di rendicontazione sono richiesti anche da un ente della pubblica amministrazione.

Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) 

Il CSRD dell'Unione Europea prescrive regole per le organizzazioni per rendicontare divulgazioni di sostenibilità su diversi argomenti relativi a questioni ambientali e sociali. Le aziende soggette al CSRD dovranno rendicontare secondo gli European Sustainability Reporting Standards (ESRS). Ispirandosi al concetto di doppia materialità degli impatti finanziari e sociali, il CSRD richiede alle organizzazioni di specificare in che modo la loro strategia aziendale mitigherà i rischi associati a questioni ambientali e sociali e di pubblicare tali informazioni pubblicamente.

Il sistema valuta le metriche sociali insieme alle prestazioni ambientali, esaminando questioni come la salute dei dipendenti, i diritti umani, la concussione, la lotta alla corruzione e la diversità in tutto il management.  

La CSRD si applica alle organizzazioni con un attivo totale di oltre 20 milioni di euro, un fatturato netto di 40 milioni di euro e/o più di 250 dipendenti. Queste includono sia le aziende dell'UE che le filiali dell'UE di aziende non UE. Ciò avrebbe un impatto su oltre 50.000 aziende, di cui quasi 10.000 sono al di fuori dell’UE. 

La rendicontazione di sostenibilità sarà richiesta anche alle imprese extraeuropee che generano un fatturato netto annuo di 150 milioni di euro nell'UE e che hanno almeno una filiale o una succursale nell'UE. Le aziende extra-UE dovranno adeguarsi a partire dal 2028. 

Scarica l'eBook CSRD
National Greenhouse and Energy Reporting (NGER)

Lo schema NGER (link esterno a ibm.com) è il framework nazionale australiano per la rendicontazione e la diffusione di informazioni aziendali sulle emissioni di gas serra e la produzione e il consumo di energia. Fondato dal NGER Act nel 2007, è monitorato dal Clean Energy Regulator.

Come funziona NGER

Lo schema NGER raccoglie i dati relativi alle emissioni di gas serra, quali l'anidride carbonica (CO2), il metano (CH4), l'ossido di carbonio (N2O), l'esafluoruro di zolfo (SF6) e tipi specifici di idrofluorocarburi e perfluorocarburi. I registri delle attività devono essere adeguati per consentire al Clean Energy Regulator di verificare se l'azienda o la persona ha rispettato gli obblighi previsti dal NGER Act.

Ciò include informazioni che possono essere utilizzate per verificare la pertinenza, la completezza, la coerenza, la trasparenza e l'accuratezza dei dati segnalati durante un audit esterno.

Streamlined Energy and Carbon Reporting (SECR)

La tassonomia SECR è la guida del governo britannico per le organizzazioni tenute a divulgare il proprio consumo di energia, le emissioni di gas serra e le relative informazioni. Il SECR è stato introdotto per entrare in vigore dal 1° aprile 2019, in concomitanza con la fine del precedente programma di efficienza energetica Carbon Reduction Commitment (CRC). Si basa ed estende sui precedenti obblighi di rendicontazione delle società quotate, aggiungendo nuovi obblighi per le grandi società non quotate e per le società a responsabilità limitata (LLP).

Può inoltre aiutare tutte le organizzazioni a redigere relazioni volontarie su una serie di argomenti ambientali, tra cui la rendicontazione dei gas serra e l'uso di KPI. Il SECR è fondamentale per la strategia del Regno Unito volta a migliorare l'efficienza energetica e ridurre le emissioni di CO2, come stabilito dal Climate Change Act 2008.

Si prevede che circa 11.900 società costituite nel Regno Unito dovranno produrre dei report sulle proprie emissioni di energia e carbonio nell'ambito del nuovo framework.2

Come funziona il SECR

Le società quotate in borsa che presentano il bilancio al SECR sono tenute a divulgare il loro utilizzo di energia, le emissioni globali di gas serra di ambito 1 e 2 in tonnellate metriche di CO2 equivalente e almeno una metrica di intensità delle emissioni a loro scelta per l'anno finanziario in corso e per quelli precedenti. Le emissioni di ambito 3 rimangono volontarie ma sono consigliate per le fonti di emissioni considerate materiali.

Le grandi società non quotate e le LLP dovranno inoltre comunicare, come minimo, il loro consumo energetico nel Regno Unito e le relative emissioni di gas serra da elettricità, gas e carburanti per il trasporto, nonché almeno una metrica di intensità. Rendicontare ciascuna di queste dimensioni di sostenibilità e monitorarne i progressi nel tempo richiede l'accesso a dati consolidati e verificabili, che possono essere raggiunti più facilmente con il software di rendicontazione sulla sostenibilità.

Regolamento sull'informativa sulla sostenibilità dei servizi finanziari (SFDR)

SFDR (link esterno a ibm.com) mira a standardizzare la rendicontazione delle metriche ESG per i prodotti e le entità finanziarie all'interno dell'UE. A tal fine, i giornalisti devono pubblicare una dichiarazione sull'impatto negativo principale (Principal Adverse Impact, PAI) che illustri in dettaglio le loro informazioni. L'SFDR agirà di concerto con la tassonomia dell'UE e con la proposta di direttiva UE sulla rendicontazione della sostenibilità delle imprese (CSRD) per costituire la base dell'agenda UE sulla finanza sostenibile.

Come funziona SFDR

La dichiarazione PAI di SFDR richiede agli organismi finanziari di rendicontare diversi tipi di indicatori quantitativi, comprese le medie ponderate di diverse metriche ESG per i loro investimenti e le emissioni delle proprie attività. In pratica, ciò significa che le organizzazioni devono comunicare la percentuale delle attività delle partecipate che finanziano. Ad esempio, se un'azienda partecipata genera 100 tonnellate metriche di rifiuti pericolosi e l'organismo finanziario detiene il 20% del patrimonio netto dell'azienda, l'organismo finanziario rendiconta 20 tonnellate metriche di rifiuti pericolosi nel SFDR PAI.

Agenzie di rating

Le agenzie di rating richiedono risposte a tutte le domande nel framework e in genere prevedono un elemento di punteggio.

ENERGY STAR®

ENERGY STAR® (link esterno a ibm.com) è un meccanismo di valutazione e benchmarking dell'energia riconosciuto a livello nazionale in Nord America che interessa edifici commerciali con diversi tipi di uso edilizio.

Come funziona ENERGY STAR®

ENERGY STAR® è un programma volontario della U.S. Environmental Protection Agency (EPA) che aiuta imprese e privati a risparmiare denaro e proteggere il clima grazie a una maggiore efficienza energetica. Le classifiche confrontano le prestazioni di un edificio con altri edifici simili, chiamati gruppo di pari. I proprietari di edifici possono confrontare le loro prestazioni internamente in tutto il loro portafoglio ed esternamente tra settori simili.

I punteggi ENERGY STAR® si basano sui dati delle indagini nazionali sul consumo energetico degli edifici, che consentono allo strumento ENERGY STAR® Portfolio Manager di controllare le variabili chiave che incidono sulle prestazioni energetiche di un edificio, tra cui clima, ore di funzionamento e dimensioni dell'edificio. Ciò significa che gli edifici di tutto il paese con diversi parametri operativi e soggetti a diversi schemi meteorologici, possono essere confrontati fianco a fianco per vedere come si pongono in termini di prestazioni energetiche. I fattori specifici inclusi in questa normalizzazione (orari, lavoratori, clima e altro) dipenderanno dal tipo di proprietà. La scala 1–100 è impostata in modo che 1 rappresenti gli edifici con prestazioni ottimali e 100 rappresenti gli edifici con prestazioni migliori, con 50 che rappresenta la media

Dow Jones Sustainability Indices (DJSI) e il questionario Corporate Sustainability Assessment (CSA)

Il DJSI monitora le prestazioni (link esterno a ibm.com) delle aziende leader mondiali in termini di criteri economici, ambientali e sociali ed è utilizzato dagli investitori che desiderano valutare congiuntamente gli aspetti finanziari ed ESG della performance aziendale.

Come funziona DJSI

Il DJSI applica un processo di selezione dei componenti trasparente basato su regole in base ai punteggi totali di sostenibilità dell'azienda derivanti dal CSA annuale. Il CSA confronta le aziende di 61 settori con questionari che valutano un mix di 80-100 domande trasversali e specifiche per il settore. Le aziende ricevono punteggi compresi tra 0 e 100 e classifiche percentili per circa 20 criteri di sostenibilità finanziariamente pertinenti nelle dimensioni economica, ambientale e sociale. Solo le aziende più quotate di ogni settore vengono selezionate per l'inclusione nella famiglia DJSI. Gli investitori in questi indici ottengono un'esposizione al potenziale di rendimento di noti fattori comuni, bassa volatilità, rendimento da dividendi, valore o momentum, evitando al contempo i rischi legati all'ESG nei loro portfolio, indirizzando il loro investimento verso aziende più sostenibili.

National Built Environment Ratings Scheme (NABERS) AU

Utilizzando una scala a sei stelle, NABERS aiuta i proprietari di edifici australiani a capire come i propri asset incidono sull'ambiente e aiuta i potenziali inquilini a capire quanto sia efficiente dal punto di vista energetico lo spazio in affitto.

Come funziona NABERS

NABERS confronta le prestazioni di un edificio o di una locazione con parametri di riferimento che rappresentano le prestazioni di altri edifici simili nella stessa località. I punteggi NABERS sono calcolati da un valutatore indipendente sulla base di 12 mesi di informazioni reali e misurabili relative a un edificio o a una locazione, come le bollette energetiche e dell'acqua o i dati sul consumo di rifiuti come base per la loro valutazione. Le valutazioni NABERS sono disponibili per edifici commerciali, locazioni, hotel, centri commerciali e centri dati. NABERS ha annunciato nel 2019 un piano di espansione a tutte le principali tipologie di edifici. Ai sensi del Building Energy Efficiency Disclosure Act australiano, tutti gli edifici in vendita o in locazione superiori a 929 m² devono ricevere una classificazione NABERS. I governi sono tenuti ad affittare spazi in edifici con una valutazione di 4,5 o superiore.

Prepararsi alle crescenti tendenze ESG
Raccolta dati basata sull'AI con gli strumenti di rating ESG

Sempre più spesso, l'IA e i bot vengono utilizzati per valutare le prestazioni ESG di un'organizzazione tramite i dati pubblicamente disponibili. Questa pratica, nota come scraping dei dati, rappresenta una nuova sfida per le organizzazioni perché significa che i dati utilizzati per valutare l'accesso al capitale sono in gran parte fuori dal loro controllo.

Diverse aziende sintetizzano i dati ESG da diverse fonti, tra cui classifiche e "best of", siti web di recensioni di prodotti, post e commenti sui social media, database aziendali e articoli di cronaca per creare il profilo di un'organizzazione.

Sebbene questi sistemi di punteggio e i dati frammentari raccolti tramite lo scraping dei dati non forniscano il contesto, la metodologia utilizzata o i dettagli granulari richiesti dalla maggior parte degli investitori, queste pratiche si stanno comunque diffondendo.

Come prepararsi a una valutazione ESG guidata dall'AI

Con la pratica dello scraping dei dati su una tendenza verso l'alto, i team di investimento e sostenibilità devono prendere in considerazione il seguente approccio per riprendere il controllo dei propri dati e proteggere la valutazione ESG dell'organizzazione dall'inevitabile calo dei dati ESG basati sull'AI.

Fase 1: individua le agenzie di rating a cui rivolgerti. Rivolgiti ai tuoi principali investitori istituzionali e chiedi loro quali agenzie di rating utilizzano.

Fase 2: comprendi quali dati utilizzano le agenzie di rating target e come procedono a individuarli. Chiedi direttamente alle agenzie di rating, se possibile, oppure fai una ricerca online per scoprire cosa puoi fare.

Fase 3: assicurati che i dati che fornisci e i luoghi in cui li condividi soddisfino le esigenze delle agenzie di rating. Ecco alcuni suggerimenti per raggiungere questo obiettivo:

Determina le parole chiave migliori

Controlla le informazioni pubblicamente disponibili della tua organizzazione per assicurarti che i dati acquisiti dallo scraping dei dati AI e dai bot siano accurati. Esegui un'analisi della terminologia utilizzata e modificala per renderla più chiara. Questa analisi deve essere applicata al sito Web dell'organizzazione, ai siti Web di confronto e ai database di ricerca aziendali come Bloomberg.

Utilizza il listening social

Tieni traccia delle conversazioni online per determinare cosa è stato pubblicato sulla tua organizzazione e prova a correggere eventuali dichiarazioni inesatte. Ad esempio, le recensioni dei clienti, gli annunci business di Google, i commenti e le citazioni dei clienti sui social media relativi all'organizzazione.

Aumenta le informazioni ESG pubblicamente disponibili

Fornisci più dati nei piani d'azione e nei report sulla sostenibilità. Pubblica documenti di supporto che approfondiscano le performance e l'impegno ESG dell'organizzazione. Questi dati possono quindi essere pubblicati sul sito Web dell'organizzazione, sui social media o su altre piattaforme.

Uno standard globale nella rendicontazione ESG

Il futuro della rendicontazione ESG può essere visto da almeno tre prospettive: le modifiche normative, la coalizione del settore rispetto ai framework e il consolidamento degli interframework. Tutte queste prospettive indicano una direzione importante: l'armonizzazione dei framework di rendicontazione ESG.

Modifiche normative: sono stati compiuti diversi progressi nelle giurisdizioni nazionali e sovranazionali. Nel marzo 2022 la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha annunciato una proposta per rendere obbligatoria l'informativa ESG sul modello della TCFD. Allo stesso modo, il pacchetto sulla finanza sostenibile dell’UE, la tassonomia UE e il regolamento sulla divulgazione della finanza sostenibile (SFDR), che include la CSRD, richiederanno alle aziende ulteriori informazioni relative all'ESG.

– I settori industriali si coalizzano: man mano che la pratica della rendicontazione ESG matura, i settori industriali si stanno coalizzando attorno ai loro framework preferiti. I primi a muoversi in questo senso sono stati gli operatori del settore immobiliare, che prediligono la rendicontazione rispetto al framework GRESB. Questa tendenza si è manifestata più di recente nella comunità degli investitori, con gestori patrimoniali come BlackRock che hanno incoraggiato le loro società di investimento a rendicontare con il SASB.

Consolidamento dei framework: questi cambiamenti si traducono in un panorama di rendicontazione in cui i framework diventano sempre più specializzati, come nel caso dell'International Financial Reporting Standards (IFRS) Foundation e del GRI, o si consolidano, come nel caso dell'International Integrated Reporting Council (IIRC) e del SASB.

Come prepararsi per i cambiamenti della rendicontazione ESG

Con progressivi passi avanti verso un linguaggio comune in materia di rendicontazione ESG e nuovi annunci effettuati ogni pochi mesi, come possono le organizzazioni prepararsi meglio agli inevitabili cambiamenti che devono affrontare i framework ESG?

Ottieni i dati giusti

Disporre oggi di una base dati accurata e verificabile significa evitare errori pregressi e modificare i processi quando le modifiche alla rendicontazione ESG entrano in vigore. La tua soluzione software di reporting ESG dovrebbe aiutarti a raggiungere questo obiettivo con un record di dati verificabile e calcoli accurati delle emissioni.

La soluzione dovrebbe essere aggiornata regolarmente in linea con i nuovi requisiti del framework per garantire che la rendicontazione ESG rimanga al passo con gli obblighi del mercato.

Crea legami con gli stakeholder giusti

I leader della sostenibilità dovrebbero guardare al di là del loro attuale gruppo di stakeholder e prendere in considerazione altri che possano fornire i dati granulari richiesti dai diversi framework e dalle modifiche normative.

Soluzioni correlate
IBM Envizi ESG Suite

IBM Envizi ESG Suite elimina le sfide e la complessità della raccolta, dell’analisi e della rendicontazione dei dati ESG in modo da sfruttare la potenza dei dati per un percorso efficiente verso il miglioramento della sostenibilità.

Esplora Envizi

Piattaforma IBM Turbonomic Application Resource Management (ARM)

Quando le applicazioni consumano solo ciò di cui hanno bisogno, puoi migliorare l’efficienza operativa, aumentare l’utilizzo, ridurre i costi energetici e le emissioni di Co2 associate.

Esplora Turbonomic

IBM Maximo

Con IBM Maximo, una piattaforma integrata di gestione delle risorse e dell’affidabilità, puoi monitorare, gestire e mantenere le operazioni in modo da migliorarne l’efficienza, ridurre il consumo di risorse e la generazione di rifiuti durante l’intero ciclo di vita delle risorse.

Esplora Maximo
Risorse Cos'è la contabilità del carbonio?

La contabilizzazione delle emissioni di Co2 consente alle organizzazioni di quantificare le proprie emissioni di gas serra, comprendere il proprio impatto sul clima e fissare obiettivi per ridurre le proprie emissioni.

Padroneggiare le complessità della rendicontazione sui gas serra

Scopri come contabilizzare gli acquisti di energia rinnovabile, come affrontare il calcolo delle emissioni di ambito 3 e cosa potrebbe significare un quarto ambito di emissioni per la tua azienda.

Guida alla rendicontazione delle emissioni di gas a effetto serra e alla gestione dei dati ESG

Scopri i passaggi per generare o acquisire dati di alta qualità necessari per supportare le dichiarazioni di sostenibilità e decomprimere un approccio basato sulle migliori pratiche per il calcolo delle emissioni di gas serra per la rendicontazione e la divulgazione.

Il futuro della rendicontazione ESG: uno sguardo alla sfera di cristallo

Si dà sempre più attenzione alle prestazioni ESG. Ciò significa che il settore della rendicontazione ESG è destinato a cambiare, essendo stato a lungo afflitto da un insieme di linee guida e framework di rendicontazione in competizione tra loro.

Fasi successive

Dai un'occhiata più da vicino a IBM Envizi e scopri come può aiutarti ad accelerare la tua strategia ESG.

Esplora IBM Envizi Inizia la prova gratuita di 14 giorni