IBM avvia una collaborazione con Alliance to End Plastic Waste per tracciare la plastica a livello globale e annuncia un programma di educazione alla sostenibilità

di Paola Piacentini



Un recente studio condotto a livello globale ha stimato che il 60% della plastica prodotta va a finire in discarica o disperso nell’ambiente. Per limitare tale dispersione, che contribuisce fortemente ad inquinare l’ambiente, è imperativo che tutti i principali stakeholder mondiali si riuniscano in un’azione coordinata e congiunta.

È con questo obiettivo che nel 2019 è stata lanciata Alliance to End Plastic Waste, nella quale IBM ha annunciato di essere entrata a far parte come membro sostenitore.

IBM aiuterà infatti Alliance a progettare e lanciare una nuova piattaforma chiamata “PRISM” – Plastic Recovery Insights and Steering Model – che fungerà da unica fonte di dati utili a informare sulle misure e i programmi che sono stati implementati per migliorare la gestione dei rifiuti. PRISM sarà basata su IBM Cloud e godrà di un approccio di tipo “open” per consentire ai membri dell’Alliance di gestire set di dati riguardo, ad esempio: al consumo e alla raccolta della plastica, alla qantità di plastica generata e dispersa nell’ambiente e alle possibili soluzioni disponibili relative alla gestione e riciclo della plastica.

L’iniziativa si inserisce nel più vasto impegno di IBM a favore dell’ambiente, già avviato nel 1971,quando pubblicò la sua prima dichiarazione di politica ambientale. Oggi, IBM continua ad impegnarsi per una buona gestione delle risorse del pianeta come ampiamente descritto nel suo rapporto annuale IBM sull'ambiente.

Oltre alla collaborazione con Alliance, IBM ha anche avviato un programma di educazione alla sostenibilità insieme a Chesapeake Bay Foundation, The Nature Conservancy e WWF-UK. Il programma, totalmente gratuito, è stato sviluppato con l’obiettivo di colmare un gap non indifferente nel mercato dei prodotti e servizi, che riguarda la crescente attenzione da parte dei consumatori alle scelte sostenibili dei brand di fiducia. Il programma educativo è fruibile dalla piattaforma Open P-TECH, progettata per permettere a studenti, insegnanti e genitori di sviluppare hard e soft skill maggiormente richiesti nel mondo del lavoro. Maggiori dettagli sul progetto sono disponibili qui.

16 dicembre, 2020

Paola Piacentini, External Relations
@ppiac

Visit us on LinkedIn