Responsabilità sociale: se non ora, quando?

di Luca Altieri



Ci risiamo, purtroppo. È di nuovo pandemia, un termine che nella sua accezione originaria ha anche delle connotazioni positive: viene infatti dal greco e significa “di tutto il popolo”. Solo che nell’odierna lettura sottolinea la tendenza delle malattie a diffondersi ovunque, proprio come la Covid-19.

Ma se la pandemia è di tutto il popolo, lo sono anche l’innovazione e la sostenibilità che devono essere guidate dalla singola persona e aiutate dall'alto: dalle Istituzioni e delle Aziende.

In questo contesto si inserisce la recente iniziativa con cui abbiamo voluto mettere a disposizione i nostri megaschermi dell’IBM Studios per condividere messaggi costruttivi, positivi e utili su temi che riteniamo fondamentali a partire dai comportamenti sociali più idonei per contenere l’emergenza sanitaria.

In questi giorni, in Piazza Gae Aulenti a Milano, scorrono dunque immagini che mostrano come usare correttamente la mascherina, l’importanza del distanziamento sociale e dell’utilizzo dell’app Immuni cercando di sensibilizzare e risvegliare un profondo senso civico di rispetto per sé stessi e per gli altri.

Perché se non ora quando? Hic et nunc, qui ed ora, dicevano i Latini.
Abbiamo gli strumenti e possiamo aiutare a diffondere altrettanto velocemente un’altra “pandemia”: quella della consapevolezza, del senso civico e della voglia di cambiare instillando un desiderio di trasformazione profonda e sistemica delle nostre vite che vada al di là di un ritorno alla pseudo normalità.

Da sempre il nostro brand ha sposato, accolto e promosso principi "etici", partendo dalla volontà di innovare per dare valore ed essere di aiuto alla società, tenendo l'individuo e i suoi bisogni sempre al centro. Nel corso dei nostri centonove anni di storia siamo sempre stati pionieri sui temi sociali: dall’inclusione alla lotta alla disparità di genere, razza o orientamento sessuale fino alla sostenibilità. Si pensi, per esempio, al recente impegno siglato a Roma per un utilizzo etico dell’intelligenza artificiale - la Call for AI Ethics - o alla forte presa di posizione sulla rinuncia alla commercializzazione degli strumenti di riconoscimento facciale perché potenzialmente portatori di discriminazione. Così com’è evidente il nostro rinnovato impegno sui temi della sostenibilità con l’edizione 2020 del programma "5In5" con cui IBM, fortemente convinta della centralità del pensiero scientifico, le cinque le aree su cui focalizzare la ricerca e lo sviluppo di nuovi materiali destinati ad aiutare nelle grandi sfide affrontate oggi dall’umanità.

Sostenibilità, inclusione, responsabilità sociale sono dunque altri temi "pandemici" che, come tali, riguardano tutto il popolo e che la crisi sanitaria sembra avere risvegliato, specie tra le generazioni più giovani. Ed è per questo che quanto iniziato con le immagini sui ledwall per sensibilizzare i cittadini sul Covid19 proseguirà nei prossimi mesi arricchendosi di contenuti a sfondo etico e sociale: contro il bullismo, contro le discriminazioni di genere, sesso o razza, per la sostenibilità e per tutto ciò che ciascuno di noi, nel suo piccolo, può fare. Un piccolo esempio, in definitiva, di come IBM possa stare in piazza per la piazza.

26 ottobre, 2020

Luca Altieri, Direttore Marketing, IBM Italia
@AltieriLuca

Visit us on LinkedIn