Processi di conversione in batch e manuali

Un'importante decisione da prendere nella pianificazione della conversione dei dati è se utilizzare un processo manuale o in batch per convertire i caratteri.

Approccio manuale

Se il numero delle modifiche richieste è contenuto, può essere eseguito un approccio manuale. Il report di output creato dal sottocomando codepageutil analyze_tables elenca l'ubicazione di ciascun carattere nel database non supportato dalla codepage di dati desiderata.

In base alle tabelle in cui vengono visualizzati i caratteri non supportati, è possibile modificare i caratteri utilizzando Designer, il tool di manutenzione, le applicazioni del client IBM Rational ClearQuest o i tool di modifica messi a disposizione dal fornitore del database.

Un approccio manuale permette un maggiore controllo sulle modifiche e assicura che ognuna venga riesaminata affinché le informazioni convertite abbiano senso per gli utenti. Uno svantaggio di questo approccio è costituito dalla grande quantità di lavoro, dal fatto che sia soggetto all'errore umano e che non sia pratico se è necessario effettuare un grande numero di modifiche.

Metodo in batch

Se il numero delle modifiche è grande, potrebbe essere più efficace un approccio in batch.

È possibile che il fornitore del database offra già questa funzione (ad esempio, il programma di utilità Oracle Character Set Scanner). Consultare la documentazione del database del fornitore. Altrimenti, è possibile scrivere un programma di conversione in batch.

L'esecuzione del sottocomando codepageutil analyze_tables con l'opzione -xml crea un file XML che mostra l'ubicazione di ciascun carattere non supportato. È possibile utilizzare questo file come input per il programma di conversione in batch.

Dopo aver utilizzato un processo di conversione in batch per convertire i caratteri, è consigliabile riesaminare alcuni campi di testo, come ad esempio Descrizione, Note e Intestazione per verificare che le conversioni siano comprensibili.


Feedback