Come creare un'app per Android
Sei pronto a sviluppare un'app per Android? Sfrutta i servizi basati sul cloud per superare i limiti della piattaforma mobile, velocizzare lo sviluppo e migliorare l'esperienza utente.
Iscriviti alla newsletter IBM
Sfondo nero e verde
Come creare un'app per Android
  • Utilizza il familiare linguaggio Java™ o semplifica lo sviluppo con Kotlin

  • Sfrutta il cloud per estendere la tua app e ridurre il sovraccarico del server

  • Distribuisci l'app internamente o utilizza Google Play Store

La tua organizzazione sta pianificando di lanciare una nuova app mobile? Forse i dirigenti vogliono espandersi in un nuovo canale di vendita, dotare i tecnici sul campo di un modo più semplice per raccogliere dati o offrire ai dipendenti un accesso rapido e conveniente alle informazioni sui benefit.

Android potrebbe essere la piattaforma ideale per iniziare un percorso di sviluppo di app mobili. Con oltre due miliardi di utenti Android in tutto il mondo, sviluppare Android può aiutarti a connetterti con più clienti, partner e dipendenti.

Se stai creando la tua prima app, scoprirai che l'ambiente di sviluppo aperto di Android ha basse barriere per l'ingresso. Probabilmente hai già familiarità con Java, il linguaggio nativo di Android (e, in caso contrario, dai un'occhiata a "Che cos'è Java?"). E a differenza dello sviluppo di app per iOS, che richiede l'uso di un Mac, Android ti consente di sviluppare le app utilizzando quasi tutti i desktop o laptop.

Che tu stia pianificando di rilasciare la tua app esclusivamente su Android o considerando lo sviluppo sia per Android che per iOS, capire come iniziare e seguire alcune best practice può aiutarti a garantire un processo di sviluppo efficiente e di successo.

Inizia ora

Per iniziare con lo sviluppo Android, è necessario il kit di sviluppo Java gratuito (JDK) e il kit di sviluppo software Android gratuito (SDK). Questi due kit di sviluppo includono tutti i servizi, gli strumenti e le librerie necessari per lo sviluppo Android, anche se puoi estendere la tua app con una miriade di servizi e librerie open source di terze parti. Una volta che sai cosa vuoi che faccia la tua app, non mancano le librerie per supportarla e crearla.  

L'SDK include il potente ambiente di sviluppo integrato (IDE) Android Studio di Google. Con un editor di codice, un designer di UI e un emulatore, Android Studio è la piattaforma preferita per sviluppare un'app Android vincente. Android Studio viene eseguito su Windows, MacOS e Unix, offrendoti più opzioni per l'hardware di sviluppo. Utilizzerai anche Android Studio per distribuire la tua app su Google Play Store in una fase successiva del processo di sviluppo.

Considera Kotlin rispetto a Java

Mentre Java è ampiamente considerato il linguaggio ufficiale delle app Android, ce n'è uno nuovo da considerare: Kotlin. Nel 2017, Google ha reso Kotlin un linguaggio Android ufficiale e da allora è diventata un'opzione popolare per gli sviluppatori. Java è sicuramente un linguaggio familiare e confortevole, ma Kotlin può offrire numerosi vantaggi rispetto a Java.

Innanzitutto, Kotlin è meno complesso da usare di Java. È anche più efficiente poiché richiede meno codice scritto per eseguire le stesse attività. Di conseguenza, Kotlin può rendere il codice più semplice da comprendere per gli altri sviluppatori.

Kotlin può anche aiutare a ridurre gli errori. Uno dei maggiori problemi potenziali nello sviluppo di Java è l'eccezione di riferimento nullo, in cui il programma tenta di accedere a una variabile di riferimento prima che tu abbia puntato il riferimento a un oggetto. Può bloccare l'intera app. Kotlin evita questo problema limitando gli oggetti che possono puntare a un riferimento nullo. Offre inoltre test significativi per aiutare a prevenire eccezioni di puntatori nulli.

Evita problemi con alcuni semplici consigli

Poiché ogni app mobile è diversa, non esiste un’unica strategia per raggiungere il successo. Tuttavia, alcuni suggerimenti si applicano praticamente a qualsiasi app:

  • Non dare per scontato l'hardware: a differenza dello sviluppo iOS, Android funziona su centinaia di telefoni di decine di produttori. Devi sviluppare la tua app in modo che possa essere eseguita facilmente su ciascun dispositivo senza necessariamente sapere quale sia. Purtroppo, questo significa che a volte è necessario rinunciare a funzioni all'avanguardia per garantire la massima compatibilità.

  • Fai i test presto e spesso: non sottovalutare l'importanza dei test unitari e dell'interfaccia utente. Sebbene questi test automatici non possano sostituire il beta testing dal vivo, rilevano un numero considerevole di bug e aiutano a identificare il motivo per cui la tua app ha improvvisamente smesso di funzionare.

  • Lavorare al contrario: molti sviluppatori costruiscono la loro applicazione da zero, la inviano al Google Play Store e devono affrontare una sostanziale rielaborazione se viene rifiutata. Consulta invece attentamente le linee guida per gli sviluppatori di Android per assicurarti che la tua app passi la prima volta.
Attingi al cloud

Le app mobili devono essere leggere per adattarsi alle limitazioni di CPU, memoria e archiviazione dei dispositivi mobili. Se hai bisogno di sviluppare applicazioni più sofisticate e ad alta intensità di risorse di quelle che può gestire un tipico dispositivo Android, rivolgiti al cloud. Android offre opzioni impareggiabili per l'integrazione con i servizi cloud, che possono aiutarti a scaricare le risorse necessarie e a migliorare le funzionalità della tua applicazione.

Uno dei servizi cloud più semplici da implementare sono le notifiche push. Con le notifiche push basate su cloud, puoi inviare facilmente messaggi all'intera base di utenti, a utenti specifici o anche a una singola persona. Quando non è necessario affidarsi all'app stessa per inviare i messaggi, è possibile modificare i contenuti rapidamente o programmare il rilascio dei messaggi senza dover distribuire un aggiornamento dell'app.

IBM® watsonx offre alcuni dei servizi cloud più popolari e potenti. Utilizza i servizi watsonx per analizzare i dati, supportare un chatbot o classificare le immagini.

Oltre a migliorare l'efficienza della tua app sui dispositivi mobili e aumentare le sue funzionalità, il cloud può aiutarti a ridurre l'infrastruttura di backend di cui hai bisogno per eseguire l'app. Ad esempio, è possibile creare API o utilizzare quelle esistenti che connettono l'app al cloud, eliminando la necessità di un server nel backend dell'app. Utilizzando un provider function-as-a-service (FaaS), è possibile sostituire le chiamate al server con un'istanza dedicata dell'azione di cui hai bisogno. In questo modo, non solo si riduce il carico prestazionale, ma viene anche offerta anche una soluzione di scalabilità conveniente: paghi solo quando si verifica un'azione.

Distribuisci la tua app

Una volta progettata, sviluppata e testata la tua app, è il momento di condividerla con clienti, dipendenti o partner. Con Android, puoi distribuire la tua app tramite un sito Web, consentendo agli utenti di installare l'app direttamente sui loro dispositivi. Quando la distribuisci a un pubblico interno, puoi ospitare la tua app su un sito intranet come download diretto.

Utilizza Google Play Store, lo store ufficiale di Android, per distribuire la tua app in modo più ampio. Ad esempio, potresti voler distribuire a un pubblico globale di clienti o partner. (È anche possibile utilizzare Google Play per distribuire internamente app aziendali private ai dipendenti dell'organizzazione). Per distribuire un'app tramite Google Play, devi iscriverti al programma per sviluppatori Android e pagare una tariffa annuale di 25 USD. Google Play Store richiede che le app pubbliche soddisfino una serie di standard di qualità prima che possano essere pubblicate sullo Store. Una volta approvata l'app, puoi utilizzare Android Studio per firmare e pubblicare l'app sul Google Play Store.

Soluzioni correlate
Costruisci con watsonx: l'intelligenza artificiale per le aziende

Con IBM® watsonx, hai tutto l'occorrente per costruire, implementare e gestire l'AI di livello aziendale su qualsiasi cloud pubblico, privato o ibrido.

Esplora l'intelligenza artificiale per le aziende
Risorse Che cos'è un chatbot?

Impara a conoscere i chatbot, che simulano conversazioni umane per creare esperienze migliori per i clienti.

Cos'è Java?

Scopri perché Java rimane una piattaforma di sviluppo così diffusa e come accelera i progetti e supporta un'ampia gamma di tecnologie emergenti.

Fai il passo successivo

IBM® watsonx è un'AI aperta per qualsiasi ambiente cloud. watsonx viene fornito pre-integrato e pre-addestrato su un'architettura informativa flessibile ottimizzata per accelerare la produzione e l'implementazione dell'AI. Crea modelli e sviluppa applicazioni per aiutare la tua azienda a fare previsioni più precise, automatizzare i processi, interagire con utenti e clienti e aumentare le competenze.

Ulteriori informazioni su IBM® watsonx