Home Case Studies Ernst & Young Global Limited (EY) Un hackathon globale focalizzato sulla sostenibilità
Gli sviluppatori di EY uniscono le forze per fare la differenza nel mondo reale
Due persone che lavorano insieme all'orto della loro comunità

Quando Mayank Pandey da bambino si trasferì dalle zone rurali dell’India a un ambiente più urbano in Australia, i suoi genitori erano determinati a restare fedeli ai valori più profondi di cui avevano permeato le loro vite. Forse la cosa più importante, ricorda, era l'importanza di mantenere l'equilibrio con la natura.

"Il fatto che i miei genitori fossero così dediti al riciclaggio, al compostaggio e ad altre pratiche ecologiche ha avuto un enorme impatto sulla mia educazione", dice. "Quella mentalità ha affondato le sue radici in me ed è cresciuta con il tempo."

Oggi, in qualità di Senior Technology Consultant presso EY Oceania a Melbourne, Pandey fa parte di un team di sviluppo che aiuta i clienti di EY a risolvere i loro problemi aziendali, un'attività che considera impegnativa ma intrinsecamente gratificante. Quando ha sentito parlare di un altro tipo di sfida, un hackathon sponsorizzato da EY e IBM incentrato sulla risoluzione di problemi di sostenibilità globale, qualcosa è scattato in me. "Come sviluppatore, ho immaginato collegamenti tra la tecnologia che conosco e una causa che mi sta a cuore", spiega Pandey. "Mi è sembrata una grande opportunità per fare la differenza e per imparare qualcosa dall'esperienza".

Nel giro di poche settimane, e lavorando anche nel suo tempo libero, Pandey e i suoi quattro colleghi sviluppatori da tutto il mondo hanno creato una soluzione basata su cloud che utilizza l’AI per mostrare ai consumatori l’impatto del carbonio dei prodotti che utilizzano nella loro vita quotidiana. La soluzione, chiamata No More Ripe Bananas, è stata una delle 24 proposte degli oltre 1.200 dipendenti di EY che hanno accettato la sfida, ed è stata selezionata come finalista.

Sostenibilità globale

 

App per la sostenibilità realizzate da 1200 sviluppatori EY di tutto il mondo

Professionisti qualificati

 

I partecipanti hanno completato volontariamente 23.000 ore di formazione specifica sul prodotto in 4 settimane

Uno dei modi migliori per motivare le persone a sperimentare le nuove tecnologie è offrire opportunità che normalmente non avrebbero riguardo a questioni a cui tengono profondamente. Brad Artigue Leader globale IBM TechHub@EY

A fare da sfondo alla sfida dell'hackathon c'è la forte alleanza di EY con IBM, una forte collaborazione intensamente focalizzata sulla sostenibilità e su altre iniziative orientate ai fattori ESG. All'interno di EY, la forza trainante dell'hackathon è un team di supporto agli sviluppatori distribuito a livello globale, noto come IBM TechHub@EY. Nell'ambito della loro alleanza di lunga data, IBM ed EY hanno creato l'IBM TechHub@EY per facilitare agli sviluppatori di EY di tutto il mondo l'accesso alla piattaforma aperta di cloud ibrido di IBM, alle offerte di AI e ad altre tecnologie trasformative. Strumenti e abilitazione delle competenze sono fondamentali per la sua missione.

Sviluppare competenze e risolvere problemi

Per Brad Artigue, Global Leader di IBM TechHub@EY, la Call for Code Global Sustainability Challenge (questo il nome ufficiale dell'hackathon) si è dimostrata particolarmente efficace nell'affrontare una sfida costante per tutte le aziende: dare ai dipendenti la possibilità di sviluppare le proprie competenze. "Uno dei modi migliori per motivare le persone a sperimentare le nuove tecnologie è offrire opportunità che normalmente non avrebbero riguardo a questioni a cui tengono profondamente", spiega Artigue. "Consideriamo la Call for Code un grande successo perché ha liberato il loro istinto di risoluzione dei problemi, fornendo strumenti potenti e formazione per creare soluzioni in modo collaborativo, oltre alla piattaforma IBM Hybrid Cloud per metterle a disposizione ovunque nel mondo."

In definitiva, il fatto che i partecipanti a EY abbiano completato volontariamente 23.000 ore di formazione specifica sul prodotto in quattro settimane, sempre nel loro tempo libero, è una testimonianza del potere della sostenibilità come fattore motivante. Ma c'è anche un'altra dimensione del progetto, più difficile da misurare, in cui il risultato ha superato le aspettative: si tratta del lavoro di squadra a livello globale.

Come impostazione, EY ha dato ai partecipanti la libertà di cercare e formare i propri team dalla sua rete globale di sviluppatori. A livello pratico, questo approccio ha contribuito a promuovere una cultura della collaborazione globale tra i dipendenti, ma ha anche permesso di attingere alla potente nozione secondo cui la risoluzione di problemi "senza frontiere" (come il cambiamento climatico e la sostenibilità ambientale) richiede innovazione e lavoro di squadra che trascendono i confini geografici.

Tutti i membri del team hanno contribuito con le proprie esperienze e situazioni locali per definire cosa fare della soluzione e come presentare le informazioni. Il fatto che siamo riusciti a incorporare così tante prospettive diverse l’ha resa una soluzione migliore. Anthony Wong Data Analytics Consultant EY

Prendiamo il caso di Anthony Wong, consulente di analisi dei dati di EY ad Auckland, Nuova Zelanda, che ha visto la sfida come un'opportunità pratica per saperne di più sui temi della sostenibilità. Durante un pranzo in mensa con i suoi colleghi, Wong è rimasto colpito non solo dalla quantità di cibo che veniva scartato, ma anche dai piatti e dai bicchieri di plastica che traboccavano dai bidoni della spazzatura. "Mi ha turbato il fatto di non sapere davvero dove finisse tutta quella roba, e l'idea che le nostre abitudini di consumo alimentare stessero contribuendo a un problema globale", afferma. "Ed è per questo che ho aderito a questa sfida."

Il suo team di progetto, proveniente da Nuova Zelanda, Australia e Filippine, ha scoperto di avere molte cose in comune, come la dipendenza dal cibo da asporto durante la pandemia e una vera e propria repulsione per gli imballaggi inutili. Ma soprattutto, condividevano la determinazione di progettare la loro soluzione con una particolare attenzione all'esperienza dell'utente finale. "Non volevamo cadere nella trappola di sviluppare qualcosa di inutile, che non avesse l'impatto che avrebbe potuto avere", spiega Wong.

Questo, dice Wong, è stato il momento in cui la diversità dei background dei membri del team si è rivelata preziosa. "Tutti i membri del team hanno contribuito con le proprie esperienze e situazioni locali per definire cosa fare della soluzione e come presentare le informazioni", spiega. "Il fatto che siamo riusciti a incorporare così tante prospettive diverse l’ha resa una soluzione migliore." Conosciuta come Sussit, la soluzione del loro team è stata dichiarata la vincitrice dell'hackathon.

Sussit utilizza dati raccolti dalla folla e modelli di AI basati su cloud per valutare i ristoranti in base alla sostenibilità complessiva delle loro pratiche, dalla provenienza degli alimenti all'uso di imballaggi compostabili. Aiutando i consumatori a capire (in inglese "suss") quanto le varie opzioni di ristorazione si allineano alle loro priorità personali di sostenibilità, l’app Sussit consente di mettere in pratica i propri valori.

Consideriamo il successo della Call for Code Challenge l'esempio perfetto di come i team globali siano attrezzati al meglio per risolvere sfide globali come la sostenibilità. Steve Varley Global Vice Chair of Sustainability EY
Una piattaforma per l'innovazione

Come è emerso dalle discussioni successive al progetto, lo stesso istinto, ovvero agire in base a un interesse personale per le cause ambientali, sociali e di governance (ESG), è stato uno dei principali fattori motivanti per i partecipanti all'hackathon, ma certamente non è l'unico. Al centro dell'identità della maggior parte degli sviluppatori c'è il bisogno di creare e di sperimentare. Per farlo, una delle funzioni principali dell'IBM TechHub@EY è quella di fornire agli sviluppatori una piattaforma per accedere a un'ampia gamma di strumenti e tecnologie IBM, compresi quelli che non incontrerebbero normalmente nel loro "lavoro di tutti i giorni".

Per supportare ulteriormente questa immersione nelle nuove tecnologie, IBM TechHub@EY ha inoltre fornito ai partecipanti l'accesso all'assistenza tecnica e alla formazione in workshop quando ne avevano bisogno. È stato attraverso questa combinazione di tecnologia, strumenti e formazione che EY ha voluto creare un terreno fertile per l’innovazione.

Poche soluzioni hanno esemplificato questo come Project Net Zero, un'altra finalista dell'hackathon. Sviluppata da una coppia di ingegneri dell’innovazione EY dell’India meridionale, la soluzione è progettata per fornire una sorta di visione a raggi X degli sforzi di riduzione delle emissioni di carbonio di un’azienda, espressa con una scorecard. Ciò che distingue la soluzione è l'approccio completo e sofisticato necessario per convalidare e incentivare le attività di sostenibilità di ogni azienda.

Le aziende che cercano di stabilire le proprie credenziali green iniziano inviando informazioni empiriche (ovvero le prove) all'interno dell'applicazione. Dopo l'acquisizione, Project Net Zero utilizza i modelli di machine learning (ML) per verificare le informazioni e, contemporaneamente, assegnare ciò che viene chiamato indice di riduzione del carbonio (Carbon Reduction Index, o CRI). Sulla base di questo calcolo, l'applicazione emette dei token crittografici chiamati ZeroCarb Coins che vengono registrati su un registro della blockchain IBM. Secondo Nandu Krishna, uno degli sviluppatori dell'applicazione, questo approccio in due fasi "aiuta le aziende a identificare i punti in cui devono investire per migliorare le loro pratiche di sostenibilità, fornendo al contempo un modo per generare capitale 'green' a sostegno di questi investimenti".

La decisione di EY di organizzare un hackathon a tema sostenibilità è del tutto coerente con i valori sociali più ampi espressi nel suo motto aziendale: "Costruire un mondo lavorativo migliore". Ma va anche oltre. Alla base della visione ESG dell'azienda c'è la profonda convinzione che la sostenibilità, oltre a essere una questione di responsabilità, sia anche un'enorme fonte di opportunità sia per EY che per i suoi clienti.

Un forte indicatore di questo impegno è stata la decisione di EY, nel 2020, di creare il ruolo di Global Vice Chair of Sustainability, una novità assoluta tra le Big Four. In questo ruolo, Steve Varley aiuta i clienti EY a creare valore aziendale dalla sostenibilità, guidando al contempo la strategia globale in materia dell'azienda. Per Varley, la sfida dell'hackathon rappresenta un tipo di innovazione collaborativa fondamentale per sbloccare il valore della sostenibilità. "L'impeto chiave per la sostenibilità è il valore aziendale, che si tratti di migliorare l'efficienza energetica, ripensare le supply chain o reinventare i modelli di business", afferma. "Consideriamo il successo della Call for Code Challenge l'esempio perfetto di come i team globali siano attrezzati al meglio per risolvere sfide globali come la sostenibilità."

Logo Ernst & Young Global Limited (EY)
Informazioni su Ernst & Young Global Limited (EY) 

EY (link esterno a ibm.com), con base a Londra, gestisce una delle più grandi reti di servizi professionali al mondo. È una delle aziende di contabilità Big Four, e fornisce servizi assicurativi, fiscali e di consulenza ai propri clienti. Con un fatturato globale di 40 miliardi di dollari, alla fine del 2021 l'azienda contava 312.250 dipendenti.

Successivo:
Visualizza altri casi di studio EY e IBM ampliano l'alleanza globale per aiutare le organizzazioni ad accelerare la trasformazione digitale Notizie su EY e IBM Agire per tutelare i nostri oceani Caso di studio di Wilson Center Salvare gli oceani con il machine learning Caso di studio PlasticNet
Legale

© Copyright IBM Corporation 2022. IBM Corporation, New Orchard Road, Armonk, NY 10504

Prodotto negli Stati Uniti d'America, aprile 2022.

IBM, il logo IBM, ibm.com e IBM Cloud sono marchi di International Business Machines Corp., registrati in diverse giurisdizioni del mondo. Altri nomi di prodotti e servizi potrebbero essere marchi registrati di IBM o di altre società. Un elenco aggiornato dei marchi registrati IBM è disponibile sul web alla pagina “Copyright and trademark information" all'indirizzo https://www.ibm.com/it-it/legal/copytrade.

Le informazioni contenute nel presente documento sono aggiornate alla data della prima pubblicazione e possono essere modificate da IBM senza preavviso. Non tutte le offerte sono disponibili in ogni Paese in cui opera IBM.

Gli esempi citati relativi a dati di prestazione e clienti sono presentati unicamente a scopo illustrativo. Gli attuali risultati in termini di performance possono variare a seconda delle specifiche configurazioni e delle condizioni operative. LE INFORMAZIONI RIPORTATE NEL PRESENTE DOCUMENTO SONO DA CONSIDERARSI “NELLO STATO IN CUI SI TROVANO”, SENZA GARANZIE, ESPLICITE O IMPLICITE, IVI INCLUSE GARANZIE DI COMMERCIABILITÀ, DI IDONEITÀ A UN PARTICOLARE SCOPO E GARANZIE O CONDIZIONI DI NON VIOLAZIONE. I prodotti IBM sono coperti da garanzia in accordo con termini e condizioni dei contratti sulla base dei quali vengono forniti.