Quando pensiamo a Roma, spesso pensiamo alla sua ricca storia e cultura. Vengono in mente il Colosseo e il Pantheon, così come la meravigliosa arte e l'eccellente cucina per cui la città è famosa. Roma però è anche una città moderna con una dinamica popolazione di 2,87 milioni di cittadini che utilizzano la più recente tecnologia ogni singolo giorno.

Roma Capitale è l'ente territoriale comunale della città e una delle sue missioni è rendere questa antica città un posto molto moderno in cui vivere. Dal wi-fi in tutta la città a un portale online per tutto, dalle iscrizioni all'asilo alle licenze edilizie, Roma Capitale fornisce una serie di servizi digitali per i cittadini.

Ovviamente, garantire delle esperienze positive degli utenti finali in tanti servizi per una città con una popolazione di milioni di abitanti non è un'impresa facile. L'infrastruttura IT di Roma Capitale non è stata costruita in un giorno. È grande e complessa.

Roberto Massimiliani, Head of Data Center presso Roma Capitale, guida un team di 5 persone che gestisce 800 macchine virtuali (VM) e 150 macchine fisiche in un ambiente on-premise composto da bare metal, container e un'infrastruttura Microsoft Hyper-V.

In passato, il team seguiva un modello di sviluppo legacy per i suoi carichi di lavoro e faceva affidamento sull'intervento manuale per gestire le prestazioni e ridurre al minimo di rischi. "Prima di IBM Turbonomic, provavamo a implementare i microservizi sulla nostra infrastruttura container ma i nostri sviluppatori non disponevano degli strumenti di cui avevano bisogno per realizzare appieno questa transizione. Avevano solo delle applicazioni monolitiche di cui stavano forzando l'esecuzione sui container", spiega Massimiliani.

Come molti altri team IT, questo team faceva affidamento su strumenti di monitoraggio eterogenei e sulle lamentele degli utenti per identificare i problemi di prestazioni e occuparsene. Gli strumenti di cui disponeva non offrivano al team una comprensione completa del suo ambiente né gli consentiva di comprendere l'impatto di una decisione relativa alle risorse prima che venisse attuata. Tutto quello che il team poteva fare era reagire ai problemi di prestazioni quando si verificavano, riallocare manualmente le risorse e monitorare poi in seguito l'impatto. Questo approccio non gli consentiva di garantire in modo proattivo e continuo le prestazioni delle applicazioni su cui dipendenti e cittadini facevano affidamento.

Per ridurre al minimo i rischi e garantire le prestazioni sul lungo termine, il team di Roma Capitale sapeva che doveva esplorare delle nuove tecnologie e l'AI. Aveva anche bisogno di una visibilità dello stack completo. È stato allora che si è rivolto alla soluzione IBM® Turbonomic ARM (Application Resource Management).

Dopo aver implementato IBM Turbonomic:

15%

di riduzione di RAM e CPU on-premise

Ottimizzati con l'ausilio di IBM Turbonomic:

800

carichi di lavoro

Il ruolo della visibilità dello stack completo nella riduzione dei rischi delle prestazioni

Una volta implementato Turbonomic, Massimiliani e il suo team erano sulla buona strada per realizzare una garanzia di prestazioni continue delle loro applicazioni. Grazie all'integrazione di Dynatrace, il team era finalmente in grado di ottenere una vista dello stack completo del suo ambiente on-premise: dal livello delle applicazioni e giù fino all'infrastruttura. "Per noi, una delle migliori funzioni di IBM Turbonomic è la visibilità dello stack completo", spiega Massimiliani. "Con IBM Turbonomic, posso vedere come sono in esecuzione i nostri container e se sono in esecuzione correttamente: se stanno utilizzando troppe risorse o no".

Ora che ha accesso a una vista completa e in tempo reale del suo ambiente e a raccomandazioni relative alle risorse basate sull'AI, il team di Roma Capitale previene in modo proattivo i problemi di prestazioni e riduce gli sprechi nel suo ambiente identificando dove al suo interno è presente un rischio delle prestazioni e determinando il modo ottimale per eliminarlo riallocando le risorse. Inoltre, può vedere l'impatto di un'azione relativa alle risorse prima di attuarla. Ancora, grazie all'integrazione di Dynatrace, il team può vedere in che modo le azioni relative alle risorse si ripercuotono poi sul tempo di risposta delle applicazioni. "Una volta integrati Turbonomic e Dynatrace, disponevamo dei dati di cui avevamo bisogno per mostrare all'intero team che il ridimensionamento non compromette le prestazioni. In effetti le migliora", osserva Massimiliani.

Donna su una terrazza romana che parla al cellulare

Riduzione degli sprechi migliorando al contempo le prestazioni

Da quando ha implementato Turbonomic, il team di Roma Capitale ha ridotto l'utilizzo di RAM e CPU nel suo ambiente del 15%. Questo, a sua volta, l'aiuta a ridurre al minimo i costi nel tempo. "Senza IBM Turbonomic, avremmo bisogno di inserire un altro host", afferma Massimiliani. "IBM Turbonomic ci ha consentito di aumentare il nostro utilizzo della nostra infrastruttura esistente ed evitare spese non necessarie."

Aumentando l'efficienza della sua infrastruttura esistente, ne aumenta la durata e riduce le spese. Non solo ha realizzato una riduzione dei costi hardware del 10% ma ha anche riscontrato dei risparmi in termini di tempo. Il team ha notevolmente diminuito la quantità di tempo trascorsa a valutare il suo ambiente e implementare le decisioni relative alle risorse. Ciò, a sua volta, l'ha lasciato libero di concentrarsi su nuove iniziative che sono una priorità strategica per Roma Capitale.

Andando avanti, il team IT di Roma Capitale prevede di espandere la sua adozione delle azioni automatizzate relative alle risorse di Turbonomic. Oggi, interviene manualmente in base alle raccomandazioni relative alle risorse fornite da Turbonomic ma, nel lungo termine, intende implementare l'automazione ovunque sia possibile in modo da poter continuare a seguire il suo programma di ridurre al minimo i costi garantendo al tempo stesso le prestazioni delle applicazioni utilizzate dai cittadini.

Logo Roma Capitale

Informazioni su Roma Capitale

Roma Capitale (link esterno a ibm.com) è l'ente territoriale comunale della città di Roma, composto da molte diverse agenzie al servizio dei cittadini della città. L'organizzazione IT all'interno di Roma Capitale supporta una gamma di software e servizi utilizzati, tra gli altri, dall'ufficio anagrafe, dall'agenzia di parcheggi e trasporti e dalle scuole. Una delle principali aree di interesse per l'organizzazione IT di Roma Capitale è il portale web che i cittadini utilizzano per una serie di attività, come il pagamento delle rette scolastiche e il pagamento delle multe.

Componente della soluzione
IBM® Turbonomic Application Resource Management

© Copyright IBM Corporation 2022. IBM Corporation, New Orchard Road, Armonk, NY 10504

Prodotto negli Stati Uniti d'America, settembre 2022.

IBM, il logo IBM, ibm.com e Turbonomic sono marchi di International Business Machines Corp., registrati in molte giurisdizioni in tutto il mondo. Altri nomi di servizi o prodotti possono essere marchi di IBM o di altre società. Un elenco aggiornato di marchi IBM è disponibile sul web nella sezione "Copyright and trademark information" all'indirizzo www.ibm.com/legal/copytrade.

Microsoft, Windows, Windows NT e il logo Windows sono marchi di Microsoft Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi.

Questo documento è aggiornato alla data iniziale della pubblicazione e può essere modificato da IBM senza necessità di preavviso. Non tutte le offerte sono disponibili in ogni paese in cui opera IBM.

I dati relativi alle prestazioni e gli esempi relativi ai clienti, citati nel presente documento, vengono presentati a scopo meramente esplicativo. Le prestazioni reali possono variare a seconda delle specifiche configurazioni e condizioni operative. LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE NELLO STATO IN CUI SI TROVANO, SENZA ALCUNA GARANZIA, ESPRESSA O IMPLICITA, INCLUSE, A TITOLO DI ESEMPIO, GARANZIE IMPLICITE DI COMMERCIABILITÀ E DI IDONEITÀ PER UNO SCOPO SPECIFICO E DI NON VIOLAZIONE. I prodotti IBM sono garantiti secondo i termini e le condizioni dei contratti che ne regolano la fornitura.