Dimar trasforma i suoi processi per migliorare il servizio grazie alla tecnologia

di Paola Piacentini



Nell’ambito del suo percorso di trasformazione digitale Dimar, importante realtà della GDO italiana focalizzata sulla valorizzazione dei fornitori sia del mondo food sia dei servizi con un’attenzione continua alle tematiche di responsabilità ambientale e sociale, ha deciso di migliorare l'efficienza e la sicurezza dei processi operativi all'interno dei propri punti di vendita.

Grazie ad una nuova piattaforma tecnologica basata su IBM Maximo Asset Management in IBM Cloud e sviluppata da Omninecs Europe business partner IBM, Dimar trasforma i suoi processi per semplificare il lavoro dei dipendenti e l’interazione con i fornitori, garantendo così un miglior servizio ai propri clienti.

La gestione quotidiana dei suoi 129 supermercati e ipermercati sarà così garantita dall'integrazione, semplificazione, automazione e standardizzazione dei dati e dei processi relativi ai diversi fornitori di servizi con cui il Gruppo interagisce quotidianamente; dalla manutenzione preventiva alla gestione dei guasti, dalla pianificazione e programmazione degli interventi alla gestione puntuale del loro avanzamento, garantendo la completa tracciabilità di quanto accade, in termini di coerenza dei dati tecnici ed economici e di rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza.

La flessibilità della piattaforma adottata, sviluppata IBM Omninecs Europe, ha consentito a Dimar di definire uno standard, adattando ogni processo alle specifiche esigenze operative con funzionalità agili e intuitive.
I tecnici sul campo possono accedere alle informazioni di loro interesse, riportando il loro lavoro in modo semplice, veloce e preciso, attraverso un'app intuitiva utilizzabile da tablet.
IBM Maximo Asset Management ha permesso di integrare la gestione documentale in uso e di interoperare, quando richiesto, con il sistema informativo dei principali fornitori. Questo consente una tracciabilità completa di tutti i servizi erogati nei punti vendita, riducendo in modo significativo le attività di back-office e la gestione dei reclami.

La prima fase del progetto, che ha visto al momento il coinvolgimento di 16 punti vendita, ha consentito a Dimar di ridurre del 90% il consumo di carta, del 30% la media delle attività di pianificazione e organizzazione, del 40% la media del backlog di attività amministrative a basso valore e del 50% le attività di back-office. Questi primi risultati dimostrano come la trasformazione intrapresa, declinata in standardizzazione, semplificazione e automazione, grazie all'adozione di nuove tecnologie, garantisca una pianificazione più efficace, un maggior controllo delle operazioni sui punti vendita e una visibilità puntuale e coerente dei relativi dati tecnici ed economici, generando risultati di miglioramento immediatamente tangibili.

27 luglio 2021

Paola Piacentini, IBM Artificial Intelligence and CSR Communications Leader
@ppiac

Visit us on LinkedIn