Cos'è il quantum computing?
Scopri la soluzione quantistica di IBM Iscriviti alla newsletter IBM
Illustrazione raffigurante il quantum computing
Cos'è il quantum computing?

Il quantum computing utilizza tecnologie specializzate, tra cui hardware e algoritmi che sfruttano la meccanica quantistica, per risolvere problemi complessi che i computer o i supercomputer classici non possono risolvere o non possono risolvere abbastanza rapidamente.

Oggi, IBM Quantum mette a disposizione di centinaia di migliaia di sviluppatori un vero e proprio hardware quantistico, uno strumento che gli scienziati hanno iniziato a immaginare solo trent'anni fa. I nostri ingegneri forniscono processori quantistici superconduttori sempre più potenti a intervalli regolari, insieme a progressi cruciali nel software e nell'orchestrazione quantistico-classica. Questo lavoro ci porta a raggiungere la velocità e la capacità di calcolo quantistico necessarie per cambiare il mondo. 

Queste macchine sono molto diverse dai computer classici che esistono da più di mezzo secolo. Ecco un'introduzione a questa tecnologia trasformativa.

Ulteriori informazioni sui sistemi IBM Quantum
Inizia il tuo viaggio verso la sicurezza quantum-safe

Scopri le minacce poste dai computer quantistici e inizia ad agire per prepararti alla crittografia quantum-safe.

Contenuti correlati

Registrati per ricevere il report sulle piattaforme server più popolari

Perché abbiamo bisogno di computer quantici?

Quando scienziati e ingegneri si trovano a dover affrontare problemi difficili, si rivolgono ai supercomputer. Si tratta di computer classici molto grandi, spesso dotati di migliaia di core di CPU e GPU in grado di eseguire calcoli molto grandi e intelligenza artificiale avanzata. Tuttavia, anche i supercomputer sono macchine a codice binario che si basano sulla tecnologia transistor del XX secolo. In altre parole, fanno fatica a risolvere certi tipi di problemi.

Se un supercomputer si blocca, probabilmente è perché alla grande macchina classica è stato chiesto di risolvere un problema con un alto grado di complessità. Quando i computer classici "falliscono", spesso è a causa della complessità.

I problemi complessi sono problemi con molte variabili che interagiscono in modi complicati. Modellare il comportamento dei singoli atomi in una molecola è un problema complesso, a causa di tutti i diversi elettroni che interagiscono tra loro. Anche l'identificazione di sottili schemi di frode nelle transazioni finanziarie o la nuova fisica in un supercollisore sono problemi complessi. Ci sono alcuni problemi complessi che non sappiamo come risolvere con i computer classici su qualsiasi scala.

Il mondo reale si basa sulla fisica quantistica. I computer che eseguono calcoli utilizzando gli stati quantistici dei bit quantistici dovrebbero essere, in molte situazioni, i nostri migliori strumenti di comprensione.

Dove vengono utilizzati i computer quantici? Mercedes-Benz esplora il futuro dei veicoli elettrici ExxonMobile si impegna a risolvere complesse sfide energetiche Il CERN è al lavoro per spiegare i misteri cosmici
Perché i computer quantistici sono più veloci

Diamo un'occhiata a un esempio che mostra come i computer quantistici possano riuscire dove i computer classici falliscono:

Un computer classico potrebbe essere ottimo per compiti difficili come ordinare un grande database di molecole. Ma fatica a risolvere problemi più complessi, come simulare il comportamento di quelle molecole.

Oggi, se gli scienziati vogliono sapere come si comporta una molecola, devono sintetizzarla e sperimentarla nel mondo reale. Se vogliono sapere come una piccola modifica influisce sul suo comportamento, di solito devono sintetizzare la nuova versione e ripetere l'esperimento. Si tratta di un processo costoso e dispendioso in termini di tempo che impedisce il progresso in campi diversi come la medicina e la progettazione di semiconduttori.

Un supercomputer classico potrebbe provare a simulare il comportamento molecolare con la forza bruta, utilizzando i suoi numerosi processori per esplorare ogni possibile modo in cui ogni parte della molecola potrebbe comportarsi. Ma appena supera le molecole più semplici e lineari disponibili, il supercomputer si blocca. Nessun computer ha la memoria di lavoro necessaria per gestire tutte le possibili permutazioni del comportamento molecolare con i metodi conosciuti.

Gli algoritmi quantistici adottano un nuovo approccio a questo tipo di problemi complessi, creando spazi computazionali multidimensionali. Questo risulta essere un modo molto più efficiente di risolvere problemi complessi come le simulazioni chimiche.

Non abbiamo un buon modo per creare questi spazi computazionali con i computer classici, il che limita la loro utilità senza il calcolo quantistico. I chimici industriali stanno già esplorando modi per integrare i metodi quantistici nel loro lavoro. Questo è solo un esempio. Società di ingegneria, istituzioni finanziarie, compagnie di navigazione globali, solo per citarne alcuni, stanno esplorando casi d’uso in cui i computer quantistici potrebbero risolvere importanti problemi nei loro campi. All'orizzonte, si profila un'esplosione di benefici derivanti dalla ricerca e dallo sviluppo in campo quantistico. Con la scalabilità dell'hardware quantistico e il progresso degli algoritmi quantistici, molti problemi importanti come la simulazione molecolare dovrebbero trovare una soluzione.

Come funzionano i computer quantici?

Un processore IBM Quantum è un wafer non molto più grande di quello che si trova in un laptop. Un sistema hardware quantistico ha all'incirca le dimensioni di un'automobile ed è costituito principalmente da sistemi di raffreddamento per mantenere il processore superconduttore alla sua temperatura operativa ultra-fredda.

Un processore classico utilizza bit classici per eseguire le sue operazioni. Un computer quantistico utilizza qubit (bit CUE) per eseguire algoritmi quantistici multidimensionali.

Superconduttori

Probabilmente il tuo computer desktop utilizza una ventola per raffreddarsi a sufficienza e poter, così, funzionare. I nostri processori quantistici devono essere molto freddi, circa un centesimo di grado sopra lo zero assoluto, per evitare la "decoerenza" o mantenere i loro stati quantistici. Per raggiungere questo obiettivo, utilizziamo superfluidi ultra-raffreddati. A queste temperature bassissime, alcuni materiali presentano un importante effetto meccanico quantistico: gli elettroni si muovono attraverso di essi senza resistenza. Ciò li rende "superconduttori".  

Quando gli elettroni passano attraverso i superconduttori, si accoppiano, formando "coppie di Cooper". Queste coppie possono trasportare una carica attraverso barriere, o isolanti, tramite un processo noto come tunneling quantistico. Due superconduttori collocati su entrambi i lati di un isolante formano una giunzione Josephson.

Controllo

I nostri computer quantistici utilizzano le giunzioni Josephson come qubit superconduttori. Sparando fotoni a microonde a questi qubit, possiamo controllarne il comportamento e far sì che essi contengano, modifichino e leggano singole unità di informazioni quantistiche.

Sovrapposizione

Un qubit non è di per sé molto utile. Ma può eseguire un trucco importante: mettere le informazioni quantistiche che contiene in uno stato di sovrapposizione, che rappresenta una combinazione di tutte le possibili configurazioni del qubit. I gruppi di qubit in sovrapposizione possono creare spazi computazionali complessi e multidimensionali. In questi spazi, è possibile rappresentare problemi complessi in modi nuovi.

Entanglement

L'entanglement quantistico è un effetto che mette in relazione il comportamento di due cose separate. I fisici hanno scoperto che quando due qubit sono entangled, le modifiche a un qubit hanno un impatto diretto sull'altro.

Interferenza

In un ambiente di qubit entanged posti in uno stato di sovrapposizione, ci sono onde di probabilità. Queste sono le probabilità dei risultati di una misurazione del sistema. Queste onde possono accumularsi l'una sull'altra quando molte di esse raggiungono il picco in corrispondenza di un particolare risultato, oppure annullarsi a vicenda quando i picchi e le depressioni interagiscono. In entrambi i casi, si tratta di forme di interferenza.

Un calcolo su un computer quantistico funziona preparando una sovrapposizione di tutti gli stati computazionali possibili. Un circuito quantistico, preparato dall'utente, utilizza l'interferenza in modo selettivo sui componenti della sovrapposizione secondo un algoritmo. Molti risultati possibili vengono annullati dall'interferenza, mentre altri vengono amplificati. I risultati amplificati costituiscono le soluzioni per il calcolo.

Come rendere utili i computer quantistici

Attualmente, IBM Quantum è leader mondiale nell'hardware e nel software per il calcolo quantistico. La nostra roadmap è un piano chiaro e dettagliato per scalare i processori quantici, superare il problema di scalabilità e costruire l'hardware necessario per ottenere vantaggi quantistici nell'era delle "rumorose" macchine quantistiche.

Oggi, gran parte del lavoro nel campo dell’informatica quantistica è dedicato alla realizzazione della correzione degli errori, una tecnica che consentirebbe calcoli quantistici privi di rumore su computer quantistici molto grandi.

Recenti lavori di IBM e di altri istituti hanno dimostrato che i computer quantistici rumorosi potrebbero essere in grado di svolgere lavori utili nel prossimo futuro, anche prima dell’avvento della correzione degli errori, utilizzando tecniche note come mitigazione degli errori.

IBM ha dedicato anni allo sviluppo del software necessario per svolgere questi lavori utili. Abbiamo introdotto l'SDK Qiskit quantum. È open source, basato su Python e di gran lunga l'SDK quantistico più utilizzato al mondo, utile per le esecuzioni sia sulla flotta di computer quantistici superconduttori di IBM che su sistemi che utilizzano tecnologie alternative come gli ioni intrappolati in campi magnetici.

Abbiamo sviluppato Qiskit Runtime, il modello di programmazione quantistica più potente al mondo. (Per ulteriori informazioni su Qiskit e Qiskit Runtime e su come iniziare, consulta la prossima sezione.)

Il raggiungimento del vantaggio quantistico richiede nuovi metodi per eliminare gli errori, aumentare la velocità e orchestrare le risorse quantistiche e classiche. Attualmente, le basi di questo lavoro sono state gettate in Qiskit Runtime da IBM e dai nostri partner del settore industriale, del mondo accademico e delle startup.

Inizia ora

I computer quantici di IBM sono programmati utilizzando Qiskit, il nostro SDK quantistico open source basato su Python. Qiskit dispone di moduli che coprono applicazioni in finanza, chimica, ottimizzazione e apprendimento automatico.

  • Consulta la documentazione per iniziare rapidamente e saperne di più sulla nostra suite di strumenti per sviluppatori.
  • Crea codice a livello di ricerca e sviluppo da eseguire su simulatori o hardware reale.
  • Unisciti alla nostra comunità (in continua crescita) di oltre 400.000 utenti.

Sei pronto per workload più grandi? Esegui su larga scala con Qiskit Runtime, il nostro modello di programmazione quantistica per creare e scalare in modo efficiente i workload. Qiskit Runtime consente agli utenti di implementare applicazioni quantistiche classiche personalizzate con un facile accesso ai calcoli ibridi HPC sui sistemi quantistici più performanti al mondo.

Qiskit Runtime fornisce un ambiente di esecuzione per intrecciare circuiti quantistici con l'elaborazione classica, accelerando nativamente l'esecuzione di determinati programmi quantistici. Ciò significa iterazione più rapida, latenza ridotta e tempo di elaborazione più libero sui sistemi quantistici leader a livello mondiale: il modello di esecuzione basato su cloud di Qiskit Runtime ha dimostrato una velocità 120 volte superiore nella simulazione del comportamento molecolare.

Soluzioni correlate
Quantum per le aziende

Oggi le aziende globali si stanno preparando per l’era del quantum computing. Scopri come i nostri esperti di settore preparano i clienti a utilizzare questa tecnologia per ottenere un vantaggio competitivo.

Inizia oggi stesso
Quantum per sviluppatori

Crea programmi che risolvono i problemi in modi nuovi sui sistemi IBM Quantum, l'hardware quantistico più popolare e potente al mondo.

Scopri di più sul nostro SDK open source
IBM Quantum Safe

Come mettere in sicurezza l'infrastruttura digitale mondiale per l'era del quantum computing.

Proteggi i tuoi dati oggi stesso
Risorse La roadmap di IBM Quantum

Questi sono i nostri impegni per far progredire la tecnologia quantistica da qui al 2026.

Casi di studio IBM Quantum

Scopri perché le aziende e le istituzioni stanno collaborando con IBM per l'innovazione del calcolo quantistico.

Supercomputing quantistico: la prossima ondata di computing

Scopri la missione di IBM Quantum: offrire a livello globale il quantum computing e i suoi vantaggi

Ricerca sul quantum computing

Il quantum computing apre nuove straordinarie possibilità in tutte le discipline di ricerca. Scoprile con gli esperti mondiali.

Workflow quantistici su OpenShift

Scopri come OpenShift e il back-end del sistema IBM Quantum lavorano fianco a fianco per abilitare il workflow quantistico su un cluster Kubernetes.

Fai il passo successivo

I computer quantistici rendono obsoleti la maggior parte degli algoritmi di crittografia esistenti al mondo. IBM ha sviluppato molte delle tecnologie fondamentali che renderanno sicuro il mondo nell'era quantistica e ora offre gli strumenti e i servizi necessari per implementarle. Utilizza la nostra suite di applicazioni per supportare le tue esigenze di ricerca e sviluppo quantistico.

Scopri IBM Quantum