Che cos'è la rendicontazione delle emissioni di gas serra?
Esplora gli strumenti di rendicontazione sui GHG di IBM Envizi Iscriviti agli aggiornamenti sulla sostenibilità
Illustrazione di città, barca, treno, alberi e respiro in aria

Pubblicato: 24 gennaio 2024
Collaboratori: Amanda McGrath, Alexandra Jonker

Che cos'è la rendicontazione delle emissioni di gas serra?

La rendicontazione sui gas a effetto serra è il processo di documentazione della quantità di gas serra (GHG) emessi da un'azienda, un'organizzazione o un Paese. Le emissioni totali sono calcolate da una varietà di fonti, tra cui processi industriali, uso energetico e trasporti, e riportate su base ricorrente per informare le pratiche commerciali e le politiche internazionali.

Le emissioni dei gas a effetto serra sono una delle principali cause del cambiamento climatico. Il rilascio di anidride carbonica (CO2), metano (CH4), ossido di azoto (N2O) e gas fluorinati (tra cui idrofluorocarburi (HFC), perfluorocarburi (PFC), clorofluorocarburi (CFC) e altri) può creare il cosiddetto "effetto serra", in cui il calore si intrappola nell'atmosfera terrestre, causando un aumento delle temperature globali. Tali emissioni sono principalmente il risultato delle attività umane, in particolare della combustione di combustibili fossili come carbone, petrolio e gas naturale. Poiché i Paesi e le aziende sono alla ricerca di standard e politiche che affrontino i cambiamenti climatici e riducano l'impatto ambientale, la rendicontazione standardizzata dei GHG offre dati coerenti e trasparenti per informare il processo decisionale.

Guida alla contabilità delle emissioni GHG

Scopri i processi utilizzati per gestire i dati delle prestazioni ambientali e i passi necessari per contabilizzare le emissioni di gas serra (GHG).

Scopri di più

Registrati per ricevere la guida alla rendicontazione ESG

Storia della rendicontazione delle emissioni di gas a effetto serra

Nel 1994, la Convenzione quadro sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite (UNFCCC) ha fissato gli obiettivi di stabilizzazione delle concentrazioni di gas serra come mezzo per affrontare i cambiamenti climatici. Il Protocollo di Kyoto, approvato tre anni dopo, ha fissato obiettivi specifici di riduzione delle emissioni per i Paesi industrializzati. Alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2015 (COP21), i Paesi di tutto il mondo si sono impegnati a sottoscrivere l'Accordo di Parigi, un importante trattato internazionale che mira a limitare il riscaldamento della Terra a meno di 2°C (3,6°F) rispetto ai livelli preindustriali, con l'obiettivo a lungo termine di limitare l'aumento a 1,5°C (2,7°F). Oggi più di 40 Paesi hanno predisposto delle leggi che impongono l'obbligo di rendicontazione delle emissioni di gas serra.

Come vengono misurate le emissioni di gas serra?

L'anidride carbonica (CO2) è considerata il driver principale dell'effetto serra, ma non è l'unico. L'impatto di altri gas serra, tra cui il metano, l'ossido di azoto e i gas florurati come i clorofluorocarburi sono misurati in termini di CO2 equivalente (CO2e). L'impatto di ciascun tipo di gas serra viene collettivamente misurato in termini di potenziale di riscaldamento globale (GWP). Questa metrica confronta la capacità di intrappolare il calore di un gas con quella dell’anidride carbonica in un particolare periodo di tempo. Le misurazioni della CO2e contribuiscono a mostrare l’impatto complessivo di tutti i gas serra in modo comparabile.

Per le aziende, le emissioni rientrano in tre categorie:

  • Emissioni Scope 1: quelle prodotte direttamente dall'azienda
  • Emissioni Scope 2: quelle generate dall'energia e da altre risorse utilizzate dall'azienda
  • Emissioni Scope 3: sono quelle derivanti da fonti indirette all'interno della supply chain

Le tecniche di misurazione variano, e comprendono il monitoraggio diretto delle emissioni alla fonte e metodi indiretti come la stima delle emissioni in base ai dati sul consumo di carburante.

Che cos'è un inventario GHG?

Un inventario dei gas a effetto serra è un tipo di rendicontazione sulla sostenibilità che offre un resoconto completo di tutte le emissioni e gli assorbimenti di gas serra da parte di un'azienda o di un'entità in un determinato periodo di tempo. Raccoglie dati su tutti i gas serra primari derivanti sia dalle emissioni dirette (quelle provenienti da fonti possedute o controllate dall'azienda) che dalle emissioni indirette (quelle sostenute dalla generazione di energia utilizzata dall'azienda). Include anche dati su eventuali sforzi per bilanciare la produzione di emissioni. Un inventario delle emissioni può contribuire a informare il processo decisionale sull’utilizzo dei gas serra e sugli sforzi di mitigazione, identificare tendenze e opportunità di riduzione e spesso fa parte dei requisiti di rendicontazione obbligatori. Gli inventari sono spesso resi pubblici come parte delle relazioni annuali e di altri sforzi.

Quali sono gli standard per la creazione di un inventario GHG?

Numerosi strumenti e sistemi di rendicontazione offrono indicazioni su come misurare, analizzare e comunicare i dati rilevanti. Lo strumento di contabilizzazione dei gas serra più utilizzato è il GHG Protocol Corporate Accounting and Reporting Standard, spesso indicato come Greenhouse Gas Protocol, Protocollo GHG o GHGP. Un'iniziativa congiunta del World Resources Institute e del World Business Council for Sustainable Development (WBCSD), il Protocollo GHG fornisce principi, linee guida, strumenti e metodologie per la creazione di inventari dei gas serra e la comunicazione dei relativi dati. È strutturato su cinque principi: pertinenza, completezza, coerenza, trasparenza e accuratezza.

I responsabili politici globali considerano il Protocollo GHG il punto di riferimento per gli standard di rendicontazione dei gas serra ed è spesso utilizzato da Paesi e aziende quando sviluppano le politiche per la misurazione e la rendicontazione delle emissioni. Può essere utilizzato per tracciare i dati sulle emissioni per singoli prodotti, aziende o Paesi specifici o persino un'intera catena del valore. Poiché è così ampiamente utilizzato, ha contribuito a rendere le rendicontazioni sulle emissioni globali più coerenti e i set di dati più comparabili.

Rendicontazione dei gas serra e obiettivi di sostenibilità

La rendicontazione delle emissioni di gas serra aiuta le aziende a perseguire obiettivi ambientali, sociali e di governance (ESG) offrendo un quadro chiaro dell'impatto ambientale e identificando le aree chiave di miglioramento. Grazie a questa trasparenza, le aziende potrebbero essere in grado di definire meglio gli obiettivi realistici di sostenibilità e perseguire la responsabilità sociale aziendale. Dati accurati e approfonditi sono fondamentali: le tendenze nei dati sulle emissioni comunicate e migliori informazioni sulle fonti di emissione possono far luce sulle opportunità di adottare pratiche più rispettose dell'ambiente e contribuire a determinare i risultati degli sforzi di mitigazione come la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS) e il sequestro del carbonio. Questi dati sono essenziali per mantenere la conformità ai requisiti internazionali di rendicontazione dei gas serra, ma offrono anche una finestra sulle opportunità di risparmio sui costi e sull'efficienza operativa.

Esempi di programmi obbligatori di rendicontazione dei gas serra

Sebbene i Paesi e le aziende possano intraprendere la rendicontazione dei gas serra volontariamente o per soddisfare gli interessi interni e degli stakeholder, la maggior parte è soggetta anche a programmi e standard obbligatori stabiliti da governi e organizzazioni internazionali. Molti dei programmi impongono la rendicontazione per le aziende o le organizzazioni le cui emissioni superano un determinato numero di tonnellate. Alcune delle più importanti iniziative di rendicontazione obbligatoria comprendono:

Stati Uniti: Greenhouse Gas Reporting Program (GHGRP) e SEC Climate Disclosures

Fondata dalla U.S. Environmental Protection Agency (EPA) nel 2009, la GHGRP impone la rendicontazione delle emissioni GHG provenienti da grandi fonti e fornitori negli Stati Uniti. Questo programma, un'estensione del Clean Air Act, copre circa il 85% delle emissioni GHG della nazione. Si concentra su industrie energetiche come centrali elettriche, petrolio e gas, prodotti chimici e rifiuti. Il GHGRP si rivolge principalmente alle strutture ad alte emissioni di gas serra. Deve includere dati su CO2, metano, ossido di azoto e gas fluorinati; i report vengono inviati annualmente e forniscono i dati GHG raccolti durante l'anno solare precedente. Il programma di segnalazione dei gas a effetto serra dell'EPA comprende requisiti specifici basati su dimensioni, settore e impatto ed è soggetto ad adeguamenti (ad esempio, la Subpart W, il mandato del GHGRP per i fornitori di petrolio e gas, è stato ampliato con nuove categorie di fonti a livello di struttura nel 2022). L'agenzia offre strumenti per determinare l'applicabilità a diverse strutture1 e i dati GHGRP sono resi disponibili al pubblico per sostenere la trasparenza e la responsabilità.

Mentre il GHGRP si applica alle industrie energetiche, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti impone la rendicontazione delle emissioni di gas serra da parte delle grandi aziende di tutti i settori. La SEC richiede che le grandi società quotate in borsa comunichino le relative emissioni di gas serra Scope 1 e Scope 2 quando tali emissioni sono rilevanti o possono avere un impatto sulle decisioni di investimento. La Commissione richiede inoltre che tali aziende ottengano delle relazioni da parte di esperti di emissioni di GHG che verifichino l'accuratezza delle loro dichiarazioni.

Unione Europea: Sistema di scambio delle quote di emissione dell’UE (EU ETS)

Lanciato nel 2005, l'EU ETS è una pietra miliare della politica dell'Unione Europea per contrastare il cambiamento climatico e copre più di 11.000 centrali elettriche e impianti industriali in 31 Paesi, oltre alle compagnie aeree. Il sistema cap-and-trade impone limiti alle emissioni totali di GHG delle entità coperte, che vengono ridotte nel tempo. I soggetti possono acquistare o vendere quote di emissione, una disposizione che mira a fornire flessibilità e offrire incentivi per la riduzione. I dati riportati devono includere i livelli di CO2, ma sono presenti anche alcuni impianti che riportano anche protossido di azoto e perfluorocarburi.

A livello internazionale: United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC)

Ai sensi dell'UNFCCC, istituito nell'ambito dell'Accordo di Parigi, interi Paesi sono tenuti a fornire una rendicontazione delle emissioni di gas serra creando inventari nazionali che dettagliano le emissioni e gli assorbimenti complessivi. I dati vengono utilizzati per il Global Stocktake (GST), un rapporto di dati sui gas serra redatto ogni cinque anni sullo stato delle emissioni e sugli obiettivi climatici. La Conferenza annuale delle Parti (COP) delle Nazioni Unite valuta il programma ogni anno e apporta le modifiche necessarie al trattato e alle sue regole.

Australia: National Greenhouse and Energy Reporting Scheme (NGERS)

Il NGERS australiano, istituito nel 2007, richiede alle aziende di dichiarare le proprie emissioni di gas serra, la produzione di energia e il consumo di energia. Il suo Emissions and Energy Reporting System (EERS) viene utilizzato per raccogliere i dati, comprese informazioni su vari gas serra e metriche energetiche, fattori di emissione specifici della struttura e altre aree. I rapporti risultanti informano le politiche e le misure del governo australiano in materia di cambiamenti climatici.

Sudafrica: National Greenhouse Gas Emission Reporting Regulations (NGER)

Il Sudafrica, uno dei maggiori contribuenti alle emissioni di gas serra in Africa, nel 2019 ha introdotto obblighi di rendicontazione obbligatoria sui gas serra per i grandi emettitori. È stata inoltre istituita una tassa sul carbonio come incentivo finanziario per ridurre le emissioni, in particolare derivanti dall’uso massiccio di carbone come carburante. Le aziende utilizzano il South African Greenhouse Gas Emissions Reporting System (SAGERS) per caricare i dati sulle emissioni ogni anno e garantire la conformità alle pratiche di rendicontazione globali.

Giappone: Greenhouse Gas Emissions Reporting System

Il governo giapponese richiede alle aziende e alle organizzazioni di comunicare annualmente le proprie emissioni di gas serra per contribuire al rispetto degli impegni assunti nell'ambito dell'Accordo di Parigi. Gli obblighi di rendicontazione comprendono i settori industriali, l'energia, i trasporti e gli edifici commerciali. I rapporti sono sottoposti a verifica da parte di terzi per garantirne l'accuratezza e l'affidabilità. Nei prossimi anni sono attesi ulteriori provvedimenti legislativi in materia di rendicontazione.

Soluzioni correlate
Software di gestione delle emissioni di IBM Envizi

Calcola e notifica in modo accurato le emissioni di gas serra, scopri gli insight e tieni traccia dei progressi verso gli obiettivi di decarbonizzazione con il software di gestione delle emissioni di gas serra.

Esplora il software di gestione delle emissioni di IBM Envizi

Risorse Cos'è la contabilità del carbonio?

La contabilizzazione delle emissioni di Co2 consente alle organizzazioni di quantificare le proprie emissioni di gas serra, comprendere il proprio impatto sul clima e fissare obiettivi per ridurre le proprie emissioni.

Cosa sono le emissioni di Scope 3?

Le emissioni Scope 3 sono una categoria di emissioni di gas a effetto serra derivanti da operazioni aziendali da fonti che non sono direttamente possedute o controllate da un'organizzazione.

Cos'è la decarbonizzazione?

La decarbonizzazione è un metodo di attenuazione del cambiamento climatico che riduce le emissioni di gas a effetto serra (GHG) e le rimuove dall'atmosfera.

Cosa significa net zero?

Net zero è il punto in cui i gas serra emessi nell'atmosfera sono bilanciati da una quantità equivalente di gas a effetto serra rimossi dall'atmosfera.

Che cosa sono i framework ESG?

Gli schemi di rendicontazione ESG vengono utilizzati dalle aziende per la divulgazione di dati riguardanti le operazioni aziendali, le opportunità e i rischi relativi alle problematiche ambientali, sociali e di governance.

Che cos'è la gestione dell'energia?

La gestione dell'energia consiste nel monitoraggio, controllo e ottimizzazione proattivi e sistematici del consumo energetico di un'organizzazione per preservare l'uso e ridurre i costi.

Fai il passo successivo

Semplifica l'acquisizione, il consolidamento, la gestione, l'analisi e la reportistica dei tuoi dati ambientali, sociali e di governance (ESG) con IBM Envizi ESG Suite.

Scopri Envizi Prenota una demo live
Note a piè di pagina

1 Greenhouse Gas Reporting Program Applicability Tool (link esterno a ibm.com), Environmental Protection Agency (epa.gov), Agosto 2023