IBM Multi-site Workload Lifeline

Abilita la disponibilità continua durante le interruzioni per i carichi di lavoro aziendali critici in esecuzione su z/OS

Leggi il redpaper IBM

Multi-site Workload Lifeline, noto anche come "Lifeline," è un software per il monitoraggio e l'instradamento dei workload. Il suo scopo è quello di bilanciare le transazioni dei workload critici distribuendo le connessioni per i carichi di lavoro TCP/IP e i messaggi per i workload del cluster IBM MQ tra due siti, garantendo così una disponibilità quasi continua.

Questo prodotto è disponibile sia come offerta indipendente che come parte della soluzione GDPS Continuous Availability.

Quando si verifica un'interruzione, IBM Multi-site Workload Lifeline aiuta a ridurre i tempi di recupero dei carico di lavoro critici rispetto al tradizionale disaster recovery, passando da diversi a qualche minuto. Il tempo di ripristino per le interruzioni non pianificate viene ridotto rilevando gli errori del carico di lavoro e reindirizzando a un altro sito. L'impatto delle interruzioni pianificate viene mitigato trasferendo i carichi di lavoro su un altro sito con interruzioni minime.

Lifeline supporta questi tipi di carico di lavoro:

  • Workload basati su TCP/IP. 

  • Workload Linux on z Systems  

  • Workload SNA 

  • Workload del cluster IBM MQ. 

  • Workload instradati DB2 Sysplex   

Novità

Riepilogo degli aggiornamenti recenti per Lifeline V2.5

Supporto dell'API di comando remoto e dei carichi di lavoro IBM MQ multicluster

Benefici Migliori performance

Instrada le nuove connessioni dei carichi di lavoro alle applicazioni, ai server e ai sistemi più capaci di elaborarle per ridurre i tempi di risposta delle transazioni. Le risorse di sistema vengono utilizzate in modo più efficiente.

Raggiungi un livello di disponibilità più elevato

Instrada nuove connessioni di carichi di lavoro ad altre applicazioni disponibili durante interruzioni dell'applicazione, del sistema o del sito. Le interruzioni per gli aggiornamenti di manutenzione o altri eventi pianificati possono essere ridotte al minimo.

Ridurre i tempi di recupero

Riduci i tempi di risposta allineando le connessioni dei nuovi workload con le applicazioni e i sistemi più efficienti. Riduci al minimo i tempi di ripristino da diverse ore a pochi minuti dopo un insuccesso del workload.

Aumenta la scalabilità

Aggiungi istanze di applicazioni su richiesta. Monitora e includi automaticamente le istanze aggiunte nelle decisioni di routing del carico di lavoro.

Migliora la migrazione e l'utilizzo dei carichi di lavoro

Indirizza i carichi di lavoro da un sito all'altro con interruzioni minime. Le connessioni per i carichi di lavoro di query possono essere distribuite contemporaneamente a entrambi i siti.

Semplifica le procedure di disaster recovery

Aggiungi test più semplici e senza interruzioni alle procedure di disaster recovery verificando che i carichi di lavoro rimangano accessibili sul sito di ripristino, senza richiedere l'interruzione del sito di produzione.

IBM Multi-site Workload Lifeline può aiutarci a capire se un sito funziona in modo normale e se i dati sono sincronizzati. Solo quando viene distribuito IBM Multi-site Workload Lifeline, IBM GDPS Continuous Availability (GDPS) può completare la commutazione del carico di lavoro per ottenere una disponibilità continua. Senior manager del data center Una grande banca asiatica
Funzionalità
Bilanciamento dei carichi di lavoro

Lifeline utilizza due livelli di bilanciamento dei carichi di lavoro indirizzati alle applicazioni TCP/IP. Lifeline ordina ai sistemi di bilanciamento di primo livello di instradare le connessioni del carico di lavoro ai sistemi di bilanciamento di secondo livello nel sito selezionato, che quindi instradano le connessioni alle applicazioni del sito. Lifeline si affida ai cluster IBM MQ per i carichi di lavoro utilizzando la messaggistica. Lifeline indirizza il cluster a instradare i messaggi del carico di lavoro ai manager di code IBM MQ nel sito selezionato, che poi rendono i messaggi disponibili alle applicazioni.

Esplora i sistemi di bilanciamento del carico esterni Esplora i sistemi di bilanciamento del carico interni
Raccomandazioni per il routing del sito

Per i carichi di lavoro che utilizzano due livelli di bilanciamento, Lifeline fornisce bilanciatori di primo livello con raccomandazioni di routing della connessione al sito in base alla disponibilità e allo stato di integrità delle applicazioni di carico di lavoro, ai sistemi z/OS e (se applicabile) Linux sui sistemi IBM Z su entrambi i siti. Per i carichi di lavoro che utilizzano cluster IBM MQ, Lifeline fornisce al cluster consigli per l'instradamento dei messaggi sul sito in base alla disponibilità e allo stato di integrità dei manager della coda IBM MQ e dei sistemi z/OS su entrambi i siti.

Esplora i cluster IBM MQ
Lifeline Agent

Un Lifeline Agent viene avviato su ogni sistema z/OS e Linux su Z Management Guest dove sono presenti workload su entrambi i siti. L'Agent è responsabile del monitoraggio delle applicazioni del workload che risiedono sul suo sistema, e di riportare queste informazioni a un Lifeline Advisor. L'Agent su z/OS è inoltre responsabile della comunicazione con un manager di coda IBM MQ per monitorare e influenzare l'instradamento dei messaggi IBM MQ all'interno di un cluster IBM MQ.  

Scopri i Lifeline Agent
Lifeline Advisor

Un Lifeline Advisor viene avviato su un sistema z/OS e può essere avviato come primario o secondario. Un Advisor principale comunica con tutti i Lifeline Agent per determinare la disponibilità del carico di lavoro. L'Advisor fornisce le regole di distribuzione dei messaggi IBM MQ agli Agent per i cluster IBM MQ e le raccomandazioni di routing ai bilanciatori di carico per le connessioni TCP per questi carichi di lavoro. Un Advisor secondario controlla la disponibilità dell'Advisor primario e ne assume la responsabilità in caso di guasto.

Scopri i Lifeline Advisor
Configurazioni del carico di lavoro

Ogni carico di lavoro configurato su Multi-site Workload Lifeline è classificato come Active/Standby o Active/Query.

Carico di lavoro Active/Standby

 

Un carico di lavoro active/standby è attivo in un sito. Lifeline indirizza i bilanciatori di carico e i gestori delle code IBM MQ per instradare le connessioni e i messaggi in arrivo verso il sito attivo. Quando il database viene aggiornato, il software di replica dei database trasmette tali modifiche in modo asincrono dall'istanza attiva del carico di lavoro alla sua istanza di standby. Nel sito di standby, l'istanza di standby del carico di lavoro è attiva e pronta a ricevere il lavoro. I dati aggiornati dal sito attivo vengono applicati al sottosistema di database in esecuzione nel sito di standby quasi in tempo reale.

Carico di lavoro Active/Query

Un carico di lavoro active/query può essere attivo in uno o entrambi i siti. Lifeline fornisce consigli di instradamento ai bilanciatori di carico per bilanciare in modo intelligente le connessioni su entrambi i siti. I workload che utilizzano i messaggi IBM MQ non possono essere classificati come workload attivi/di query. Quando gli aggiornamenti del database vengono eseguiti dal carico di lavoro active/standby associato, la latenza di replica del database viene monitorata da Lifeline per garantire che le connessioni non vengano instradate verso un sito se il database replicato su quel sito contiene dati poco aggiornati rispetto al database sul sito attivo.

Esplora le configurazioni di esempio di Multi-site Workload Lifeline
Dettagli tecnici

In preparazione all'utilizzo di Multi-site Workload Lifeline, è necessario identificare i workload a cui desideri fornire disponibilità continua e valutare il modo in cui si accede alle applicazioni di questi workload.

Requisiti
  • Tutti i sistemi z/OS devono avere la versione z/OS 2.5 o superiore.
  • Tutti gli ospiti di Linux on z Systems devono avere SUSE Linux Enterprise Server (SLES) 12 SP4 o superiore o Red Hat Enterprise Linux Server v.7.9 o superiore.
  • z/VM che ospita i guest Linux on z Systems deve avere una versione z/VM 6.4 o superiore.
Esamina tutti gli altri requisiti
Risorse Conversione in un cluster IBM MQ

Scopri come convertire un ambiente MQ esistente con canali condivisi in un cluster e come configurare Lifeline per supportare un carico di lavoro che utilizza un cluster MQ.

Integrazione di IBM Multi-site Workload Lifeline con F5 BIG-IP

Leggi i casi d'uso che descrivono l'integrazione di Lifeline con BIG-IP Local Traffic Manager di F5.

Prodotti correlati IBM z/OS Communications Server

Piattaforma sicura per lo sviluppo e la condivisione dei carichi di lavoro mainframe.

IBM GDPS

Automatizza le attività del mainframe e il ripristino di emergenza per raggiungere gli obiettivi di resilienza.

IBM z/OS Parallel Sysplex

Potenzia le comunicazioni con i server con la tecnologia di clustering che consente di connettere un set di massimo 32 sistemi IBM z/OS e di comportarsi come un'unica piattaforma di elaborazione logica.

IBM Data Replication

Supporta l'integrazione e il consolidamento dei dati, le iniziative di warehousing e di analisi su larga scala con l'acquisizione dei dati di modifica basati su log con integrità transazionale.

Sfoglia altre forme di resilienza su IBM Z

Domande frequenti

In che modo IBM Multi-site Workload Lifeline consente la disponibilità continua?

Lifeline monitora le applicazioni del carico di lavoro e i sistemi in cui risiedono, in entrambi i sysplex o siti in cui questi sistemi sono in esecuzione. Lifeline controlla l'instradamento delle connessioni e dei messaggi MQ mirati a queste applicazioni di carico di lavoro, garantendo che le connessioni e i messaggi IBM MQ vengano inviati alle applicazioni di carico di lavoro ottimali nei siti attivi.
Se Lifeline rileva un errore nel carico di lavoro del sito attivo, Lifeline può eseguire automaticamente e in pochi secondi un passaggio del carico di lavoro alle applicazioni di carico di lavoro nel sito alternativo. In alternativa, Lifeline può generare messaggi di avviso che i prodotti di automazione possono acquisire per eseguire il cambio del proprio carico di lavoro.

La mia azienda ha bisogno di disponibilità continua per i carichi di lavoro?

Se l'azienda soddisfa una delle seguenti situazioni, ha bisogno una disponibilità continua per i carichi di lavoro.

  • La tua attività deve funzionare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, a causa delle normative del settore.
  • Altre attività dipendono dalla disponibilità costante della vostra azienda, ad esempio se la tua azienda opera nel settore finanziario e assicurativo.
  • L'azienda non dispone di procedure di ripristino, ad esempio con ambienti non-sysplex e senza funzionalità di replica del disco.
Che differenza c'è fra disponibilità continua e disaster recovery?

Le soluzioni di disaster recovery esistenti utilizzano la replica basata su disco per creare copie mirror su un sito remoto di tutti i dischi utilizzati dai sistemi nel sito locale. Queste copie non possono essere utilizzate durante la replica del disco. In caso di errore nel sito locale, i sistemi e le applicazioni di carico di lavoro devono essere riavviati nel sito remoto prima di ristabilire l'accesso ai carichi di lavoro. In genere, l'operazione può richiedere un'ora o più.
Con le soluzioni di disponibilità continua abilitate per Lifeline, la replica dei dati software, come InfoSphere Data Replication for Db2, viene utilizzata per mantenere i dati sincronizzati tra i siti locali e remoti. La differenza fondamentale è che i sistemi in entrambi i siti sono attivi e la Lifeline viene utilizzata per monitorare i carichi di lavoro di entrambi i siti. In caso di errore nel sito locale, Lifeline rileverà l'errore del carico e instraderà tutte le nuove connessioni verso il sito alternativo. L'accesso ai carichi di lavoro viene ristabilito in pochi secondi, rispetto all'ora o più richiesta dalle soluzioni di disaster recovery.

Come funziona Lifeline come parte integrante della soluzione GDPS Continuous Availability?

Tramite il monitoraggio e l'instradamento dei carichi di lavoro, Lifeline svolge un ruolo fondamentale nella soluzione GDPS Continuous Availability e offre i seguenti vantaggi:

  • Prestazioni migliorate: Le nuove connessioni dei carichi di lavoro vengono indirizzate alle applicazioni, ai server e ai sistemi più capaci di elaborarle, in modo da ridurre i tempi di risposta delle transazioni. Le risorse di sistema vengono utilizzate in modo più efficiente.
  • Miglioramento della disponibilità: Le nuove connessioni del carico di lavoro possono essere indirizzate alle applicazioni e ai sistemi disponibili quando alcuni di essi sono inattivi. Le interruzioni per gli aggiornamenti di manutenzione o altri eventi pianificati possono essere ridotte al minimo.
  • Tempo di ripristino ridotto: Riduci l'obiettivo del tempo di ripristino da diverse ore a pochi minuti. Con la replica del disco, le soluzioni di DR tradizionali eseguono il ripristino in un sito di standby riavviando sistemi o applicazioni. Normalmente, per svolgere questa operazione ci vogliono ore, durante le quali i servizi IT non sono disponibili. Poiché Lifeline funziona all'interno della soluzione GDPS Continuous Availability, il carico di lavoro può essere trasferito al sito di standby in pochi minuti.
Scopri di più
Lifeline è disponibile solo come parte della soluzione GDPS Continuous Availability?

No. Sebbene venga generalmente utilizzata come parte integrante della soluzione GDPS Continuous Availability, Lifeline può essere implementata anche al di fuori della soluzione.
Se la tua azienda dispone di funzionalità di automazione proprie, puoi utilizzare Lifeline, insieme a un prodotto software di replica dei dati per mantenere sincronizzati i dati in entrambi i siti.
In altri casi, invece, se la tua azienda dispone di applicazioni per carichi di lavoro che non sono abilitate per sysplex, non potrai utilizzare la soluzione GDPS Continuous Availability. L'utilizzo di Lifeline, insieme a un prodotto software di replica dei dati per mantenere sincronizzati i dati in entrambi i siti, fornirà un ripristino "simile a sysplex" per questi tipi di carichi di lavoro.

Scopri di più
In che modo Lifeline riduce la finestra di manutenzione per le interruzioni pianificate?

Lifeline offre la possibilità di eseguire un passaggio graduale delle applicazioni e delle relative fonti di dati, chiamate carichi di lavoro da Lifeline, durante le interruzioni pianificate.  Utilizzando semplici comandi Lifeline, la migrazione del carico di lavoro da un sito a un altro può essere eseguita con facilità, riducendo al minimo i tempi di inattività per gli eventi pianificati, come le attività di manutenzione programmata.

Scopri di più
In che modo Lifeline offre una disponibilità quasi continua per i carichi di lavoro critici durante le interruzioni non pianificate?

Lifeline aumenta la disponibilità, in quanto le nuove connessioni e i messaggi possono essere instradati lontano dalle applicazioni e dai sistemi in crisi. Lifeline riduce i tempi di risposta instradando le connessioni e i messaggi alle applicazioni e ai sistemi con carico di lavoro aggiuntivo e riduce i tempi di ripristino da diverse ore a pochi minuti.

Tutti i carichi di lavoro in esecuzione in un sito devono essere inizialmente configurati su Lifeline?

Uno dei molti vantaggi di Lifeline è che non si tratta di una soluzione "o tutto o niente", come tendono a essere le soluzioni di disaster recovery. Solo i carichi di lavoro più critici verranno configurati su Lifeline per fornire una disponibilità continua, mentre tutti gli altri carichi di lavoro, incluso il batch, verranno recuperati utilizzando le procedure di disaster recovery esistenti. Inoltre, è possibile aggiungere carichi di lavoro aggiuntivi a Lifeline in qualsiasi momento.

Quali sono le caratteristiche di un carico di lavoro quando viene definito in Lifeline?

Le caratteristiche di un carico di lavoro dipendono dalla sua tipologia. Per i carichi di lavoro basati su TCP, sono gli indirizzi IP e i numeri di porta delle applicazioni TCP. Per i carichi di lavoro basati su SNA, sono i nomi delle app delle applicazioni SNA. Per il carico di lavoro basato su IBM MQ, sono le code di cluster e i responsabili della coda IBM MQ in cui vengono inviati i messaggi per i carichi di lavoro. Per i carichi di lavoro basati su Db2 DRDA, sono gli indirizzi IP e i numeri di porta degli alias e dei sottosistemi Db2. Per i carichi di lavoro Linux su Z, si tratta dei guest Linux su Z in esecuzione su zVM.

In che modo Lifeline controlla il routing delle connessioni alle applicazioni di carico di lavoro?

Lifeline si basa su un sistema di bilanciamento del carico che supporta il Server/Application State Protocol, o SASP, documentato nella RFC 4678. Il protocollo consente a Lifeline di inviare periodicamente consigli di instradamento a un sistema di bilanciamento del carico abilitato SASP, indicando al sistema di bilanciamento del carico come instradare le connessioni attraverso una serie di applicazioni che possono estendersi su entrambi i siti. L'F5 Big-IP Switch Local Traffic Manager è il servizio di bilanciamento del carico consigliato per l'uso con Lifeline.

In che modo Lifeline controlla il routing dei messaggi MQ per i carichi di lavoro?

Lifeline comunica con i responsabili della coda MQ che gestiscono le code utilizzate dai carichi di lavoro e dirige il cluster IBM MQ su cui i responsabili della coda possono ricevere i messaggi IBM MQ. A seguito di un errore del carico di lavoro in un sito, Lifeline garantisce inoltre che tutti i messaggi IBM MQ bloccati vengano trasferiti ai gestori nel sito alternativo durante il cambio di carico di lavoro.

Fasi successive

Scopri in che modo Multi-site Workload Lifeline aiuta a ridurre i tempi di ripristino dei carichi di lavoro critici in caso di interruzione. Fissa una consulenza gratuita di 30 minuti con un rappresentante IBM Z.  

Approfondisci Documentazione Supporto IBM Redbooks Supporto e servizi Global Financing Prezzo flessibile Istruzione e formazione Community Community degli sviluppatori Partner commerciali Risorse