Fin dagli anni '50 del secolo scorso, IBM Hursley, un data center basato sul cloud di proprietà di IBM e situato nell'Hampshire, in Inghilterra, è stato leader nella ricerca, nello sviluppo e nell'innovazione. È stato il luogo di nascita di diversi prodotti fondamentali nella storia dell'informatica; ad esempio, ha portato per la prima volta la tecnologia vocale e il colore nei computer.

Oggi, il team di IBM Hursley si concentra anche sulla sostenibilità aziendale. A seguito della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici di Glasgow (COP26), l'obiettivo di IBM è il raggiungimento di emissioni di gas serra pari a zero entro il 2030. Il team di IBM Hursley sta adottando un approccio multiforme in questo percorso verso la neutralità carbonica neutralizzando le emissioni di carbonio delle strutture, seguendo procedure operative ecosostenibili e implementando l'automazione intelligente. Ad esempio, il team di IBM Hursley prevede di utilizzare un serbatoio sotterraneo per supportare il raffreddamento e sta collaborando con i partner IBM per isolare il data center dalla rete elettrica per alcuni periodi di tempo.

E nell'ambito del suo percorso verso la neutralità carbonica, Hursley utilizza la soluzione IBM® Turbonomic Application Resource Management per garantire le prestazioni e risparmiare sul consumo di energia su 4.500 sistemi fisici.

Con l'aiuto di Turbonomic, sono stati ottimizzati

6.000

sistemi virtuali

Le persone che fanno affidamento sul data center di IBM Hursley includono

11.000

sviluppatori

Implementazione di IBM Turbonomic

Colin Holyoake e Graham Eames di IBM Hursley hanno implementato per la prima volta IBM Turbonomic nel novembre del 2021. Entro un paio d'ore dall'installazione, 6.000 sistemi virtuali hanno iniziato ad essere visualizzati nell'istanza di Turbonomic del team. Il team aveva finalmente una visione unica dell'intero stack applicativo del data center, dall'applicazione (macchina virtuale/container) fino allo storage associato. Tra le altre entità esterne alla virtualizzazione x86 nell'ambiente di Hursley, Turbonomic monitora IBM FlashSystem e Red Hat OpenShift in esecuzione su IBM z15.

"IBM Turbonomic è quasi come un sesto senso," spiega Holyoake, Certified Datacenter Design and Sustainability Manager presso IBM Hursley. "Offre una visibilità completa dell'ambiente e del suo funzionamento. Non compromette in alcun modo la resilienza. Valuta, consiglia e migliora le prestazioni."

Il team del data center di Hursley che valuta le prestazioni

Con Turbonomic, il team di IBM Hursley è in grado di identificare rapidamente le interdipendenze dell'ambiente logico in tutto il data center fisico e riallocare le risorse per garantire le prestazioni. Entro 24 ore dall'installazione di Turbonomic, ad esempio, il team ha identificato un rischio critico per le prestazioni e un'opportunità di ridimensionamento. Ha osservato che, in uno dei suoi cluster di hosting, ogni nodo contenente 60 core e 2 TB di RAM presentava stati di disponibilità della CPU eccessivi e influiva negativamente sulle operazioni di sviluppo. Utilizzando le raccomandazioni di Turbonomic riguardo le risorse, il team di IBM Hursley ha quindi identificato le risorse poco utilizzate altrove nel suo ambiente che potevano essere riallocate per ridurre questo rischio di prestazioni e ha implementato queste raccomandazioni immediatamente.

Un componente importante di questa visibilità dell'intero stack è la gamma di integrazioni offerte da IBM Turbonomic. Ad esempio, il team di IBM Hursley ha implementato l'integrazione Instana® nonché l'integrazione Red Hat® OpenShift®. Un'ampia percentuale dei carichi di lavoro sul cluster con rischi di prestazioni critiche consisteva in carichi di lavoro basati su Red Hat OpenShift. L'implementazione di Turbonomic a questo livello dello stack ha fornito una visibilità molto più approfondita di tali carichi di lavoro e ha aiutato il team a risolvere rapidamente il problema delle prestazioni. Questo livello di visibilità ha anche aiutato il team a ottimizzare le dimensioni del carico di lavoro all'interno di OpenShift tramite l'automazione e bilanciare meglio le richieste di prestazioni con le risorse disponibili su base continuativa.

In che modo IBM Turbonomic gestisce costi e impatto ambientale

Poiché Turbonomic lo aiuta a identificare le opportunità per ribilanciare le risorse nel data center di IBM Hursley, il team è ora meglio attrezzato per massimizzare l'utilizzo dell'infrastruttura esistente senza andare a discapito delle prestazioni. Questa capacità di massimizzare l'utilizzo offre vantaggi finanziari e ambientali in quanto aiuta il team a ridurre le future richieste di spese in conto capitale (Capex). Estendendo l'uso dell'infrastruttura esistente, il team di IBM Hursley evita spese inutili per nuovo hardware, nonché le spese operative per alimentarlo e raffreddarlo. Questo consolidamento continuo ottimizzato per le prestazioni riduce anche l'impronta di carbonio di IBM Hursley riducendo l'elettricità necessaria per alimentare e raffreddare l'infrastruttura non necessaria.

"Mettiamola in questo modo," consiglia Holyoake. "Non lasci acceso il motore dell'auto mentre sei in ufficio, nel caso ne avessi bisogno. Allora perché permetti che le tue risorse hardware rimangano inutilizzate quando invece potresti utilizzarle? IBM Turbonomic può aiutarti a garantire il pieno utilizzo e l'ottimizzazione della tua infrastruttura per garantire contemporaneamente le prestazioni e ridurre al minimo i costi, sia dal punto di vista finanziario che da quello ambientale."

Il team di IBM Hursley si affida a Turbonomic anche per pianificare la crescita. Utilizzano la visibilità dell'intero stack di IBM Turbonomic per valutare l'impatto dell'aggiunta o della rimozione di risorse nei cluster prima di implementare tali modifiche. Questa capacità di esaminare diverse decisioni in materia di risorse prima di agire su di esse ha già aiutato il team a ottimizzare i propri piani Capex. Con Turbonomic, Holyoake e il suo team hanno i dati di cui hanno bisogno per sviluppare piani di crescita precisi e definire la quantità esatta e le specifiche delle sostituzioni hardware in modo da ridurre al minimo gli sprechi.

Guardando al futuro, il team di IBM Hursley prevede di espandere il proprio utilizzo delle azioni relative alle risorse automatizzate di Turbonomic in tutto l'ambiente e nelle integrazioni di Turbonomic. Continuerà a esplorare nuovi modi in cui può fare affidamento sull'automazione basata sull'AI per ridurre gli sprechi e accelerare il suo percorso verso la neutralità carbonica.

Sin dagli anni '50 del secolo scorso, IBM Hursley è stato il luogo di nascita di un'innovazione significativa e di un cambiamento duraturo all'interno del settore tecnologico e oltre. In questa era di cambiamenti climatici, il team di Hursley porterà avanti quell'eredità di esplorazione e innovazione intraprendendo tutte le azioni possibili per supportare l'obiettivo di IBM di raggiungere emissioni di gas serra pari a zero entro il 2030. L'automazione è stata e continuerà ad essere un parte importante di quel percorso.

Logo IBM

Informazioni su IBM Hursley

IBM Hursley è un importantissimo data center cloud di 27.000 metri quadrati di proprietà di IBM e situato nell'Hampshire, in Inghilterra. Avviato nel 1977, questo data center supporta 4.500 sistemi fisici. È virtualizzato all'87% con una gamma di tecnologie che comprende due cloud privati per sviluppatori e 6.000 sistemi basati su VMware. Include 11 mainframe e supporta circa 11.000 sviluppatori.

Componente della soluzione
IBM® Turbonomic Application Resource Management

© Copyright IBM Corporation 2022. IBM Corporation, New Orchard Road, Armonk, NY 10504

Prodotto negli Stati Uniti d'America, agosto 2022.

IBM, il logo IBM, ibm.com, Instana e Turbonomic sono marchi di International Business Machines Corp., registrati in molte giurisdizioni in tutto il mondo. Altri nomi di servizi o prodotti possono essere marchi di IBM o di altre società. Un elenco aggiornato dei marchi IBM è disponibile sul web all'indirizzo www.ibm.com/legal/copytrade.

Questo documento è aggiornato alla data iniziale della pubblicazione e può essere modificato da IBM senza necessità di preavviso. Non tutte le offerte sono disponibili in ogni paese in cui opera IBM.

Red Hat®, JBoss®, OpenShift®, Fedora®, Hibernate®, Ansible®, CloudForms®, RHCA®, RHCE®, RHCSA®, Ceph® e Gluster® sono marchi o marchi registrati di Red Hat, Inc. o delle sue controllate negli Stati Uniti e in altri paesi.

I dati relativi alle prestazioni e gli esempi relativi ai clienti, citati nel presente documento, vengono presentati a scopo meramente esplicativo. Le prestazioni reali possono variare a seconda delle specifiche configurazioni e condizioni operative. LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE NELLO STATO IN CUI SI TROVANO, SENZA ALCUNA GARANZIA, ESPRESSA O IMPLICITA, INCLUSE, A TITOLO DI ESEMPIO, GARANZIE IMPLICITE DI COMMERCIABILITÀ E DI IDONEITÀ PER UNO SCOPO SPECIFICO E DI NON VIOLAZIONE. I prodotti IBM sono garantiti secondo i termini e le condizioni dei contratti che ne regolano la fornitura.