Funzioni di IBM Graphical Data Display Manager

API delle sottoroutine

Le varie interfacce utente di base vengono fornite sotto forma di API che supportano linguaggi di programmazione differenti, applicazioni pronte per l'uso e utility. GDDM Presentation Graphics Facility (GDDM-PGF) fornisce una serie di routine di API grafiche di presentazione che rappresentano un'alternativa più semplice per disegnare i grafici. I programmatori possono richiamare le sottoroutine per abilitare i grafici, le immagini e i testi alfanumerici in in ingresso e in uscita dai programmi applicativi e dalle utility GDDM.

Funzione di controllo utente

Diverse funzioni di applicazioni più comuni facilitano le attività degli utenti dei terminali di visualizzazione. Tra queste vi sono: panoramica e zoom, dimensionamento, posizione e orientamento di stampa e plotting, scorrimento, dimensionamento e posizionamento delle finestre operatore. Potenzia i programmi applicativi GDDM, come i programmi scritti dagli utenti, senza ulteriori competenze di programmazione. Premendo il tasto PA o PF, GDDM visualizza un menu nella parte inferiore dello schermo, in cui sono elencate tutte le funzioni di controllo utente da utilizzare con l'applicazione corrente.

Editor dei simboli delle immagini

L'editor dei simboli delle immagini è una raccolta di caratteri o forme, costituita da una matrice di punti. Ogni punto corrisponde a un punto del display su un dispositivo. I simboli delle immagini sono di dimensione fissa e possono essere definiti da colori. Sono disponibili diversi set di simboli di immagini da utilizzare come caratteri tipografici. Ogni set contiene il gruppo di simboli CECP (Country-Extended-Code-Page); vengono inoltre forniti set di simboli delle immagini per vari pattern di ombreggiatura e caratteri di evidenziazione.

Composite Document Print Utility (CDPU)

Questa utility fornisce combinazioni di immagini, grafici e testi formattati. Ad esempio, un file LIST3820 nell'ambiente VM è un documento composito. Un documento composito può esser di tipo Advanced Function Printing Data Stream (AFPDS) o Composite Document Presentation Data Stream (CDPDS). Quando viene visualizzato un documento composito, il rendering della schermata approssima la versione stampata. I documenti stampati con CDPU possono essere inviati a qualsiasi stampante che supporta la stampa dei documenti compositi.

Utility di conversione dei file

GDDM offre utility per convertire i file da un formato all'altro, come: ADMUGIF, che converte un file GDDM in un file GIF (Graphics Interchange Format); ADMUCG, che converte un file CGM (Computer Graphics Metafile) in un file GDDM ADMGDF (Graphics Data Format); ADMUGC, che converte un file ADMGDF nel formato CGM; ADMUPCx che converte i file dal formato ADMGDF al formato PIF (Picture Interchange Format) e da PIF a ADMGDF.

Gestore delle code di stampa

ADMPQM è un gestore delle code di stampa che consente agli operatori di sistema di gestire dinamicamente la coda di stampa master GDDM su TSO, senza interrompere l'utility di stampa di TSO.

Dettagli tecnici

Requisiti software

GDDM richiede uno dei seguenti sistemi operativi: IBM MVS™/ESA, IBM OS/390®, VM/ESA, VSE/ESA, IBM z/OS®, IBM z/VM®. Il sistema operativo include tutti i software necessari.

    Requisiti hardware

    Non è necessario hardware aggiuntivo.