Obiettivi

IBM lavora da sempre a fianco del mondo accademico nell’ambito della ricerca e della formazione a livello globale per creare sinergie utili al processo di innovazione di ogni Paese in cui opera.

In Italia il nostro brand svolge un ruolo attivo di collaborazione con docenti e ricercatori IBM Research e offre numerose iniziative agli studenti di tutti i livelli (lauree triennali, magistrali, dottorati, master, MBA).
La dinamicità del mercato del lavoro pone i giovani davanti a nuove sfide: professionalità specifiche e innovative risultano requisiti fondamentali, così come un alto livello di flessibilità e multidisciplinarità.

Uno degli obiettivi principali di IBM è diffondere la conoscenza delle tematiche su cui costruire specifici percorsi formativi, adeguati a formare le nuove figure professionali che rispondano alle esigenze di oggi e di domani.

News ed eventi

18/01/2018 – Aprono le iscrizioni per aggiudicarsi i premi monetari messi in palio da IBM Research, per gli studenti universitari, docenti e ricercatori che utilizzano IBM Q Experience e QISKit.

01/03/2018 – Prende il via l’insegnamento “Organizzazione Aziendale” nell’ambito del Corso di Laurea Magistrale in Sicurezza Informatica erogato dall’Università di Bari. Le lezioni si terranno tutti i venerdì dei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno.

20/04/2018 – Prima giornata di laboratorio al Master in Management, Innovazione e Ingegneria dei Servizi (MAINS) sui temi Parking Cloud e Cognitive Automotive.

20/04/2018 – Premiazione progetto “NERD?” presso le Università Bicocca, Piemonte Orientale di Alessandria e Bari

30/06/2018 – Presentazione finale dei field projects sviluppati dai ragazzi del Master of Science in Management (MScM) presso il Client Center IBM Italia di Segrate.

Iniziative accademiche IBM

Iniziative accademiche IBM

Un accesso semplice e gratuito alle migliori tecnologie firmate IBM

Il portale si propone di offrire tools tecnici di rilevanza strategica agli studenti universitari, per affiancarli nella realizzazione dei loro progetti, e alle Università per migliorare l’offerta formativa erogata come conseguenza di una maggiore qualifica del personale didattico. Un’opportunità di toccare con mano i migliori software nell’ambito del cloud, IoT, Intelligenza Artificiale e molti altri.

Progetti

Dicono di noi

Rassegna stampa

Università

Italy, Ilsole24ore.com, 23.03.18, A Napoli l’intelligenza artificiale al supporto della lotta contro i tumori

Italy, Affaritaliani.it, 23.03.18, Medicina: tecnologie intelligenza artificiale, a Napoli primo centro italiano

Italy, La Repubblica Napoli, 23.03.18, Accordo tra Istituto Pascale, Cnr e Ibm un centro per la medicina di precision

Italy, Il Mattino Napoli, 23.03.18, Intelligenza artificiale, via libera al Centro per la sperimentazione

Italy, Corrieredelmezzogiorno, 22.03.18, Medicina e intelligenza artificiale: accordo tra Fondazione Pascale, Cnr e Ibm

Italy, Ilmattino.it, 22.03.18, Intelligenza artificiale e medicina: patto tra Istituto Pascale, Cnr e Ibm

Italy, Adnkronos.com, 21.03.18, A Napoli primo centro per tecnologie intelligenza artificiale

Italy, Quotidianosanita.it, 21.03.18, Napoli. L’intelligenza artificiale al servizio della medicina di precisione. Al via partnership Pascale, Cnr e Ibm

Italy, Wired, 03.18, L’alba di una nuova scienza

Italy, Roma, 22.03.18, Tecnologie di intelligenza artificiale, è intesa tra Pascale e Cnr

Italy, Il Mattino di Padova, 15.03.18, La chiamata alle ‘armi’: «Più donne nella scienza»

Italy, Padovaoggi.it, 14.03.18, "Nerd? Non è roba per donne?"

Italy, Wired, 03.18, La distruzione sistematica dei tumori

Ricerca

Italy, Panorama, 29.03.18, Cinque rivoluzioni dell’intelligenza artificiale

Italy, Elettronica-plus.it, 28.03.18, 5 technologies that will revolutionize our life in the next 5 years

Italy, Borsaitaliana.it, 23.03.18, Emilia Romagna: regione in Israele per favorire crescita imprese

Italy, Corriere.it, 22.03.18, Ibm progetta il computer più piccolo del mondo: dallo smartphone alle videocamere, 10 micro-invenzioni hitech

Italy, Affaritaliani.com, 21.03.18, La rivoluzione IBM

Italy, Ilfoglio.it, 21.03.18, La rivoluzione IBM

Italy, Liberoquotidiano.it, 21.03.18, La rivoluzione IBM

Italy, Il Piccolo Trieste, 15.03.18, Apre a Trieste il nuovo centro per il calcolo quantistico

Italy, Corriereinnovazione.corriere.it, 14.03.18, Nasce a Trieste il primo centro italiano sul quantum computing

Italy, Gazzetta del Sud, 09.03.18, Il vuoto è... pieno. La scoperta Unime e la "rivoluzione quantistica"

Italy, Wired, 03.18, Prefazione

Italy, Wired, 03.18, L’alba di una nuova scienza

Italy, Automazione Integrata, 03.18, Stato dell’arte del quantum computing

Italy, Impiantistica Italiana, 01.18, REM – Renewable Energy Mediterranean Conference

Politecnico di Milano

Nel 2013 IBM e Politecnico di Milano hanno dato il via al primo Collaborative Innovation Center in Europa. Al centro del percorso formativo vi è lo sviluppo di competenze professionali nell’ambito di due fenomeni che hanno un forte impatto su ogni tipo di organizzazione in termini di sfide ed opportunità: Big Data e Business Analytics.

Una pluriennale collaborazione che ha l’obiettivo di creare una cultura che riconosca il valore strategico della gestione dei dati nel miglioramento qualitativo dei processi decisionali e nella capacità competitiva delle imprese.

Università Cattolica di Milano

Arrivato alla seconda edizione, il Master in Data Science for Management della Cattolica offre un corso completo nel campo del business analytics da un punto di vista della risoluzione dei problemi.

A cura di IBM è il modulo sul data management e warehousing che illustra come implementare e mantenere a livello tecnico un data warehouse oltre a proporre un’analisi dettagliata sulla gestione qualitativa dei big data.

L’Università del Sacro Cuore affronta la trasformazione digitale nel settore bancario e assicurativo all’interno del suo nuovo Master di I livello in Digital Innovation & Fintech. Il settore Finance si sta affacciando a nuove soluzioni tecnologiche e digitali ai fini della creazione di valore, di qui risultano necessari profili preparati a ricoprire le nuove professioni digitali che possiedano competenze gestionali, statistiche e informatiche. I Manager e Professionisti di IBM partecipano all’iniziativa in qualità di partner: a loro è affidata la gestione di un Fintech Lab all’interno del corso che si articolerà in un progetto nell’ambito del quale i ragazzi verranno chiamati a sviluppare un hackathon.

Master of Science in Management (MScM)
il corso di laurea magistrale è erogato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con 15 corporate partner raggruppati in 5 settori tematici che permettono di combinare i fondamenti teorici ed analitici con l’applicazione pratica. Selezionata come consulting firm, IBM, che ha già partecipato attivamente nei due anni precedenti con offerte formative di stage, è quest’anno responsabile della gestione di un corso introduttivo sul processo di procurement e dell’attivazione di un field project affidato ad un team di studenti iscritti al corso di laurea. Il percorso è disegnato per investigare in un contesto competitivo globale le aree chiave del management e della business administration.

Guarda le foto

Master in International Marketing Management (MIMM)
Il contributo congiunto tra la facoltà di Economia e quella di Psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano, ha dato origine al Master in International Marketing Management (MIMM). Alla conclusione del percorso formativo si attende che gli studenti possiedano la conoscenza e le capacità per analizzare l’ambiente complesso dei mercati internazionali ed assumere responsabilità di carattere manageriale, commerciale e di marketing.

Università Bicocca di Milano

Riconoscere e comprendere a fondo le innovazioni tecnologiche, le loro implicazioni e il modo in cui affrontarle, è un processo che può risultare piuttosto complesso a causa della velocità delle trasformazioni e il cambio di cultura che queste spesso comportano.
In quanto leader tecnologico IBM aiuta gli studenti iscritti all’ Università Bicocca di Milano a navigare e ad approcciare le sfide di oggi e di domani. Questo è il fine ultimo della serie di seminari, sia passati che in programma, che esperti aziendali tengono su tematiche quali l’industria 4.0, le tecnologie cloud che guidano la tecnologia digitale, l’evoluzione dei DBMS nel mercato, l’impatto dei big data sulla Data Governance.

Università Bocconi di Milano

Il Bachelor of Science in Economics, Management and Computer Science dell’Università Bocconi si pone come uno dei primi corsi di laurea triennale a livello internazionale nella formazione dei nuovi talenti digitali. Qual è l’impatto delle informazioni quantitative sulle decisioni di tipo economico-manageriale e finanziario? La comprensione di queste implicazioni di portata strategica è la colonna portante del corso. L’obiettivo viene perseguito tramite l’offerta congiunta di discipline quantitative ed insegnamenti economici-manageriali e giuridici. Il contatto diretto col mondo reale dà un valore aggiunto al percorso formativo impostato: IBM ed altri importanti brand operanti nel settore IT mettono a disposizioni il loro vasto bagaglio di esperienza all’interno di seminari che permettono agli studenti di meglio comprendere quale sia il ruolo delle persone nella gestione di questo groviglio di dati.

Università Humanitas di Milano

La prima applicazione in Europa di una soluzione che utilizza la tecnologia cognitiva al settore della salute è firmato IBM. Grazie ad un progetto di collaborazione con Humanitas University e Humanitas Reasearch Hospital, Watson entra in una facoltà di medicina a sostegno di medici e studenti. L’idea è quella di sperimentare un Tutor Cognitivo che supporti l’esplorazione di situazioni complesse e la scelta tra diverse informazioni cliniche da parte degli studenti del 3° anno di studi con l’obiettivo di rendere più efficiente ed efficace il loro percorso formativo e il passaggio dalla teoria alla pratica clinica.

Bologna Business School

Come leader nella ricerca ed innovazione tecnologica, IBM è partner del Center for Digital - Business Education (CDE). Partendo dalla definizione dell’offerta formativa, IBM concorre alla formazione di figure professionali specializzate nel campo del digitale (Web Analyst, Web Marketing Specialist, Big Data specialist, E-commerce Manager, Online Store Manager, Site Manager e molti altri) offrendo borse di studio e mettendo a disposizione i propri manager a ricoprire ruoli didattici.
Questo mix di competenze accademiche e manageriali è possibile combinando l’esperienza di YOOX NET-A-PORTER GROUP (YNAP) come leader globale nel luxury fashion e-commerce, le solide competenze in formazione manageriale di Bologna Business School (BBS) ed il know-how di prestigiosi partner internazionali ciascuno leader in uno specifico ambito dell’innovazione digitale.

Università Sant’Anna di Pisa

Il Master in Management, Innovazione e Ingegneria dei Servizi (MAINS) organizzato dall’Università Sant’Anna di Pisa ha potuto contare, all’interno del proprio comitato scientifico, sulla collaborazione di 12 tra le maggiori imprese del panorama nazionale ed internazionale per l’aggiornamento dei contenuti del corso. Tra queste IBM contribuisce alla formazione di giovani talenti tramite l’offerta di borse di studio e programmi di stage, le testimonianze di esperti aziendali altamente qualificati e la gestione di innovation labs che quest’anno gravitano intorno ai temi del Parking Cloud e Cognitive Automotive.

Università La Sapienza di Roma

Nella Capitale italiana IBM e La Sapienza collaborano a partire dal 2016 per affrontare assieme le tematiche legate alla digital transformation. Al centro del Master in Data Science lo sviluppo delle nuove competenze promuovendo l’avvio di progetti di ricerca e sviluppo, programmi di alta formazione e attività didattiche integrative a completamento della formazione degli studenti. In particolare IBM svolge un ruolo fondamentale nell’affiancare gli studenti nella comprensione del mercato del lavoro e dell’applicazione pratica delle proprie competenze mettendo a disposizione stage, project work e tesi di laurea oltre che tenendo seminari e conferenze che spaziano su vari argomenti dall’ Intelligenza Artificiale alla Cybersecurity.

Consorzio Elis

IBM è learning partner di riferimento per il dominio Intelligenza Artificiale nel nuovo Innovation Hub, predisposto dal consorzio ELIS come polo universitario del Politecnico di Milano rivolto a 100 studenti di informatica meno abbienti. Costruito sul modello del Working Student, il corso si struttura in domini di innovazione orizzontali (tecnologie emergenti trasversali a tutti i settori industriali) e verticali (specifici di un settore). Il nuovo polo si vuole porre come centro di Innovazione Collaborativa che riunisce all’interno del suo Advisory Board un gruppo selezionato di aziende partner.

LUISS Roma

Oltre alle tradizionali iniziative formative, IBM mette a disposizione di studenti e docenti dell’ Università LUISS le proprie piattaforme software per sviluppare e svolgere congiuntamente studi di ricerca ed applicazioni informatiche.
Tematiche quali la public digital transformation, IoT, cybersecurity, cloud & cognitive computing sono oggetto di stage, tesi, progetti ed elaborati di laurea cui IBM offre un supporto attivo attraverso laboratori ed i centri di ricerca.

Politecnico di Torino

Il Centro di Competenza Calcolo ad Alte Prestazioni e Intelligenza Artificiale Torino (HPC4AI) è un centro interuniversitario di competenza sull’intelligenza artificiale a sostegno della ricerca e del trasferimento tecnologico cui IBM si propone di offrire un supporto tecnico, tecnologico e scientifico necessario per il corretto uso delle tecnologie da lui stesso erogate. In particolare IBM mette a disposizione servizi cloud modulari per applicazioni di deep learning nei settori applicativi di interesse del mercato, servizi di calcolo ad alte prestazioni per simulazione di sistemi complessi con annessa gestione parallela dei workload, servizi che sfruttano grandi quantità di dati ed utilizzano Open Source Data Base per applicazioni di interesse del mercato.

Università di Firenze

Avvicinare il mondo accademico alle reali problematiche di industria che una corporate come IBM affronta quotidianamente è uno degli obiettivi del nuovo laboratorio in via di definizione congiuntamente all’Università degli Studi di Firenze. Il centro vuole essere motore di conoscenza e di competenza nell’ambito della triade Università-Industria-Territorio per rispondere ai bisogni del mondo privato e pubblico, industriale e sociale, e in particolare:

  • Sviluppare progetti interdisciplinari cross industries , di studio e ricerca applicata su problemi concreti di tipo industriale, sociale e di ricerca.
  • Trasferire conoscenze dirette di strumenti e tecnologie agli studenti, con la possibilità di acquisire crediti spendibili nel corso di formazione.
  • Sviluppare prototipi e semilavorati utilizzando tecnologie IBM, Open Source e integrando altre tecnologie compatibili con la mission del laboratorio.
  • Rispondere a call per progetti finanziati nazionali ed internazionali.

Università di Napoli

Gli ultimi 10 anni l’ Università di Napoli ed IBM hanno consolidato una stabile relazione di collaborazione. Nell'ambito delle diverse iniziative è stato lanciato il progetto ETC che ha previsto l’attrezzamento di un laboratorio virtuale di sviluppo software dedicato alle attività degli studenti di 10 università italiane ed una americana. In questo modo gli studenti hanno avuto l’opportunità di lavorare in team internazionali ed assumere il 300% di skill in più rispetto agli anni precedenti a parità di tempo, ottenendo punteggi di gran lunga superiori agli esami. Alcuni di questi studenti sono stati poi ospitati alle conferenze IBM Rational Italia come testimonial.

Negli ultimi tempi i rappresentanti di IBM sono stati ingaggiati nell’area didattica e students oriented per tenere seminari su Bluemix, hanno partecipato ad un convegno di chiusura dell'anno accademico della scuola speciale di Apple e insieme ad UNINA saranno gli attori principali di una conferenza periodica sul cognitive computing nelle università.

Sul tavolo molte altre iniziative in via di definizione che vogliono creare valore aggiunto per tutti i membri del network, primi fra tutti sempre gli studenti.

SISSA di Trieste

La Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) con sede a Trieste è focalizzata nella ricerca e nella formazione post-laurea in tre aree scientifiche specifiche: fisica, matematica e neuroscienze. Per raggiungere gli obiettivi del percorso formativo erogato, SISSA intende potenziare la collaborazione con soggetti qualificati pubblici e privati nell’ottica di favorire, nel comune interesse, l’avvio di progetti di ricerca e sviluppo nonché di progetti di alta formazione ed attività didattiche integrative in partnership con tali soggetti, a complemento della formazione degli studenti. Qui entra in gioco IBM chiamata ad individuare le aree di ricerca di interesse comune a cui poi partecipare in modo congiunto, mettere a disposizione le proprie strutture e l’utilizzo di attrezzature eventualmente necessarie oltre che organizzare conferenze, seminari, dibattiti, testimonianze ed eventi per la diffusione della cultura scientifica ed offrire progetti di tesi e programmi di stage.

Università di Trento

Dietro la sorprendente vittoria di Watson contro i campioni Brad Rutter e Ken Jennings, nella sfida di Jeopardy nel 2011 risiede una collaborazione tra IBM e l’ Università di Trento, il Massachusetts Institute of Technology (MIT), la University of Texas, la University of Southern California (USC) e la Carnegie Mellon University. La collaborazione ha coinvolto i diversi ricercatori sulle tecnologie di QA di base da applicare poi successivamente al sistema “Watson”IBM. Il Dipartimento di Ingegneria Informatica e Scienze dell’Informazione (DISI) dell’ateneo trentino è stato coinvolto in quanto leader mondiale nella progettazione di sistemi di apprendimento automatico per l’elaborazione del linguaggio naturale nel miglioramento delle prestazioni attraverso cui il sistema IBM Watson fornisce le risposte ad interrogazioni fatte in linguaggio naturale.

Università di Pavia

MUST

“Il racconto è il paradigma all’interno del quale si muove la comunicazione contemporanea”. Questa frase attribuisce valore all’apprendimento e lo sviluppo di competenze narrative cuore pulsante del Master in Marketing Utilities and Storytelling Techniques (MUST) promosso dall’Università degli Studi di Pavia. IBM assiste nello sviluppo di un approccio prevalentemente pratico nella formazione dei professionisti del Corporate Storytelling elaborando assieme al board progetti di interesse in cui i ragazzi verranno chiamati a mettersi in gioco e a testare le competenze acquisite.

Guarda le foto

Mibe lm+

Arriva per la prima volta nell’Università Italiana il programma Laurea Magistrale Plus ed IBM c’è!
Lanciato dall’università di Pavia in collaborazione con aziende nazionali ed internazionali operanti sul territorio italiano, LM+ intende realizzare un’attività di formazione che integri, al più alto livello possibile, la conoscenza racchiusa all’interno dell’ambiente universitario con quella di cui sono portatrici le imprese e altre organizzazioni del mondo del lavoro. Tra i cinque corsi di laurea coinvolti, IBM ha selezionato nell’ambito del Master in International Business and Entrepreneurship (MIBE) lo studente da inserire in un programma di stage retribuito full-time (6-12mesi). Allo stagista viene proposto un percorso scrupolosamente definito seguendo specifici obiettivi formativi continuamente rivisti e concordati tra docenti universitari ed azienda partner.

Fondazione CUOA

Giunto alla sua quinta edizione, l’ Executive Master in ICT Management della fondazione CUOA vede IBM coinvolto in 4 moduli:

  • Overview Big Data e Social Analytics
  • Introduzione all’architettura Big Data e Cognitive Computing
  • Predictive Analytics: Modelli statistici per il miglioramento delle performance aziendali
  • Hands on Watson Analytics e Watson Analytics for Social Media: un laboratorio presso la sede di IBM Italia. La finalità del percorso è quella di rendere i professionisti dell’Information Technology motori del business aziendale al quale deve fornire risposte e stimoli per lo sviluppo e la crescita.

Università di Perugia

L’Università degli Studi di Perugia attiva un nuovo Master di II livello in Data Science. Il contributo di IBM nella definizione delle nuove figure professionali di Data Scientist si traduce nel fornire agli studenti regolarmente iscritti l’accesso alla propria infrastruttura cloud IBM Bluemix e a programmi di tirocinio presso la propria sede italiana, oltre che nello svolgere attività di docenza nei settori del Master. L’obiettivo congiunto è quello di formare figure professionali esperte nella definizione di strategie di business grazie alla loro competenza nella raccolta, analisi, elaborazione, interpretazione, diffusione e visualizzazione dei dati quantitativi o quantificabili di un’organizzazione a fini analitici, predittivi o strategici.

Università di Brescia

Da diversi anni l’Università di Brescia partecipa ad IBM Academic Initiative e ha un contratto di collaborazione per la ricerca attivo con Dublino. Dal 2015 è stato attivato un ciclo di seminari e laboratori rivolti al 3° anno della laurea di 1° livello in informatica e al 1°/2° anno di magistrale (informatica e gestionale). Nell’ambito di questi, nel corso del 2017 gli esperti di IBM hanno affrontato temi che vanno dalle nuove tecnologie di impianti informatici a Watson e data science, dal disegno ed implementazione di un data wareahouse alle basi dati per big data e tecnologie Watson apllicate all’health per finire con un laboratorio sulla costruzione di un chatbot con Watson su piattaforma IBM Cloud.

Progetto NERD?

In Italia solo il 15% dei professionisti nel settore informatico è di sesso femminile. Ma chi ha detto che le materie STEM non siano roba per donne? Dalla collaborazione tra il Dipartimento di Informatica dell'Università la Sapienza di Roma ed IBM nasce nel 2013 il progetto NERD? – “Non è roba per donne?” – con l’obiettivo primario di trasmettere alle ragazze delle scuole superiori (3°,4° e 5° anno di liceo) la passione per l’informatica.

Partecipando a incontri formativi e laboratori, le giovani studentesse possono imparare in maniera semplice, veloce e divertente a progettare e programmare app, sperimentando sotto la supervisione di chi questo percorso l’ha già intrapreso con passione, il “mestiere” dell’informatico.

Il risultato della loro creatività sono chatbot cognitivi sviluppati utilizzando il servizio Watson Conversation su IBM Cloud, la piattaforma Cloud di IBM basata su open source.

Le ragazze che realizzano il progetto migliore in termini di creatività, innovazione e valore tecnico verranno premiate con uno stage di tre giorni presso la sede di IBM.

Negli ultimi due anni il progetto è stato inserito con successo all’interno del programma alternanza scuola-lavoro e si è esteso ad altri Atenei coinvolgendo, ad oggi, l’Università di Milano Bicocca, il Politecnico di Bari, l’Università di Bari, l’Università Federico II e l’Università di Padova.

I numeri del 2018

  Ragazze iscritte
Milano 152
Alessandria 68
Bari 418
Napoli 215
Padova 60

Guarda le foto

Università degli Studi di Padova

Il Master in Project Management e Gestione dell’Innovazione (PMGI) è un corso erogato dall’Università degli Studi di Padova volto allo sviluppo delle imprese del territorio e all’innovazione in ambito socio sanitario, raccoglie persone con diversa provenienza culturale ed esperienza lavorativa.

All’interno di questo percorso formativo IBM svolge il ruolo di partner condividendo con gli studenti la propria esperienza nell’ambito applicativo del Project Management “classico” introducendo allo stesso tempo nuovi metodi quali il Design Thinking e l’Agile attraverso un approccio sia teorico sia pratico.