Lo spettacolo deve continuare
Gli studenti presentano la loro arte con Red Hat OpenShift on IBM Cloud
Display a finestra UAL

All'inizio del loro ultimo semestre, i futuri laureati di una delle scuole d'arte più prestigiose del mondo si aspettavano di esporre le loro opere esattamente come tutti i laureati che li avevano preceduti.

A metà del semestre, tuttavia, il COVID-19 ha reso impossibili le tradizionali presentazioni dal vivo. I dirigenti della University of the Arts London (UAL) non volevano che i laureati si perdessero questo importante rito di passaggio, così si sono rivolti a IBM per chiedere aiuto.

Sir Nigel Carrington, Vice-Chancellor di UAL, spiega: "Abbiamo collaborato con IBM come risposta rapida alla pandemia di coronavirus per creare una piattaforma in grado di ospitare le collezioni finali dei nostri studenti laureandi. Ora più che mai, abbiamo bisogno del talento, dell'imprenditorialità, della resilienza e della visione dei nostri laureati creativi per rimodellare l'economia e far prosperare società e cultura".

Impatto digitale

 

Durante la pandemia, UAL ha presentato digitalmente il lavoro di 7000 studenti laureandi

Ampia copertura

 

La vetrina presenta lavori provenienti da 290 distinti corsi di studio

Abbiamo collaborato con IBM come risposta rapida alla pandemia di coronavirus per creare una piattaforma in grado di ospitare le collezioni finali dei nostri studenti laureandi. Ora più che mai, abbiamo bisogno del talento, dell'imprenditorialità, della resilienza e della visione dei nostri laureati creativi per rimodellare l'economia e far prosperare società e cultura. Sir Nigel Carrington Vice-Chancellor University of the Arts di Londra
Un'impresa complessa

Creare la vetrina non è stato semplice. Doveva offrire a 7.000 laureati la libertà di esprimersi in 290 corsi di studio estremamente diversi, tra cui moda, design di interni, belle arti, arte 3D e altro ancora. Inoltre, la vetrina doveva essere facile da usare e da esplorare e altamente stabile. Ma il team IBM era all'altezza del compito.

Fortunatamente, uno dei sei college della UAL, il London College of Fashion, stava già collaborando con IBM per mostrare i lavori degli studenti. "Collaboriamo con IBM da alcuni anni, prima con la nostra Fashion Business School, poi con il nostro Centre for Sustainable Fashion, quindi sapevamo che avevano capito come il nostro pubblico volesse connettersi con un'esperienza digitale", afferma il professor Roni Brown, Pro-Vice Chancellor e responsabile del London College of Fashion.

Per estendere la vetrina a tutti e sei i college del sistema UAL, IBM ha riunito un team di esperti di cloud e DevSecOps dell'IBM Global Consumer Industries Center of Competence, dell'IBM Engine Room e dell'IBM® iX, il braccio di progettazione aziendale di IBM® Consulting. Con soli tre mesi di tempo per realizzare il progetto, il team di IBM si è impegnato ad ascoltare gli studenti, gli accademici e i partner industriali della UAL. Nel complesso, IBM e UAL hanno partecipato a un IBM Innovation Jam online, a cinque workshop Enterprise Design Thinking e a 20 interviste agli utenti. Sono state coinvolte più di 100 stakeholder nella progettazione e nello sviluppo della vetrina.

"Uno degli aspetti evidenti fin dalle prime fasi del progetto era il supporto che IBM stava fornendo al processo di ideazione e sviluppo", afferma Brown.

Il risultato: UAL Graduate Showcase (link esterno a ibm.com), una piattaforma digitale di qualità e ricca di livelli basata su Red Hat OpenShift on IBM Cloud. Il sistema offre alla piattaforma UAL un modo flessibile, resiliente e conveniente per presentare il lavoro degli studenti in un formato digitale accattivante. Gli utenti possono effettuare ricerche sul sito per studente o per parola chiave oppure possono navigare tra i diversi istituti e discipline per conoscere e osservare il lavoro degli studenti.

Durante lo sviluppo e il test, il team IBM ha ospitato la soluzione su un cluster OpenShift 4.x su IBM Cloud. Per la produzione, il team ha effettuato il provisioning di un'istanza IBM Cloud separata per la piattaforma, aggiungendo l'auto-scaling dei nodi del cluster e il ridimensionamento automatico dei pod orizzontali in OpenShift per aiutare a gestire i workload fluttuanti.

Uno degli aspetti evidenti fin dalle prime fasi del progetto era il supporto che IBM stava fornendo al processo di ideazione e sviluppo. Professor Roni Brown Pro-Vice Chancellor and Head London College of Fashion
Un catalogo vivente

Il sito è stato attivato prima della laurea e continua ad essere disponibile oggi. A differenza delle vetrine dal vivo del passato, questa continuerà a vivere per molti anni a venire.

Brown afferma: “Il nostro obiettivo era quello di creare qualcosa che avesse una vita più lunga e fosse più sostenibile di una mostra fisica, qualcosa che ci desse modi interessanti di curare e mostrare il lavoro degli studenti, di presentare temi e argomenti a cui il nostro corpo studentesco e il nostro personale sono particolarmente interessati e di darci maggiori opportunità di sostenere gli studenti nell'incontro con i futuri datori di lavoro”.

UAL prevede di continuare a utilizzare la nuova soluzione per l'esposizione delle opere dei laureati una volta passata la pandemia COVID-19. "Riteniamo che questo programma sia eccellente nel creare un catalogo vivente costante del meglio del lavoro dei nostri studenti", conclude Brown.

Logo della University of the Arts London
Informazioni sulla University of the Arts

Fondata nel 2003, la UAL (link esterno a ibm.com) comprende sei college e istituti, tra cui Camberwell College of Arts, Central Saint Martins, Chelsea College of Arts, London College of Communication, London College of Fashion e Wimbledon College of Arts. Con circa 13.000 studenti universitari e 3.500 laureati all'anno, è tra l'università d'arte più prestigiose al mondo.

Fai il passo successivo

Per saperne di più sulle soluzioni IBM presentate in questa storia, contatta il tuo rappresentante IBM o un business partner IBM.

Mostra altre storie di casi Contatta IBM IBM Blog

Red Hat OpenShift su IBM Cloud: la potenza di Kubernetes, la competenza di IBM

Leggi il blog
CONDIVIDI ORA

SHARE NOW e IBM promuovono la mobilità sostenibile

Leggi il case study
Verijet

Riprendersi il cielo

Leggi il case study
Legale

© Copyright IBM Corporation 2021. IBM Corporation, IBM Cloud, New Orchard Road, Armonk, NY 10504

IBM, il logo IBM, ibm.com, Enterprise Design Thinking, IBM Cloud e IBM iX sono marchi commerciali di International Business Machines Corp., registrati in diverse giurisdizioni nel mondo. Altri nomi di prodotti e servizi potrebbero essere marchi registrati di IBM o di altre società. Un elenco aggiornato dei marchi IBM è disponibile online alla pagina "Copyright and trademark information": ibm.com/legal/copyright-trademark.

Red Hat® e OpenShift® sono marchi o marchi registrati di Red Hat, Inc. o delle sue società controllate negli Stati Uniti e in altri paesi.

Le informazioni contenute nel presente documento sono aggiornate alla data della prima pubblicazione e possono essere modificate da IBM senza preavviso. Non tutte le offerte sono disponibili in ogni Paese in cui opera IBM.

Gli esempi citati relativi a dati di prestazione e clienti sono presentati unicamente a scopo illustrativo. Gli attuali risultati in termini di performance possono variare a seconda delle specifiche configurazioni e delle condizioni operative. LE INFORMAZIONI RIPORTATE NEL PRESENTE DOCUMENTO SONO DA CONSIDERARSI “NELLO STATO IN CUI SI TROVANO”, SENZA GARANZIE, ESPLICITE O IMPLICITE, IVI INCLUSE GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ, DI IDONEITÀ A UN PARTICOLARE SCOPO E GARANZIE O CONDIZIONI DI NON VIOLAZIONE. I prodotti IBM sono coperti da garanzia in accordo con termini e condizioni dei contratti sulla base dei quali vengono forniti.